Accordo Titomic Repkon

TITOMIC COLLABORA CON REPKON PER STAMPARE IN 3D COMPONENTI DI ARMI IN AUSTRALIA

Il produttore australiano di stampanti 3D in metallo Titomic ha firmato un accordo con il produttore di macchine utensili Repkon per costruire insieme un nuovo impianto di produzione di stampa 3D in Australia.

La fabbrica si concentrerà sulla fabbricazione di barili di sistemi d’arma progettati da Repkon utilizzando la tecnologia di stampa 3D brevettata Kinetic Fusion (TKF) di Titomic. Secondo Titomic, l’inizio della partnership è in linea con la strategia globale della società recentemente svelata, che prevede la collaborazione con i clienti esistenti in joint venture di produzione additiva.

Norbert Schulze, CEO ad interim di Titomic, spiega: “Siamo entusiasti della possibilità di lavorare con Repkon per produrre barili in Australia utilizzando la nostra tecnologia Kinetic Fusion, migliorando l’ecosistema manifatturiero australiano, creando posti di lavoro e collaborando con i nostri partner per fornire il meglio in prodotti di classe. “

TKF è la versione proprietaria di Titomic del processo di produzione additiva a spruzzo freddo. La tecnica funziona spruzzando polveri metalliche da un ugello a velocità supersoniche su un substrato solido sottostante, che può essere una piattaforma di costruzione o una parte metallica esistente. Poiché non è coinvolta energia termica, i depositi di polvere si basano esclusivamente sull’energia cinetica del flusso a getto per fondersi con la parte solida che viene fabbricata. Il risultato è un componente metallico di forma quasi netta pronto per la post-elaborazione.

La tecnologia è stata sviluppata in collaborazione con la Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation (CSIRO) australiana, sebbene Titomic abbia i diritti esclusivi per commercializzare l’approccio quando utilizzato con polveri di leghe di titanio. In quanto tale, TKF ha visto un ampio uso nei settori aerospaziale e della difesa per applicazioni come parti di aviazione pronte per il volo e componenti per missili ad alte prestazioni .

La tecnologia di spruzzatura a freddo di Titomic è nota anche per le sue eccellenti velocità di costruzione (fino a 75 kg all’ora) e per le capacità di produzione di grandi parti, con il TKF 9000 che offre una capacità di costruzione di 9 x 3 x 1,5 m. Secondo l’azienda, i clienti TKF possono beneficiare di riduzioni degli sprechi di materiale fino all’80% rispetto alla lavorazione tradizionale, il tutto riducendo i tempi di consegna da mesi a pochi giorni. Oltre al titanio, la tecnologia è compatibile con acciaio, rame, nichel, alluminio e altro.

Jeff Lang, CTO di Titomic, ha già affermato: “L’anno 2020 è stato un anno importante per lo sviluppo commerciale di Titomic, con un focus sui ricavi delle vendite e la nostra traiettoria strategica per diventare un attore importante nella produzione globale di metalli”.

Il nuovo impianto di produzione dovrebbe far progredire in modo significativo le capacità di produzione della difesa dell’Australia, oltre ad aprire opportunità di esportazione per i barili di armi a livello globale. Descritta dai partner come “all’avanguardia”, la fabbrica creerà anche diversi posti di lavoro di produzione avanzata altamente qualificati per i residenti del paese, rafforzando l’economia locale.

Ibrahim Kulekci, CEO di Repkon, aggiunge: “Titomic è un’azienda leader con comprovata affidabilità nella produzione di additivi metallici, quindi, averli come partner della joint venture, sarà estremamente vantaggioso nella produzione e vendita di barili progettati da Repkon”.

Be the first to comment on "Accordo Titomic Repkon"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi