L’evoluzione dei servizi di stampa 3D

La continua sfocatura dei servizi di stampa 3D
 
 
Linea di produzione di stampanti 3D presso un servizio di stampa 3D [Fonte: Fabbaloo]
Una tendenza a lungo termine ha trasformato il business dei servizi di stampa 3D di oggi in qualcosa di completamente diverso.

Anni fa, quando le stampanti 3D erano dispositivi utilizzati solo per la prototipazione approssimativa e solo da poche persone selezionate, i servizi di stampa 3D erano piuttosto diversi.

Quindi l’idea era di acquistare una o tre macchine e cercare di tenerli occupati con le richieste dei clienti di stampa 3D. Di solito questo significava inviare via email un modello 3D in formato STL al servizio, dopo di che un tecnico avrebbe ispezionato manualmente il file per la stampabilità. Alla fine la stampa avrebbe avuto luogo e i risultati sarebbero stati spediti al richiedente.

Nel tempo questo tipo di operazione ha ampliato la sua capacità aggiungendo macchine sempre migliori e soprattutto potenziando la loro interfaccia pubblica. Alla fine i modelli 3D verrebbero controllati automaticamente per la stampabilità, riducendo il lavoro necessario per gestire le stampe.

In questo momento i principali produttori di stampanti 3D gestirebbero i propri servizi di stampa 3D. Questo era un modo per consentire ai potenziali acquirenti di testare la tecnologia prima di effettuare un acquisto e, in alcuni casi, di gestire volumi ridotti fino a quando non si alzavano e giustificavano l’acquisto di attrezzature.

 
Tali centri servivano anche come eccellenti piattaforme per mostrare le attrezzature agli acquirenti nuovi alla tecnologia.

Queste strutture indipendenti e di proprietà dei produttori esistono ancora, ma sembra che ci sia un cambiamento che le investe.

Le operazioni indipendenti hanno iniziato la trasformazione aggiungendo ulteriori tecnologie di produzione al mix. Invece di offrire solo servizi di stampa 3D, potrebbero anche eseguire il taglio laser o la fresatura CNC.

Perché aggiungere queste tecnologie “straniere”? Era semplicemente a causa delle richieste dei clienti. Si scopre che i clienti non erano specificamente interessati alla stampa 3D, ma – sorpresa – erano più interessati a realizzare le parti di cui avevano bisogno, utilizzando qualsiasi tecnologia fosse necessaria. In molti casi ciò significava non solo la stampa 3D, ma altre tecnologie.

Non è sorprendente, se ci pensi. I clienti arrivavano con un’idea per una parte ma non necessariamente sapevano quale tecnologia era necessaria per realizzarla. Dopo aver visto molti clienti andare, diciamo, a un servizio di taglio laser, puoi capire perché hanno aggiunto queste tecnologie al loro servizio.

Ma l’aggiunta di tecnologie cambia le cose. Queste operazioni non erano solo servizi di stampa 3D, ma stavano diventando servizi di produzione generici. Una volta aggiunta una tecnologia aggiuntiva, è facile aggiungerne ancora di più.

È molto diverso dai semplici servizi di stampa 3D originali.

Anche le operazioni di proprietà del produttore di stampanti 3D hanno iniziato a incorporare altre tecnologie e persino apparecchiature dei loro concorrenti. Questo perché non esiste davvero un business per i servizi di stampa 3D.

L’azienda sta invece producendo parti e ora la maggior parte se ne rende conto.

Quindi vediamo le tecnologie nei servizi di stampa 3D, ehm, intendo servizi di produzione, sfocatura. Ora stanno diventando una raccolta ottimizzata di attrezzature per la produzione in grado di gestire il maggior numero possibile di richieste di parti in entrata.


Questa tendenza è persino trapelata all’interno degli stessi produttori di stampanti 3D, poiché ora vediamo diversi provvedimenti per diversificare rapidamente le loro capacità tecnologiche.

In passato l’equazione era simile a questa:

Sistemi 3D: apparecchiature SLA e SLS
Stratasys: FDM e PolyJet
EOS: PBF
Ora l’immagine sta cambiando rapidamente, con Stratasys che vende apparecchiature SLA e 3D Systems che sviluppano apparecchiature in stile FDM . Anche il nuovo arrivato Desktop Metal vende attrezzature in plastica e resina. Non ci sono confini in questi giorni, e l’“equazione” di oggi sarebbe una tabella piuttosto grande con molte sovrapposizioni.

È un mondo sfocato nella stampa 3D e diventerà molto più sfocato con il passare del tempo.

 

Be the first to comment on "L’evoluzione dei servizi di stampa 3D"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi