L’Oklahoma City Air Logistics Complex e la direzione della propulsione dell’Air Force Life Cycle Management Center, insieme al partner industriale General Electric, hanno recentemente tenuto una cerimonia del taglio del nastro per il secondo laboratorio di Reverse Engineering e Critical Tooling del complesso che ospita stampanti 3D per metalli acquistate nell’ambito del programma Pacer Edge . Inoltre, erano presenti le parti interessate chiave del team Pacer Edge dell’Organizzazione dei contratti strategici dell’Agenzia logistica della difesa, l’Ufficio di supporto rapido dell’Air Force e l’Air Force Research Lab.

 

Il programma Pacer Edge è una partnership tra governo e industria progettata per fornire una tecnologia all’avanguardia che aumenti la velocità di produzione e riduca i costi di mantenimento sfruttando la produzione additiva per produrre componenti critici di aeromobili e motori che siano sicuri, adatti e affidabili. L’obiettivo del programma è aumentare la prontezza del sistema d’arma dell’Air Force combattendo la diminuzione delle fonti di produzione, fornitura e riparazione.

Nell’ambito del programma Pacer Edge, sono state presentate due stampanti 3D in lega di metallo. Le stampanti mostrano la crescente capacità dell’Air Force di produrre in modo additivo velivoli e componenti di motori in metallo. Le parti relative alla sicurezza del volo dovranno essere certificate dall’Autorità di certificazione dell’aeronavigabilità dell’Air Force prima di essere utilizzate.

 “La stampante sarà utilizzata per la produzione di elementi di propulsione come utensili e parti del motore”, ha affermato Jason McCurry, Reverse Engineering e capo di volo di Critical Tooling. “L’impatto maggiore è la capacità di produrre parti che non vengono più prodotte.

Oltre a supportare sistemi obsoleti afflitti da fonti di produzione in diminuzione, il programma Pacer Edge può ridurre i tempi di produzione dell’80%.

“La direzione della propulsione ha abbracciato la produzione additiva a causa di un grande motivo strategico ed è quello di migliorare la prontezza della propulsione per il combattente”, ha affermato John Sneden, direttore della direzione della propulsione dell’Air Force Life Cycle Management Center. “La produzione additiva ci mette al posto di guida in modo da poter reperire quei pezzi a basso volume difficili da ottenere alla velocità del bisogno.”

Le partnership industriali facilitano lo scambio di conoscenze e tecnologie per supportare i combattenti.

 “Attraverso questa partnership abbiamo acquistato i diritti sui dati tecnologici e ora abbiamo le macchine qui e GE ci sta addestrando a usarle”, ha affermato il Magg. Gen. Jeff King, comandante dell’OC-ALC. “Ci stanno guidando attraverso questo processo che aiuterà ad accelerare il processo di certificazione dell’aeronavigabilità che produce parti di alta qualità più velocemente e conserva ancora l’alto livello di sicurezza di cui abbiamo bisogno per i nostri combattenti”.

Il programma ha sviluppato con successo due parti stampate in 3D in metallo relative al motore che volano oggi, una per il B-52 Stratofortress e un’altra per l’aereo F-16 Fighting Falcon. OC-ALC e AFLCMC/LP hanno più di una dozzina di parti in più attualmente in fase di sviluppo.

REACT II segna l’introduzione di una tecnologia rivoluzionaria nel supporto degli aeromobili, ampliando la disponibilità della rete per ridurre al minimo i costi di manutenzione del deposito, produrre prototipazione rapida e iterazione del progetto, oltre a eseguire verifiche dimensionali e produzione a basso volume di attrezzature.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi