Il produttore di sistemi di post-elaborazione automatizzati PostProcess ha pubblicato i risultati dell’edizione 2021 del suo sondaggio sulle tendenze del settore post-stampa sulla produzione additiva .

Sulla scia del rapporto dominato dalla pandemia del 2020 , l’azienda afferma che il sondaggio di quest’anno mostra che le aziende di stampa 3D stanno iniziando a mettere in pratica ciò che hanno imparato da COVID-19, con la post-elaborazione che diventa una priorità per coloro che iniziano a entrare in una “produzione di volume più elevato” e molti scelgono di implementare solo una singola tecnologia di produzione additiva.

Lanciato nel 2019, il sondaggio ormai annuale di PostProcess è progettato per incoraggiare gli utenti dei sistemi di post-elaborazione a condividere le loro esperienze nell’utilizzo della tecnologia nella pratica. Raccogliendo i dati risultanti, l’azienda mira quindi a tracciare un corso per il settore della post-stampa e della stampa 3D, oltre a integrare le sue conoscenze nei prodotti che porta sul mercato stesso. 

Le passate edizioni del sondaggio hanno fornito spunti affascinanti, facendo luce sulla relazione tra rimozione della resina e finitura superficiale, oltre ad aiutare a identificare alcune delle tendenze e delle sfide chiave del settore, quindi il sondaggio di quest’anno promette di essere altrettanto perspicace sul post- prospettive di pandemia di chi opera nel settore. 

Dal punto di vista demografico, il 51% dei partecipanti al terzo sondaggio di PostProcess ha utilizzato la stampa 3D per più di cinque anni, rispetto al 45% riportato nel 2020, il che significa che i suoi risultati sono più che mai basati. Con il 52%, più della metà dei partecipanti proviene anche dall’Europa, con il 39% proveniente dagli Stati Uniti e gli intervistati provengono da oltre 25 settori in generale, dall’industria automobilistica a quella medica. 

PostProcess ha rilevato che l’estrusione di materiale, la fotopolimerizzazione in vasca e la fusione a letto di polvere (PBF) sono le tecnologie più comuni utilizzate dagli intervistati al sondaggio del 2021. Tuttavia, rispetto allo stesso periodo del 2020, l’azienda ha anche rilevato un calo dal 70% al 50% di coloro che utilizzano più di una tecnologia di produzione, suggerendo che i produttori stanno iniziando a specializzarsi per ottimizzare i propri flussi di lavoro.

Allo stesso modo, quando si tratta di punti deboli della stampa 3D di estrusione, i contributori hanno riportato la consistenza delle parti, i tempi di consegna e i danni come i primi tre. È interessante notare, tuttavia, che mentre questi utenti hanno evidenziato i punti più deboli di qualsiasi tecnologia esaminata, la fotopolimerizzazione della vasca ha visto l’oscillazione più grande nelle priorità, con gli adottanti che hanno spostato l’attenzione dai problemi del lavoro e della produttività, verso la sicurezza e la sostenibilità. 

Secondo PostProcess, le crescenti preoccupazioni degli utenti della fotopolimerizzazione in vasca sono molto “probabilmente dovute alla crescita di soluzioni a base di resina”, oltre che “alle considerazioni speciali legate a questa tecnologia”.

Sul fronte della post-elaborazione, l’azienda ha scoperto (come negli anni precedenti) che la rimozione del supporto e la finitura superficiale erano le due tecnologie più utilizzate, qualcosa che considera dipendente dalle esigenze delle stesse stampanti 3D. Per il terzo anno consecutivo, i partecipanti hanno anche affermato che la finitura parziale era la loro preoccupazione numero uno in quest’area, sebbene questa percentuale sia diminuita dal 75% al ​​53% tra il 2019 e il 2021. 

Per quanto riguarda l’esborso post-stampa totale, il sondaggio di PostProcess ha rilevato che gli intervistati spendono sempre più oltre un quarto del loro budget per l’attività, con una quota di coloro che lo fanno passando dal 23% al 31% rispetto allo scorso anno. Questo aumento è stato segnalato più chiaramente dagli utenti DED, sebbene questi rappresentassero una minoranza dei partecipanti al sondaggio e gli utilizzatori di stampanti 3D per estrusione hanno affermato di spendere di meno. 

Al contrario, sono stati quei produttori che richiedono l’uso di processi di rimozione che hanno riferito di spendere di più per la post-stampa, come percentuale del loro budget per la produzione additiva. PostProcess afferma che ciò è in gran parte dovuto al fatto che le loro parti “probabilmente richiedono più tecniche per essere finite”, che richiedono l’uso di varie macchine, oltre alla spesa per la formazione del personale necessaria per farle funzionare. 

È interessante notare che il sondaggio dell’azienda ha anche mostrato che la percentuale di produttori che utilizzano la stampa 3D per la prototipazione è diminuita drasticamente tra il 2019 e il 2021, dal 65% al ​​52%. Ciò segna potenzialmente un cambiamento significativo negli atteggiamenti tra i partecipanti al sondaggio, poiché il 57% di loro ha affermato nel 2019 che la tecnologia sarebbe stata utilizzata per la prototipazione per i prossimi 3-5 anni, ma nel 2021 solo il 44% ha ritenuto che fosse così. 

In linea con questo più ampio spostamento verso le parti stampate che vengono distribuite all’interno di “ambienti simili alla produzione”, il 76% degli intervistati ha affermato che il loro investimento futuro nella stampa 3D riguarderà il miglioramento della qualità delle parti finali, mentre per quanto riguarda la post-elaborazione, il 60% ha riferito di aver stavano cercando di ottimizzare la salute, la sicurezza e la sostenibilità delle loro operazioni. 

Andando avanti, PostProcess afferma che il 32% dei produttori ha segnalato l’intenzione di aumentare l’uso della stampa 3D dopo il COVID, con la maggior parte di quelli con sede in Europa. In particolare, questi utenti, che tendono a provenire dall’industria del “job shop”, hanno suggerito che erano più propensi ad acquistare nuovi sistemi di polimerizzazione PBF o tino, e gli utilizzatori di getti di materiale si sono dimostrati più riluttanti a farlo. 

Chi è interessato a leggere per intero l’edizione 2021 del sondaggio sulle tendenze del settore post-stampa sulla produzione additiva di PostProcess può farlo a questo indirizzo

Il sondaggio di PostProcess ha mostrato che la stragrande maggioranza dei produttori intende continuare a investire nella post-elaborazione in futuro. Immagine tramite PostProcess.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi