TEMPO DI CAMBIARE? L’83% DELLE AZIENDE PETROLIFERE E DEL GAS PUNTA ALLA STAMPA 3D, AFFERMA PROTOLABS
 
Secondo un rapporto di settore, circa l’83% delle compagnie petrolifere e del gas sta valutando l’adozione della stampa 3D o della produzione su richiesta per soddisfare le proprie esigenze di produzione di pezzi di ricambio . 

Il rapporto completo può essere trovato nello studio intitolato: “ E’ Tempo di decidere: i servizi petroliferi sono a un bivio, cosa significa emissioni zero per le compagnie europee di servizi petroliferi? ”, pubblicato da Protolabs.

Pubblicato dal fornitore di produzione digitale Protolabs , il sondaggio “Decision Time” ha rivelato come le aziende nel settore dei servizi petroliferi intendono adattarsi alle sfide della sostenibilità, impegnandosi in Manufacturing-as-a-Service (MaaS). In tal modo, il rapporto afferma che l’industria mira a ridurre i costi, ridurre le emissioni di CO 2 e adattarsi alla “transizione verso l’energia verde”.

“La voglia del settore di garantire un futuro a lungo termine significa che le aziende si stanno espandendo in altri settori e ampliando le proprie capacità”, spiega Bjoern Klaas, VP e MD di Protolabs Europe. “Con la transizione energetica che sta rivoluzionando il settore, combinata con un ambiente di profitto molto più basso, è imperativo che le aziende continuino a innovare e ad abbracciare i mercati delle rinnovabili”.

“L’INNOVAZIONE E LA TECNOLOGIA SONO I TRATTI DISTINTIVI DEI SERVIZI PETROLIFERI, IL CHE È INCORAGGIANTE DATE LE STRAORDINARIE PRESSIONI SUL SETTORE”.
 

Firmato nel 2015, l’ Accordo di Parigi sul clima ha introdotto obiettivi di emissione giuridicamente vincolanti che sono effettivamente progettati per rallentare il più possibile il riscaldamento globale. Sebbene abbiano senza dubbio un impatto ambientale positivo, esercitano anche una pressione significativa sull’industria petrolifera e del gas affinché cambi e si adatti alla domanda di fonti di energia più verdi.  

Per scoprire come gli operatori del settore dei servizi petroliferi intendono raggiungere questo obiettivo, Protolabs ha parlato con oltre 180 leader del settore, inclusi i dirigenti di Welltec e Swire Energy Services , durante l’estate del 2021. Cristallizzato nel rapporto Decision Time dell’azienda, il sondaggio i risultati rivelano che la stragrande maggioranza delle aziende petrolifere e del gas ritiene che il proprio commercio debba innovarsi, al fine di garantire il proprio futuro a lungo termine. 

Oltre ad adottare la stampa 3D e “MaaS”, l’87% degli intervistati britannici del sondaggio ha affermato che ora prevede di implementare la robotica e l’automazione, per ottimizzare la produzione di pezzi di ricambio. Nei prossimi 12 mesi, il 76% dei partecipanti ha anche rivelato che intende esternalizzare la produzione di componenti a “fornitori specializzati”, mentre l’80% ha dichiarato di puntare ad accorciare le proprie catene di approvvigionamento per evitare l’instabilità. 

È interessante notare che circa il 74% di coloro che hanno preso parte, ha concluso che la transizione verso l’energia verde ha portato anche loro a ridefinire la propria attività e si aspettano che il 64% dei loro progetti sarà lontano dai combustibili fossili entro il 2026. Di conseguenza, afferma Klaas i risultati mostrano che il settore del petrolio e del gas sta prendendo sul serio la “credibilità ambientale” e sta diventando “sostenibile nel mercato globale”.

“Che il settore dei servizi petroliferi e il settore energetico in generale passeranno alle energie rinnovabili è ben compreso”, ha concluso Klaas. “Ma questo rapporto chiarisce che la transizione è già stata intrapresa lungo la catena di approvvigionamento”.

 
Opportunità di petrolio e gas di AM

Mentre il mondo inizia ad allontanarsi dai combustibili fossili e il settore petrolifero e del gas diventa sempre più competitivo, le aziende cercano sempre più modi per ridurre i costi. Per raggiungere questo obiettivo, molti stanno valutando l’esternalizzazione della produzione di parti agli uffici di stampa 3D, nella speranza di ridurre i tempi di fermo dell’impianto, mentre altri hanno adottato la tecnologia internamente con l’obiettivo di evitare la volatilità della catena di approvvigionamento. 

In passato, uno degli ostacoli alla stampa 3D di petrolio e gas è stato stabilire un set di parametri per la produzione di parti con la resistenza alla corrosione e la stabilità termica necessarie per l’applicazione finale. Tuttavia, si stanno facendo progressi in questo settore, con la società di certificazione DNV GL che ha recentemente rilasciato un documento sulle specifiche del servizio , progettato per supportare l’adozione della stampa 3D all’interno di petrolio e gas. 

L’industria stessa ha anche mostrato un vivo interesse per la produzione additiva, attraverso la sua forte partecipazione ai ” Progetti di innovazione congiunti ” di DNV GL lo scorso anno. Organizzata per stabilire linee guida per la produzione e la qualificazione di parti stampate in 3D WAAM e PBF per il settore marittimo, petrolifero e PBF, l’iniziativa ha attirato artisti del calibro di BP , Shell e Total , nonché le competenze di Sandvik , Siemens e Additive Industries . 

In applicazioni più pratiche, il fornitore di servizi energetici Hunting PLC ha recentemente annunciato di aver acquistato il 27% di Cumberland Additive , segnando il suo primo passaggio alla stampa 3D . Sebbene la società non abbia delineato esattamente come intende commercializzare la tecnologia alla sua clientela di petrolio e gas, afferma che il suo investimento le fornirà “nuove opportunità di mercato” in “settori complementari alle sue competenze chiave”.

Con la sua ultima indagine, Protolabs ha effettivamente identificato un’opportunità per la stampa 3D come mezzo di produzione distribuita nel settore petrolifero e del gas, un settore per il quale ha mostrato un crescente interesse. Nel maggio 2021, ad esempio, l’azienda ha ottenuto la ” Qualificazione “. di certificazione del produttore da DNV GL, in una mossa che ha dimostrato che le sue parti stampate DMLS soddisfano le rigorose esigenze dell’industria petrolifera. 

Da allora, l’azienda ha pubblicato un altro studio , che analizza le sfide che l’industria delle batterie in Europa deve affrontare. Ancora una volta, il sondaggio di Protolabs ha rivelato che circa l’82% degli intervistati prevede o sta attualmente sviluppando capacità AM nei prossimi 12 mesi, creando essenzialmente opportunità per soddisfare le esigenze di coloro che scelgono di esternalizzare, con i suoi servizi. 

Più in generale, la continua espansione di Protolabs, inclusa l’ acquisizione di Hubs da 280 milioni di dollari , ha visto le sue entrate raggiungere livelli record nel secondo trimestre del 2021. Una volta che ha completamente integrato la sua controllata, la società prevede di sfruttare le sue capacità di stampa 3D acquisite per aumentare le vendite dal suo esistente base e crescere in nuove aree. 

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi