Redwire lancia una biostampante 3D aggiornata sulla stazione spaziale per indagare su un nuovo trattamento per aiutare i membri del servizio militare, espande la ricerca sulla produzione agricola e i test sui materiali in orbita

Redwire invia una biostampante 3D migliorata per la struttura di biofabbricazione alla ISS
 
  Redwire Corporation (NYSE: RDW), leader nelle infrastrutture spaziali per l’economia spaziale di prossima generazione, sta lanciando la sua biostampante 3D aggiornata, la BioFabrication Facility (BFF), insieme ad altri tre carichi utili sulla 18a missione di servizi di rifornimento del carico di Northrop Grumman ( NG -18) per la NASA alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). La missione dovrebbe decollare non prima di domenica 6 novembre alle 5:50 EST dal pad 0A del Mid-Atlantic Regional Spaceport a Wallops Island, in Virginia. 

BFF è un’entusiasmante capacità che stampa in 3D cellule umane nello spazio per fabbricare strutture tissutali complesse e infine organi che un giorno potrebbero essere utilizzati per aiutare i pazienti sulla Terra. Redwire sta lavorando con l’Uniformed Services University of the Health Sciences Center for Biotechnology (4DBio 3 ), un centro di ricerca biomedica che esplora e adatta biotecnologie promettenti a beneficio dei combattenti, per esplorare come la bioprinting spaziale potrebbe aiutare a curare le lesioni meniscali, una delle più comuni lesioni ortopediche che colpiscono i membri del servizio militare statunitense. L’indagine BFF-Meniscus-2 sfrutterà BFF e la struttura ADvanced Space Experiment Processor (ADSEP) di Redwire, entrambi lanciati a bordo di NG-18, per biostampare un menisco del ginocchio umano nello spazio cheessere studiato in laboratorio dopo il ritorno del campione sulla Terra.

“BFF è una tecnologia rivoluzionaria che potrebbe avere implicazioni significative per il futuro della salute umana e dell’assistenza ai pazienti sulla Terra”, ha affermato John Vellinger, vicepresidente esecutivo di Redwire per la produzione e le operazioni nello spazio. “L’ISS fornisce una piattaforma di test critica per far avanzare queste tecnologie all’avanguardia che stanno consentendo indagini critiche da parte degli utenti commerciali e della comunità di ricerca scientifica che un giorno si estenderanno alle future stazioni spaziali commerciali”.

La biostampa 3D di interi organi nello spazio a beneficio dei pazienti sulla Terra è un obiettivo a lungo termine per BFF. A breve termine, BFF è anche uno strumento prezioso per testare l’efficacia dei farmaci. BFF può stampare e coltivare organoidi, una massa di cellule o tessuto coltivata artificialmente che assomiglia a un organo. I ricercatori possono testare nuovi composti farmaceutici su questi organoidi e ricavare dati significativi che possono apportare grandi benefici alla ricerca sullo sviluppo di farmaci, alla ricerca sulla modellazione delle malattie e agli approcci di ingegneria dei tessuti. 

Redwire sta anche lanciando un’indagine scientifica sulle piante, The Epigenetic Adaptation to the Spaceflight Environment – Accumulated Genomic Change Induced by Generations in Space (Plant Habitat-03), che potrebbe aiutare a identificare gli elementi genetici che aumentano l’adattabilità delle piante al volo spaziale. L’indagine Plant Habitat-03, che sarà condotta utilizzando l’Advanced Plant Habitat della NASA, una struttura automatizzata per la crescita delle piante gestita da Redwire, si basa sulle tre precedenti indagini di successo di Redwire che hanno coltivato ravanelli, peperoncini e colture di tessuti di cotone nello spazio. Questa indagine potrebbe aiutare a sviluppare strategie per adattare le colture e altre piante economicamente importanti per la crescita in habitat marginali e bonificati sulla Terra.  

Anche il lancio di questa missione è l’ indagine Asymmetric Sawtooth and Cavity-Enhanced Nucleation-Driven Transport, o PFMI-ASCENT. L’indagine cerca di dimostrare un sistema di raffreddamento passivo per dispositivi elettronici in condizioni di microgravità utilizzando una superficie microstrutturata. L’indagine utilizzerà la fornace di ricerca spaziale della NASA, la struttura Pore Formation and Mobility Investigation (PFMI), gestita da Redwire. L’obiettivo a lungo termine di questa ricerca è sviluppare una tecnologia di superficie microstrutturata semplice, passiva e autoregolante per i dissipatori di calore utilizzati nell’elettronica di consumo e nell’avionica. L’indagine è una collaborazione tra i ricercatori della Auburn University e dell’Università della California-Davis. 

Redwire dispone di un catalogo ampio e diversificato di attrezzature e servizi per condurre ricerche in condizioni di microgravità per clienti federali, istituzionali e industriali. La tecnologia Redwire lanciata in questa missione include esperimenti incentrati sull’avanzamento delle capacità biomediche, sulla produzione di materiali avanzati e sulla biologia vegetale, dimostrando l’ampiezza delle capacità in orbita di Redwire per accelerare più scoperte scientifiche e fornire prodotti più benefici alla Terra. 

Per saperne di più sulla scienza e la tecnologia che Redwire sta lanciando nella missione di rifornimento del carico NG-18 di Northrop Grumman, visitare: www.redwirespace.com . 

 

A proposito di Redwire

Redwire Corporation (NYSE: RDW) è leader nelle infrastrutture spaziali per l’economia spaziale di nuova generazione, con preziosi diritti di proprietà intellettuale per la generazione di energia solare e la stampa e la produzione 3D nello spazio. Con decenni di eredità di volo combinati con la cultura agile e innovativa di una piattaforma spaziale commerciale, Redwire è in una posizione unica per assistere i propri clienti nella risoluzione delle complesse sfide delle future missioni spaziali. Per ulteriori informazioni, visitare  www.redwirespace.com . 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi