Structur3d Inj3ctor

STRUCTUR3D LANCIA LA PIATTAFORMA INJ3CTOR PER COMBINARE LA STAMPA 3D DESKTOP E LO STAMPAGGIO A INIEZIONE PER PARTI IN GOMMA

Lo sviluppatore canadese di materiali morbidi per la produzione additiva, Structur3d , ha svelato una nuova piattaforma di produzione desktop per accelerare la ricerca, la prototipazione e la produzione di parti in gomma attraverso una combinazione di stampa 3D e stampaggio a iniezione.

La piattaforma Inj3ctor cerca di superare le attuali sfide che impediscono alle parti in gomma stampate in 3D di soddisfare gli standard di produzione, combinando tecniche di stampa 3D e iniezione desktop insieme a materiali di qualità industriale.

“Come team di scienziati e ingegneri chimici, abbiamo adottato un approccio basato sui materiali alla tecnologia di stampa 3D e abbiamo ampliato le capacità dei materiali delle stampanti oltre la plastica standard”, ha affermato Charles Mire, CEO e co-fondatore di Structur3d. “La nostra piattaforma Inj3ctor mette in luce il nostro passaggio ai mercati della produzione industriale e dimostra come la produzione additiva possa aprire la strada verso la fabbrica del futuro.

“LA TECNOLOGIA APRE LA PORTA A SVILUPPATORI E PRODUTTORI DI PRODOTTI PER ACCELERARE LA RICERCA E LA PROTOTIPAZIONE RIDUCENDO AL CONTEMPO I RISCHI NELL’APPROVVIGIONAMENTO E NELLA PRODUZIONE DELLA CATENA DI APPROVVIGIONAMENTO”.

Mentre i materiali simili alla gomma, noti anche come elastomeri, sono desiderati sia per la loro flessibilità che per la loro resistenza, la fragilità spesso ne limita l’uso nelle parti funzionali. Al momento, gli elastomeri vengono utilizzati principalmente come resine nelle applicazioni di stampa 3D e recentemente sono stati sviluppati diversi nuovi materiali simili alla gomma.

A giugno, la stampante 3D statunitense OEM 3D Systems ha lanciato il suo elastomero Figure 4 RUBBER-65A BLK che mostrava un elevato allungamento a rottura per flessibilità e durata, rendendolo adatto agli usi in guarnizioni per aria e polvere e guarnizioni per l’elettronica. Nel frattempo, Fillamentum Industrial ha introdotto una selezione di materiali tra cui una resina elastomerica Flexfill TPE flessibile , adatta per imballaggi, prototipi, prodotti medicali e componenti elastomerici come guarnizioni e sigillature.

Altrove, lo specialista in resina per stampa 3D con sede in Texas Adaptive3D ha collaborato con la multinazionale olandese per la nutrizione e i materiali, DSM , per commercializzare un materiale simile alla gomma morbida a base di resina, da vendere con il nome Soft ToughRubber. Adaptive3D aveva precedentemente introdotto il suo materiale Damping ToughRubber , che la società considerava il “fotopolimero a più alto ceppo al mondo”.

Più recentemente, i ricercatori del Macromolecules Innovation Institute (MII) della Virginia Tech University (VTU ) e della Michelin North America hanno creato un nuovo materiale in lattice stampato in 3D con potenziali applicazioni in aree come la robotica morbida, i dispositivi medici e gli ammortizzatori. Nel frattempo, GoProto , fornitore californiano di servizi di prototipazione rapida, ha lanciato un nuovo servizio di stampa 3D chiamato 3DElastroPrint , specializzato nella produzione di parti ” gommose ” basate su una poliammide termoplastica (TPA) flessibile e leggera prodotta da Evonik e ottimizzata per HP Multi Jet Fusion ( MJF) .

Combinando i principi della stampa 3D e dello stampaggio a iniezione desktop, Structur3d sta espandendo le sue capacità sui materiali per produrre nuovi prodotti con materiali in gomma di qualità industriale, come siliconi e poliuretani attraverso la sua piattaforma Inj3ctor.

La piattaforma Inj3ctor utilizza stampi stampati in 3D per iniettare materiali flessibili a 2 componenti (2K) in forme personalizzabili. Gli sviluppatori di prodotti possono progettare stampi dettagliati utilizzando il software CAD e quindi stamparli in 3D utilizzando plastica standard, durevole o solubile tramite una stampante 3D Ultimaker S5 .

Gli utenti possono quindi personalizzare migliaia di materiali in gomma liquida per ottenere le proprietà di durata, flessibilità e polimerizzazione desiderate, prima di programmare il rapporto di miscelazione e il volume di iniezione. Sulla base di questi parametri, Inj3ctor riempie lo stampo stampato in 3D per creare una parte personalizzata e flessibile. Riducendo i costi e i rischi di approvvigionamento, questo processo è adatto alla produzione su richiesta di piccoli lotti di prototipi in gomma e parti per uso finale.

Secondo Structur3d, questo metodo potrebbe essere utilizzato in numerosi settori, tra cui automobilistico, prodotti industriali, aerospaziale, accademico, energetico, medico e vari prodotti di consumo in cui è richiesta la personalizzazione. La piattaforma elimina le fasi costose e dispendiose in termini di tempo di produzione di prodotti in gomma come stampi colati a mano e costosi strumenti di produzione di massa. Mentre i grandi produttori guardano al futuro della produzione personalizzata, su richiesta, Inj3ctor potrebbe aprire la porta alle aziende che pensano di integrare le tecnologie di produzione additiva nei loro flussi di lavoro.

Il primo lotto della piattaforma Inj3ctor di Structur3d dovrebbe essere spedito nel quarto trimestre di quest’anno ai produttori. Incluso nel pacchetto della piattaforma Inj3ctor sono Inj3ctor, una stampante 3D Ultimaker S5, i materiali di accompagnamento e accessori aggiuntivi.

Be the first to comment on "Structur3d Inj3ctor"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi