RECENSIONE: XYZPRINTING DA VINCI PRO EVO – STAMPANTE 3D FDM PREMIUM PER AGGIORNARE  lLA TUA AZIENDA  Fondata nel 2013, XYZprinting si è fatta un nome nel mondo della stampa 3D FFF con la sua suite di macchine basate sull’estrusione che rendono la tecnologia accessibile a un gruppo molto più ampio. L’ultima aggiunta al portafoglio XYZprinting è la da Vinci Pro EVO. Inteso come successore del da Vinci 1.0 Pro lanciato in precedenza , il sistema FDM a estrusore singolo viene fornito completo di numerosi aggiornamenti delle funzionalità che lo rendono un sistema degno di considerazione.


La serie Pro di XYZprinting è una gamma versatile, che offre di tutto, dai sistemi economici di livello base alle stampanti di livello professionale. Dotato di un volume di costruzione più ampio e del livellamento automatico del letto per una migliore esperienza utente, da Vinci Pro EVO offre più funzionalità che mai in un ambiente desktop pulito.

La stampante 3D si rivolge a una vasta gamma di potenziali utenti. Questi includono hobbisti occasionali, istituzioni educative e persino designer e ingegneri professionisti che cercano il loro prossimo compagno di prototipazione funzionale.

 
SI BASA sulla da Vinci 1.0 Pro

La da Vinci Pro EVO ci ha subito impressionato, mostrando come XYZprinting tenga alle sue stampanti. Il da Vinci Pro EVO era estremamente ben confezionato e i componenti critici erano fissati con clip. La stampante 3D è arrivata con tutto il necessario per iniziare a stampare, tra cui una bobina da 600 g di PLA-CF , una chiavetta USB da 8 GB, un dongle WiFi e alcuni strumenti per mantenere la stampante in buone condizioni.

 
Un ecosistema all-in-one

Il da Vinci Pro EVO è straordinariamente robusto e durevole. Sotto l’involucro in polimero c’è un telaio interamente in metallo che garantisce la stabilità e l’integrità della macchina. In linea con i suoi predecessori, la stampante 3D opera anche su una configurazione cartesiana, un metodo noto per essere più rigido e preciso ma più lento di un sistema delta o CoreXY. La testina di stampa si muove lungo l’asse X e Y, mentre il letto si muove lungo l’asse Z. La stampante ha un volume di stampa completamente chiuso di 220x200x200mm, consentendo agli utenti di stampare filamenti complessi senza problemi di delaminazione e deformazione. Il letto di stampa rimovibile è ricoperto da un foglio PEI ed è magnetico e flessibile, facilitando la rimozione delle parti una volta stampate. Dopo 852 ore di stampa, abbiamo osservato che la pellicola adesiva sulla superficie della piastra di costruzione è rimasta efficace e completamente intatta. Per il modulo di estrusione, XYZprinting aumenta la temperatura di 20°C rispetto a da Vinci 1.0 Pro a 260°C. Avere temperature degli ugelli più elevate consente una compatibilità del materiale ancora maggiore.

 
Costruisci lastra e testina di stampa della da Vinci Pro EVO. Foto dell’industria della stampa 3D.

Per quanto riguarda l’elettronica, le opzioni di connettività includono Wi-Fi, cavo USB e chiavetta USB. Il Wi-Fi funziona alla grande e il trasferimento dei file è molto veloce. Gli utenti hanno un touch screen a colori da 5 pollici nella parte anteriore, che consente loro di calibrare il letto, caricare il filamento e iniziare a stampare. Dopo l’uso, l’interfaccia utente è intuitiva e facile da usare e non abbiamo riscontrato alcun bug o lag, migliorando notevolmente la nostra esperienza. L’unica cosa che potrebbe essere migliorata è l’accesso ai parametri durante il processo di stampa (temperatura, Z-offset o regolazione della velocità di stampa). Per fare ciò, devi prima tornare alla schermata principale e poi accedere alle impostazioni. L’accesso alle impostazioni direttamente dalla schermata di stampa le renderebbe più accessibili.

 

Facile da usare con XYZ

Naturalmente, l’ultima macchina di XYZprinting è dotata anche di tutte le caratteristiche di qualità della vita che ti aspetteresti da una stampante in questa fascia di prezzo. Una delle caratteristiche più innovative è una coppia di motori sotto il letto. Dopo aver seguito le istruzioni per montare la testina di stampa sul suo carrello, installare il tubo in PTFE e accendere la stampante, è ora il momento di eseguire la prima calibrazione di questa macchina. Ciò avviene in due fasi, in primo luogo il sensore sonderà il letto in tre punti per definire il suo piano per renderlo parallelo al piano degli assi X e Y. Laddove con i concorrenti dobbiamo regolare da soli il piano del letto tramite viti sul lato inferiore, i due motori sopra menzionati consentono di farlo in modo completamente automatico. Il sensore creerà quindi una mesh per correggere la planarità del letto in tempo reale durante la stampa sondando una matrice di 11×11, o 121 punti diversi. Con questo, siamo pronti per stampare le nostre creazioni più grandi.

 
 

Slicing XYZ: XYZprint 3

XYZ fornisce il proprio software slicer da utilizzare con le sue stampanti 3D FFF: XYZprint 3. Sfortunatamente, dopo aver brillato così brillantemente nei precedenti test hardware, è qui che risiede la più grande debolezza della stampante. L’utente deve prima scaricare e installare il software XYZmaker Suite per poter finalmente scegliere tra tre diverse affettatrici a seconda della macchina utilizzata. Questa è la prima volta che lo vediamo e sicuramente non è la soluzione migliore. Nel nostro caso, installeremo e utilizzeremo XYZprint 3. Con i suoi colori grigio e blu vecchio stile, questo software di slicing non è ottimizzato e aggiornato.

Proprio come Cura o qualsiasi altro slicer tradizionale, XYZprint 3 ha set di funzioni di base come traslazione, rotazione e ridimensionamento. Non c’è nulla da segnalare su questo fronte. Il software è facile da usare, soprattutto se hai già familiarità con il flusso di lavoro di stampa 3D FFF. Una volta importato il modello nello spazio di costruzione virtuale, gli utenti possono navigare tra i vari parametri. Che sia il profilo utilizzato, l’adesione alla lastra o anche le impostazioni del supporto, c’è tutto e il software è completo sotto questo aspetto.

XYZ ha persino fornito una modalità “Base” per i principianti per evitare di perdersi in una varietà di impostazioni. Tuttavia, per gli utenti più avanzati, XYZ offre una modalità “Avanzata”, che permette di modificare tutti i parametri di stampa. Ciò include profili di raffreddamento, temperature, velocità, riempimenti e persino retrazione.

Nel complesso, XYZprint 3 ha tutto ciò che ci si aspetta da un’affettatrice. Ma ci sono ancora alcune cose che devono essere sistemate. Tra i pochi arresti anomali durante lo slicing, il posizionamento automatico che si sovrappone agli oggetti e l’interfaccia utente non ottimizzata, siamo sicuri che XYZprinting possa migliorarlo rapidamente apportando aggiornamenti.

 
Analisi comparativa del da Vinci Pro EVO

Ora arriva la parte del benchmarking, in cui valutiamo le prestazioni di stampa di da Vinci Pro EVO. Abbiamo quindi stampato in 3D una serie di provini di traiettoria circolare per vedere come la stampa XYZ gestirebbe le strutture circolari. Studiando la distribuzione normale dei diametri dei cerchi concentrici, possiamo dire che la stampante offre una ripetibilità sufficiente quando la deviazione media dalle dimensioni previste è inferiore a 0,1 mm e la deviazione standard è inferiore a 0,05 mm. I nostri dispositivi di misurazione hanno una precisione di ±0,015 mm.

 

XYZprinting ha mostrato una ripetibilità superiore alla media, con un offset medio di 0,1216 mm per l’asse X e 0,0767 mm per l’asse Y, con una media di 0,0991 mm per tutti gli assi. Va notato che l’asse Y è significativamente più preciso dell’asse X. Si consiglia pertanto di stampare lungo l’asse Y per produrre parti con tolleranze strette. Anche la deviazione standard media è di 0,046 mm, perfetta per una stampante in questa fascia di prezzo. Va notato che questa stampante ha una caratteristica che riteniamo ottima e non molto comune: una funzione per regolare gli E-step per aumentare la precisione della stampante. Gli E-step sono i parametri che indicano alla stampante quanti passi deve compiere il motore passo-passo per avanzare di un millimetro. La regolazione di questo parametro consente di ottenere facilmente una stampante molto più precisa rispetto alla media.

Risultati del test di traiettoria circolare. Immagine dell’industria della stampa 3D.
Di seguito troverai le curve a campana per i cerchi migliori e peggiori nel test: cerchio tre per l’asse Y e cerchio uno per l’asse X. Nel migliore dei casi, il 99,6% dei cerchi da 100 mm prodotti da questa stampante 3D sarà compreso tra 99,98 mm e 100,11 mm. Nel peggiore dei casi, il 99,6% dei cerchi da 20 mm fabbricati da questa stampante 3D sarà compreso tra 19,56 mm e 20,07 mm.

 

Per continuare questo benchmarking, stamperemo ora il modello di benchmarking dell’industria della stampa 3D, che combina molti dei nostri test di piccola stampa in un’unica parte completa. Di solito stampiamo questo test in PETG per capire come la stampante gestisce questo tipo di materiale. Questa volta abbiamo deciso di sfidare un po’ di più la stampante stampando l’ABS. Assegniamo a ogni singola sezione un punteggio ponderato basato su fattori quali la precisione dimensionale, la qualità della superficie e l’integrità strutturale. La da Vinci Pro EVO ha ottenuto un punteggio complessivo di 58,44/100 per l’industria della stampa 3D (una buona stampante 3D di livello professionale ha un punteggio di 60+).

   

Osservando la sezione sporgente, progettata per determinare gli angoli ai quali il sistema è in grado di stampare senza una struttura di supporto, XYZprinting è stata in grado di stampare fino a 45° senza alcun problema. Questo è nella media per un materiale difficile come l’ABS. Il passo successivo è stato il bridging test, che determina la capacità di un sistema di stampare orizzontalmente senza bisogno di materiali di supporto. Come il test di sporgenza, il test di bridging ha prodotto risultati decenti poiché il da Vinci Pro EVO è riuscito a raggiungere la lunghezza del ponte di 35 mm prima che le strutture iniziassero a piegarsi e trasformarsi, il che è al di sopra della media. Con nostra sorpresa, la parte di accuratezza negativa del test è stata eseguita particolarmente bene. Siamo riusciti a rimuovere cinque dei tubi stampati, mentre di solito riusciamo a rimuoverne solo tre o quattro prima che l’area di contatto diventi troppo grande. Tuttavia, contrariamente alle nostre aspettative, il test che ha chiaramente abbassato la media della stampante è stato il test di precisione. I materiali si sono ridotti molto dopo la stampa, il che ha notevolmente influito sulla partitura. La stampante esce bene con un punteggio di 58,44/100 che è comunque di tutto rispetto per l’ABS.

Veri test applicativi

La nostra fase finale di test della da Vinci Pro EVO si rivolge ad applicazioni del mondo reale o al modo in cui potresti voler utilizzare regolarmente questa stampante 3D. Abbiamo iniziato spingendo questa macchina al limite utilizzando filamenti più complessi. Per questo utilizzeremo il filamento PolyMaker PC-Max, con il quale stamperemo un supporto per telefono print-in-place. Il policarbonato (PC) è un materiale ad alta resistenza destinato ad ambienti difficili e applicazioni ingegneristiche. Ha una deflessione del calore estremamente elevata e resistenza agli urti. Richiede anche temperature molto elevate per la stampa e mostrerà una separazione degli strati se stampato a una temperatura troppo bassa o con un raffreddamento eccessivo abilitato. Il policarbonato è spesso stampato al meglio su una macchina che ha un volume di costruzione chiuso ed è in grado di gestire alte temperature del letto e dell’estrusore. Nel nostro caso il risultato è perfetto, e la stampa è andata via senza intoppi. Stampato con una temperatura dell’ugello di 260°C, che è la temperatura massima che questa stampante può raggiungere, e una temperatura del letto di 95°C, questo filamento non ha causato alcun problema in termini di deformazione e delaminazione tra gli strati.

  

Dopo questa stampa passeremo a una caratteristica fondamentale dei nostri test: l’ingranaggio in nylon per integrare un sistema meccanico. Il nylon (noto anche come poliammide) è un materiale popolare nell’industria della plastica, noto per la sua resistenza e flessibilità. Una delle maggiori difficoltà con i filamenti di nylon è che sono igroscopici e assorbono facilmente l’umidità dal loro ambiente. La stampa del nylon dopo che ha assorbito l’umidità causa diversi problemi di qualità di stampa. Dopo che il filamento si è asciugato completamente, andiamo a stampare. 245°C. Fin qui tutto bene! Non abbiamo assolutamente nulla da segnalare. La parte è pulita e liscia. Sul lato positivo, non abbiamo riscontrato alcuna deformazione. La parte è totalmente utilizzabile.

Per continuare in questo senso, stiamo stampando pedali per biciclette in nylon rinforzato con fibra di vetro frantumata. Ancora una volta, niente da dire se non che i supporti erano abbastanza difficili da rimuovere. È tutta una questione di parametri. Con un po’ di pazienza e test, puoi farla franca.

 Per finire con questa stampante, stamperemo ora uno scaffale modulare utilizzando diversi materiali. Per questo stamperemo il telaio in PA12-CF, le scatole in PETG e gli accessori per il fissaggio del top del mobile in PLA-CF. Se tutto va bene, dovremmo essere in grado di montarlo senza problemi. E indovina cosa? Questo è un altro successo per questa stampante. Tutte le parti sono state stampate senza problemi, abbiamo avuto solo alcune stringhe con il PETG. Per correggere questo, sarà solo necessario aumentare leggermente la retrazione. Il corpo PA12-CF è perfetto, così come le barre a farfalla PLA-CF per fissare la piastra superiore al corpo dell’armadio.

 

Il verdetto

Negli ultimi anni ci aspettiamo grandi cose da XYZprinting e da Vinci Pro EVO non delude certo in termini di qualità di stampa. Basandosi sul successo di da Vinci 1.0 Pro, il sistema ha mantenuto ciò che funziona e migliorato i difetti. Con un volume di costruzione più ampio, una camera di costruzione chiusa e funzionalità di fascia alta come il livellamento automatico al 100% e la messa a punto E-step, la da Vinci Pro EVO, con un prezzo inferiore a 1399 €, offre davvero molto senza il prezzo elevato.

Inoltre, le capacità di stampa in fibra di carbonio di questa macchina, grazie all’ugello in acciaio temprato, sono davvero qualcosa da vedere. È raro vedere una stampante 3D di questo prezzo in grado di stampare parti composite di tale qualità, rendendola uno strumento molto potente da avere in officina. Questo sistema è ben progettato, facile da usare e offre un eccellente rapporto qualità-prezzo. Ci sono piaciute le numerose opzioni di materiale e la facilità d’uso di questa stampante.

I nostri test hanno rivelato alcuni piccoli inconvenienti che non hanno sminuito l’esperienza complessiva. Per completezza, dovremmo ricordare che XYZprinting può sempre migliorare l’esperienza dell’utente. Il grande punto debole di questo sistema è l’affettatrice, tra i bug e l’esperienza dell’utente, non ci resta che desiderare di più. Tuttavia, è un software e siamo ottimisti sul fatto che il team di sviluppo possa apportare gli aggiornamenti necessari per rendere l’esperienza dell’utente più piacevole. D’altra parte, l’unico difetto hardware che ci ha causato problemi è l’estrusore. Sarebbe bello aggiornarlo a un estrusore a doppia marcia, quindi non c’è più slittamento con il filamento. Inoltre, l’estrusore tende a degradare il filamento creando piccole particelle di polvere. Questa polvere si è incastrata nel filamento e l’estrusore è diventato inutilizzabile. Durante la rassegna, abbiamo dovuto smontare l’estrusore quattro volte per pulirlo in modo da poter riutilizzare la stampante. Se la vite dietro non è abbastanza stretta il filamento scivola fuori, ma se è abbastanza stretta il filamento si degrada.

Per quanto riguarda la qualità di stampa, la da Vinci Pro EVO è più che rispettabile per il suo prezzo. Raggiunge ottimi risultati in termini di ripetibilità se si escludono le misure di altezza per difetto del primo strato. Il sistema è riuscito a farsi strada senza problemi attraverso la nostra miriade di test di stampa di riferimento e applicazioni del mondo reale. La qualità della superficie offerta qui è eccellente e le parti sono abbastanza resistenti per l’uso nel mondo reale.

Nel complesso, il da Vinci Pro EVO ha dimostrato di essere un formidabile concorrente nella sua categoria. Le capacità di stampa in policarbonato e nylon del sistema lo rendono una scelta eccellente per gli utenti desktop che cercano un’esperienza di stampa 3D versatile.


Specifiche tecniche

Volume di Costruzione
220 x 200 x 200 mm
Dimensioni
485 x 532 x 572 mm
Il peso
24 kg
Testine di stampa
Uno
Precisione di posizionamento XY
X/Y: 0,0125 mm
Temperatura massima del letto
110°C
Temperatura massima dell’ugello
260°C
Connettività
Wi-Fi, chiavetta USB, cavo USB 
Diametro ugello
0,4 mm

Mael Duportal da https://3dprintingindustry.com/news/review-xyzprinting-da-vinci-pro-evo-premium-fdm-3d-printer-to-enjoy-upgrade-your-workshop-215881/

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi