3D Factory Incubator raggiunge i 55 progetti di stampa 3D in due anni

Il primo incubatore di imprese high-tech incentrato sulla stampa 3D in Europa, 3D Factory Incubator , fa parte di un hub AM in crescita a Barcellona e promuove l’adozione della stampa 3D creando uno spazio per incubare startup, PMI e microimprese correlate. Guidato e promosso dal centro tecnologico accreditato ACCIÓ Leitat e dalla società pubblica autofinanziata El Consorci de Zona Franca de Barcelona (CZFB), 3D Factory Incubator è stato inaugurato all’inizio del 2019 e offre servizi di marketing, spazi di co-working e accesso a un laboratorio di stampa 3D.

Entro soli 100 giorni dall’apertura, l’iniziativa unica ha riportato 20 aziende incubate , che l’hanno mantenuta sulla buona strada per il suo obiettivo di ospitare le 100 migliori idee di business basate sulla stampa 3D in cinque anni. Ora, dopo soli due anni di attività, 3D Factory Incubator ha annunciato di aver superato le aspettative originarie e di aver già raggiunto 55 progetti incubati.

Da marzo 2019, 3D Factory Incubator, che è anche supportato da FEDER Funds attraverso la Fondazione Incyde delle Camere di Commercio di Spagna, ha ricevuto oltre 300 richieste da vari imprenditori e startup per sviluppare le loro idee di business AM e più di 50 posti di lavoro sono stati creati di conseguenza. Il 79% delle aziende ospitate presso le sue strutture proviene dalla Spagna, mentre il 21% è internazionale e tutte da molti settori diversi:

19 nel settore dei beni di consumo
12 in consulenza tecnologica
7 nella tecnologia sanitaria
7 in mobilità
7 in ICT
1 in robotica
1 nella logistica
1 nei prodotti chimici

È passato poco più di un anno da quando l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha dichiarato COVID-19 un PHEIC , o un’emergenza di salute pubblica di interesse internazionale, e sono sicuro di parlare per molte persone quando dico che onestamente sembra molto più a lungo adesso. Il nuovo coronavirus ha sconvolto il mondo intero, ma in mezzo a tutto questo, l’industria della stampa 3D si è fatta avanti per dare una mano. Grazie alla libertà di progettazione della tecnologia, alle opportunità di personalizzazione e alla capacità di stampare prodotti complessi in un unico pezzo, la stampa 3D può aiutare a semplificare i processi di produzione. Per questo motivo, 3D Factory Incubator riferisce di non essere stato influenzato negativamente durante la pandemia e, a causa della maggiore domanda di spazio e di ulteriori apparecchiature di scansione, stampa e post-elaborazione da parte delle sue società di incubazione, ha persino ampliato le sue strutture da 600 a 1.000 metri quadrati.

Nel marzo del 2020, 3D Factory Incubator ha collaborato con un consorzio di altre società spagnole, tra cui Leitat, HP, CZFB e Consorci Sanitari de Terrassa (CST), per sviluppare Leitat 1 , il primo respiratore di emergenza convalidato dal punto di vista medico con componenti stampati in 3D. Inoltre, l’incubatore ha contribuito a produrre il biforcatore Multivent, che può aumentare l’accesso alle apparecchiature di ventilazione assistita, decisamente utile quando le apparecchiature di terapia intensiva stanno per esaurirsi.

“In un anno segnato dall’incertezza a livello globale, il 3D Factory Incubator è stato un esempio del tipo di attività che guiderà la nuova economia”, Pere Navarro, delegato speciale dello Stato presso i Consorci de la Zona Franca de Barcelona , ha detto in un comunicato stampa. “Dalla CZFB ci impegniamo a promuovere lo sviluppo dell’Industria 4.0, basata sulla sostenibilità e la creazione di partnership, in linea con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite”.

Nel corso dei suoi due brevi anni di esistenza, 3D Factory Incubator è diventato “un centro di riferimento per l’Industria 4.0” e, come tale, ha ricevuto visite da circa 850 società diverse, tra cui HP, Materialise, Forbes, Samsung, Henkel, BCN3D, ed Escribà, Inoltre, anche durante la pandemia, molte importanti autorità nazionali, come il presidente del governo spagnolo Pedro Sánchez, il ministro dell’Innovazione e della scienza Pedro Duque e persino il re Felipe VI, sono venuti a vedere l’incubatore di persona.

“In questi due anni abbiamo assistito all’enorme talento che sta emergendo attorno a un nuovo settore che scommette sulla stampa 3D, non solo come strumento di prototipazione, ma anche come base per il suo progetto di business. Le tecnologie di produzione additiva offrono molteplici vantaggi e opportunità per trasformare a priori idee impossibili in progetti di successo con un rapido sviluppo: dai sassofoni elettrici alle solette adattate al 100% ai pazienti diabetici, alle maschere per le persone con apnea notturna o l’ultima tendenza nella mobilità elettrica “, ha affermato Joan Parra, CEO e Vicepresidente esecutivo di Leitat.

Be the first to comment on "3D Factory Incubator raggiunge i 55 progetti di stampa 3D in due anni"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi