6K Energy nuovo impianto a North Andover

6K LANCIA UN NUOVO IMPIANTO DI PRODUZIONE DI MATERIALE PER BATTERIE DA 25 MILIONI DI DOLLARI

6K , uno sviluppatore di materiali di stampa 3D specializzati, ha annunciato l’istituzione di un nuovo centro di eccellenza per la sua divisione energetica, 6K Energy .

La struttura all’avanguardia di 33.000 piedi quadrati si concentrerà sullo sviluppo di nuovi materiali sostenibili per batterie per dispositivi di accumulo di energia. Mirando ai veicoli elettrici (EV), allo stoccaggio della rete e ai beni di consumo, la società investirà 25 milioni di dollari nei prossimi anni in questo Centro di eccellenza, che sarà situato a North Andover, MA.

Oltre ad espandere le dimensioni del suo team di sviluppo prodotto dedicato, 6K Energy doterà la nuova struttura con un massimo di dieci dei suoi sistemi di produzione di materiali UniMelt proprietari. Partendo da una produzione pilota, la società intende eventualmente passare alla produzione di massa, aiutando gli Stati Uniti ad alleviare i rischi della catena di approvvigionamento con una produzione locale di materiale per batterie basata su energia pulita.

L’ex membro del Congresso Joe Kennedy III, un membro del consiglio 6K, ha dichiarato: “L’ordine esecutivo dell’amministrazione Biden delinea chiaramente un impegno per gli Stati Uniti a guidare la tecnologia dell’energia pulita, in particolare nel settore delle batterie per veicoli elettrici. Il nuovo ordine richiede anche una revisione delle catene di approvvigionamento e garantire l’approvvigionamento interno di quattro aree chiave, una delle quali è la produzione di batterie “.

Il sistema UniMelt si basa sul processo al plasma a microonde di 6K, che converte fresature, torniture e altre materie prime riciclate in polveri metalliche stampabili in 3D. Noto per le sue capacità di produzione ad alto rendimento, il sistema è ampiamente utilizzato per materiali come Onyx In718, Onyx Ti64, leghe ferrose, leghe a base di cobalto e persino ceramiche ad alta temperatura.

Ora essendo applicata ai materiali delle batterie, la tecnologia, secondo quanto riferito, offre vantaggi in termini di sostenibilità come “nessun’altra piattaforma di produzione di materiale per batterie al mondo”. Ad esempio, 6K stima che se un impianto di produzione di catodi per batterie convenzionali venisse sostituito con il processo UniMelt, l’utilizzo di acqua sarebbe ridotto del 90% e il 100% delle acque reflue sarebbe eliminato del tutto. L’impianto vedrebbe anche il consumo di energia e le emissioni di gas serra ridursi fino al 70%.

Kennedy aggiunge: “Il nuovo Centro di eccellenza non solo consentirà a 6K di affrontare le preoccupazioni dell’amministrazione Biden, ma consentirà ai partner e agli attori chiave di 6K nello spazio di produzione di batterie di trarre vantaggio da un processo scalabile ed ecologico con sede negli Stati Uniti per soddisfare il Requisiti della catena di approvvigionamento degli Stati Uniti “.

Ciascuno dei sistemi UniMelt dovrebbe produrre fino a 100 tonnellate di materiale all’anno. Una volta in pieno svolgimento, il Centro di eccellenza sarà una fonte di tutto, dai catodi a cristallo singolo ai materiali elettrolitici allo stato solido e agli anodi di silicio. Le prime fasi di produzione pilota serviranno anche come opportunità per supportare la qualificazione dei partner, facilitando la rapida commercializzazione di dispositivi di accumulo di energia a basso costo.

L’espansione potrebbe avere importanti implicazioni per le prestazioni dei futuri prodotti EV con sede negli Stati Uniti, consentendo una migliore durata del ciclo, una maggiore sicurezza, fattori di forma più piccoli e un aumento della gamma di veicoli.

Il Dr. Aaron Bent, CEO di 6K, conclude: “La produzione di materiali avanzati per batterie è praticamente inesistente negli Stati Uniti. L’investimento che stiamo facendo in infrastrutture e team accelererà il nostro time-to-market per fornire materiali per batterie di nuova generazione a basso costo prodotti sul suolo statunitense “.

Nell’industria, le polveri per la produzione additiva sono spesso importanti quanto i processi di stampa 3D quando si tratta di applicazioni ad alte prestazioni. Proprio questo mese, il produttore di polveri metalliche PyroGenesis ha annunciato che la sua nuova linea di produzione di polveri NexGen di produzione additiva è stata completata e operativa. Con un’impressionante capacità di produzione di 25 kg / h, ci sono diverse aziende aerospaziali di “alto livello” in attesa di polveri dalla linea di produzione NexGen.

Altrove, Kanthal , la società di ingegneria del braccio della tecnologia di riscaldamento Sandvik , ha recentemente investito 2 milioni di euro in apparecchiature di atomizzazione ultramoderne per far avanzare ulteriormente le proprie capacità di metallurgia delle polveri di stampa 3D.

Be the first to comment on "6K Energy nuovo impianto a North Andover"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi