9T Labs, Purdue University per far progredire l’uso dei compositi nelle applicazioni aerospaziali strutturali
 
La partnership definisce un nuovo standard di accessibilità per produrre parti composite strutturali stampate in 3D con la stessa facilità delle alternative in metallo tramite la tecnologia di fusione additiva, strumenti del flusso di lavoro.    

Una staffa a perno del vano pensile composito stampata in 3D. Credito fotografico: 9T Labs AG
9T Labs AG  (Zürich, Svizzera), esperta nella produzione in serie digitale, automatizzata e competitiva in termini di costi di componenti in fibra continua, ha annunciato la nuova collaborazione dell’azienda con la Purdue University  (West Lafayette, Ind., USA) per ricercare e testare il potenziale di produzione di applicazioni compositi aerospaziali strutturali su larga scala con la tecnologia di fusione additiva (AFT) di 9T Labs.

Si dice che questa partnership con Purdue sia una collaborazione unica nel suo genere per 9T Labs negli Stati Uniti. La soluzione ibrida, che combina la produzione additiva ad alta risoluzione (AM) con la velocità del sovrastampaggio del bulk molding compound (BMC) per automatizzare produzione, offre un’opzione competitiva in termini di costi rispetto alla tradizionale produzione di parti aerospaziali in alluminio, secondo l’azienda. L’approccio di 9T Labs alle parti preformate stampate in 3D in fibra continua ha mostrato potenziale nei settori dei trasporti, della medicina e della robotica, tra gli altri.

Il Composite Manufacturing and Simulation Center (CMSC) della Purdue University fornisce gli strumenti e le risorse necessari per analizzare, simulare e testare le prestazioni dei compositi. 9T Labs e Purdue hanno lavorato in collaborazione per sviluppare il flusso di lavoro dell’applicazione per progettare e produrre in modo efficiente parti ad alte prestazioni utilizzando chip BMC e preforme stampate in 3D in fibra continua. I test iniziali mostrano che le parti ibride in fibra continua personalizzate possono essere progettate digitalmente, stampate in 3D e co-stampate con materiali BMC, garantendo prestazioni solo a una frazione del costo abituale dei materiali in fibra continua.

“Questa nuova partnership con Purdue è un ulteriore passo verso la costruzione di un consorzio di partner del mondo accademico e industriale per penetrare nel mercato”.
“La produzione di compositi tradizionali è costosa, dispendiosa e limitata nella sua libertà geometrica, in particolare per applicazioni di piccole dimensioni”, afferma Yannick Willemin, responsabile marketing e sviluppo aziendale, 9T Labs. “Stiamo definendo un nuovo standard di produzione di compositi che ci consenta di produrre parti strutturali composite con la stessa facilità delle parti metalliche. La nostra nuova partnership con la Purdue University è un passo significativo per rendere questa tecnologia più ampiamente disponibile e accessibile entro i prossimi 12-18 mesi”.

Le origini di questa partnership risalgono a quando il CEO e co-fondatore di 9T Labs, Martin Eichenhofer, venne a conoscenza del Dr. R. Byron Pipes, un illustre professore di ingegneria di John L. Bray, e del suo lavoro sui compositi durante i suoi studi di dottorato. “Quando ho saputo del nuovo Composite Manufacturing and Simulation Center guidato dal Dr. Byron Pipes, l’ho contattato per discutere di ciò che stavamo facendo ai 9T Labs”, spiega Eichenhofer. “La sua curiosità è stata stuzzicata e abbiamo scoperto l’opportunità di lavorare insieme su compositi termoplastici avanzati. È un onore lavorare con una persona così distinta e una squadra così grande nel campo dei compositi”.

Secondo il Dr. Pipes, Purdue ha “scelto di collaborare con 9T Labs perché crediamo che il loro sviluppo dell’AFT e il loro nuovo approccio ibrido siano il futuro dell’industria manifatturiera dei compositi”.

Al di là delle applicazioni pratiche e del potenziale che la soluzione ibrida AFT offre a più settori, 9T Labs afferma che l’utilizzo di questa tecnologia comporta forti vantaggi economici e di sostenibilità. La combinazione dell’approccio a zero rifiuti, la possibilità di riciclare i materiali termoplastici e l’impatto positivo sulle prestazioni dei componenti, essendo almeno il 50% più leggeri rispetto ai parametri di riferimento dei metalli, rende AFT uno standard di produzione interessante. AFT migliora anche le prestazioni di resistenza dei componenti stampati senza compromettere i tassi di produzione.

Leggi: JEC World 2022, Parte 1: Punti salienti dei compositi sostenibili, digitali e industrializzati

“9T Labs è in prima linea in un nuovo campo di produzione di compositi che ha implicazioni reali per la simulazione strutturale e di lavorazione, la composizione e la caratterizzazione dei materiali, i test sperimentali e l’ingegneria delle applicazioni”, aggiunge Eichenhofer. “Questa nuova partnership con Purdue è un ulteriore passo verso la costruzione di un consorzio di partner del mondo accademico e industriale per penetrare nel mercato e accelerare l’adozione di materiali compositi e AFT per un ampio campo di applicazione”.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi