La più grande azienda chimica del mondo, BASF, sta crescendo rapidamente nel settore della stampa 3D attraverso il suo marchio Forward AM. Dopo aver tagliato il nastro su un Additive Manufacturing Technical Center a Shanghai, in Cina, nell’agosto 2021, il conglomerato ha già fondato l’Additive Manufacturing (AM) Applications Technology Center (ATC) a Detroit, Michigan, in collaborazione con la Michigan State University (MSU).

Mentre la struttura di Shanghai servirà i clienti nella regione Asia-Pacifico, il nuovo ATC di Detroit fungerà da hub nordamericano dell’azienda. Con servizi come la modellazione predittiva, il centro combinerà la gamma di materiali di stampa 3D di Forward AM con l’esperienza tecnica di MSU per supportare gli sviluppi relativi alla stampa 3D nella regione.

L’ATC è fornito di oltre 20 stampanti 3D, tra cui sinterizzazione laser selettiva, stampa 3D di fotopolimeri, sistemi di fabbricazione di filamenti fusi. Situato nel distretto industriale della città di Corktown, il centro non è lontano dalle “migliori” attività di Detroit e dai numerosi clienti BASF.“Con questo passo stiamo rafforzando significativamente le nostre offerte in Nord America. Collaborando con la Michigan State University, creiamo una combinazione unica di scienza e competenza del settore: condizioni ideali per guidare l’innovazione nella produzione additiva insieme ai nostri clienti”, afferma François Minec, amministratore delegato di BASF 3D Printing Solutions.

“MSU è impegnata in solide partnership industriali come motore per guidare l’innovazione, le opportunità economiche e lo sviluppo delle competenze che soddisfano le esigenze tecnologiche emergenti. Lo Scale-up Research Facility (SuRF) di Detroit, istituito con il finanziamento della Michigan Economic Development Corporation e del Department of Energy attraverso l’Institute for Advanced Composite Manufacturing Innovation, è un ottimo esempio dell’efficacia dell’innovazione place-based. BASF è stato tra i partner più forti di MSU al SuRF e siamo estremamente lieti di espandere la nostra relazione per aiutare a stabilire il BASF Applications Technology Center all’interno dello spazio SuRF. Siamo fiduciosi che questa collaborazione porterà a significativi progressi nella produzione additiva, nuove opportunità di sviluppo della forza lavoro e crescita economica sostenibile”, afferma Doug Gage,
Lo Scale-up Research Facility di MSU a Detroit. Immagine per gentile concessione di SuRF.
Oltre ad aprire la nuova struttura, BASF ha effettuato un investimento nello spazio SuRF, pensato per aiutare la strategia AM del gigante chimico e il desiderio di sviluppare “soluzioni industriali più sostenibili”. Insieme a MSU, l’azienda mira a fondere istruzione e industria per contribuire ulteriormente all’industrializzazione della stampa 3D nelle Americhe.

BASF non è l’unica azienda a lanciare questi centri tecnologici, che non sono solo prevalenti all’interno della stampa 3D, ma nell’industria nel suo insieme. Le istituzioni educative spesso si affidano a partner aziendali per finanziare laboratori di ricerca e sviluppo destinati ad aiutare i partner industriali, spesso nelle vicinanze regionali. Per una tecnologia più innovativa, come AM, ciò faciliterà sicuramente un’adozione più ampia man mano che i clienti impareranno di più su di essa e su come integrarla nelle loro operazioni esistenti.


Due centri in due mesi, tuttavia, sono solo un altro segnale della rapida crescita di BASF nello spazio della stampa 3D. Le aziende di combustibili fossili hanno cercato di convertire le loro attività dall’energia verso i materiali mentre l’economia globale fa il suo lento passaggio alle energie rinnovabili. In qualità di gigante chimico, BASF è un dimostratore della direzione in cui stanno andando le cose, poiché investe in una produzione avanzata che dipende fortemente dalla plastica.

Oltre a questi due centri, BASF ora possiede un servizio di stampa 3D, Sculpteo , ha collaborato con un altro, Shapeways , e ha investito in un altro, Materialise . Ha anche creato un’azienda dedicata ai pezzi di ricambio per la stampa 3D, che è stata a lungo considerata un mercato primario per l’interruzione della stampa 3D e ora ha il più grande conglomerato chimico che ci sta dando peso. Sicuramente vedremo più centri di stampa 3D aperti da BASF nel prossimo futuro, ma sono sicuro che c’è molto di più di quanto pianificato.

Basf inaugurazione a Detroit

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi