Briinter lancia la nuova testina di stampa medica con Puredyne per consentire una biostampa precisa e ripetibile

Briinter ha annunciato il rilascio della sua nuova testina di stampa medica Visco Bio basata sull’estrusione per le sue biostampanti Briinter. Le nuove testine di stampa modulari consentono un volume morto quasi pari a zero, il che significa che i costosi rifiuti di materiale di grado medico vengono ridotti al minimo.

Le testine significano maggiore diversità di materiale per l’erogazione, ripetibilità con un processo di stampa continuo e preciso e zero contaminazione incrociata grazie all’utilizzo di una singola cartuccia per materiale. Grazie alla geometria di dosaggio, viene sempre convogliato e applicato con precisione un volume per giro costante, il che significa che è possibile ottenere un volume morto quasi nullo. Il risucchio programmabile garantisce punti di partenza e arrivo puliti.

“Il rilascio di questa testina di stampa significa che i requisiti di base per le buone pratiche di fabbricazione (GMP), ad esempio, a causa dell’assenza di contaminazione incrociata con l’uso di una singola cartuccia per materiale, utilizzata insieme al modulo disinfettante a luce blu che abbiamo pubblicato in dicembre. Allo stesso modo, i ricercatori, l’industria farmaceutica e le università traggono vantaggio dall’aumento della ripetibilità dei risultati di stampa grazie a processi di stampa continui e precisi”, afferma Tomi Kalpio , CEO di Briinter.

“Le applicazioni pratiche della tecnologia sono in linea con la visione di Briinter di migliorare la nostra qualità della vita accorciando e migliorando la produttività del processo di scoperta scientifica e della bioproduzione. Questo porta avanti l’ambizione di stampare pezzi di ricambio umani come cuori e reni, oltre a trattamenti più personalizzati attraverso la ricerca sul cancro e test antidroga”  , continua.

Il modello di punta di Briinter, Briinter One, è una biostampante modulare in grado di stampare strutture tissutali multimateriali e altamente complesse in 3D, fornendo tutte le caratteristiche di base necessarie per la biostampa. Il dispositivo può stampare materiali sia rigidi che morbidi, inclusi, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, liquidi e idrogel con cellule viventi, pasta biologica, metallo con materiale legante e plastica, pur essendo facile da imballare e installare in un altro laboratorio o camera bianca in pochi minuti .

Visco Bio è stato lanciato in stretta collaborazione con Puredyne che ha fornito l’innovativa tecnologia di mercato.

“Brinter è per noi un partner innovativo e forte, con il quale abbiamo già uno stretto rapporto da alcuni anni. La testina di stampa Puredyne® con la sua tecnologia a cavità progressiva coinvolta consente una precisione completamente nuova nella biostampa basata sull’estrusione. Inoltre, la nostra soluzione offre all’operatore il processo richiesto e la flessibilità dei materiali nella manipolazione di biomateriali a bassa e alta viscosità”,  afferma Felix Gruber , Business Development Manager di Puredyne.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi