La fine di RIZE?
 
 Di Kerry Stevenson da fabbaloo.com
Apparentemente ci sono stati enormi cambiamenti in RIZE e la società non sembra più commercializzare stampanti 3D.

La società, lanciata nel 2011, ha portato avanti un innovativo approccio alla stampa 3D che ha unito le tecnologie FFF e a getto d’inchiostro. La loro tecnologia ha permesso il passaggio da una testina a getto d’inchiostro su ogni strato termoplastico depositato.

Questa capacità apparentemente innocua ha consentito molte funzioni incredibilmente interessanti, tra cui:

La capacità di far cadere un fluido separatore tra supporto e modello, facendo letteralmente cadere le strutture di supporto dalla stampa
La capacità di “inchiostrare” etichette, numeri di serie e contrassegni simili sugli oggetti all’interno del lavoro di stampa
La capacità di riprodurre trame di colore RGB complete sulle superfici degli oggetti
L’azienda ha anche un fantastico set di materiali di stampa 3D, molti dei quali sono certificati Greenguard. Abbiamo coperto l’azienda innumerevoli volte e abbiamo seguito i loro progressi per anni.



Ho sentito dire che stava succedendo qualcosa alla RIZE e ho iniziato un’indagine informale. Ho trovato:

Almeno una società partner aziendale non si occupava più di loro
L’ex CEO, Andy Kalambi, a quanto pare aveva lasciato l’azienda durante l’estate
Un numero enorme di persone ha indicato RIZE come “ex” datore di lavoro su LinkedIn
LinkedIn ha segnalato solo un piccolo numero di dipendenti attuali
Non ci sono stati annunci da RIZE di recente
Chiaramente c’è qualcosa che non va nell’azienda con sede a Boston.

Ero preoccupato perché RIZE è una delle pochissime aziende che fornisce stampanti 3D a colori all’industria con il loro sistema XRIZE, e sicuramente la stampante a colori con il prezzo più basso con un bel margine.

Ho contattato Eugene Giller, il co-fondatore di RIZE per scoprire cosa sta succedendo.

Giller ha spiegato di aver avviato l’azienda nel lontano 2011. Era stato impiegato da ZCorp, un’azienda che ha prodotto la prima stampante 3D a colori. Produceva oggetti colorati in una specie di materiale simile all’arenaria che aveva un colore ragionevole, ma le parti stesse erano estremamente fragili. Se li lasciavi cadere, si sarebbero inevitabilmente frantumati e Giller ha affermato che la società ha avuto problemi a spedire stampe a colori agli acquirenti a causa di ciò.

Ha cercato di risolvere questo problema realizzando parti a colori che non erano facilmente fragili, e questa è stata la genesi di RIZE. Durante la mia chiamata Zoom con Giller, ha insistito per far cadere più volte una stampa a colori sul pavimento per dimostrare la forza della parte. Egli ha detto:

“In ZCorp ho sempre visto le parti avere un bell’aspetto, ma la loro qualità era pessima. Non potremmo mai avere una parte per sopravvivere.
Ora [con la tecnologia RIZE] possiamo realizzare parti composite ad alta risoluzione che sono resistenti”.
Con quella tecnologia promettente, RIZE è entrata nel mercato e ha tentato la commercializzazione.

 
Sfortunatamente, quel tentativo sembra essere fallito e Giller ha detto che non fa più parte della compagnia:

“La società ha una nuova gestione”.
Evidentemente nel 2021 sono sorte difficoltà finanziarie, con conseguenti dimissioni del personale. Giller ritiene che i problemi fossero incentrati sul marketing:

“Una delle ragioni [del fallimento] era che non potevamo commercializzare la tecnologia. Abbiamo provato diversi messaggi, come se le parti prodotte fossero probabilmente le parti a colori meno costose ottenibili e la macchina fosse tra le più facili da usare”.
Ma ci sono state anche difficoltà tecniche? Giller ha spiegato:

“La macchina potrebbe essere stata sovraprogettata, perché siamo partiti da zero. Abbiamo dovuto costruire e ottimizzare il nostro estrusore fin dall’inizio”.
Lanciandosi quando lo fecero, furono costretti a inventare molti dei propri componenti. Tuttavia, in questi giorni sono disponibili molti componenti standard ad alte prestazioni che potrebbero ridurre il prezzo, se una macchina simile fosse progettata oggi. Ciò ha reso il prezzo dell’attrezzatura RIZE forse più alto di quanto il mercato volesse pagare.

Quello che è successo dopo? La società ha effettivamente messo all’asta il suo considerevole portafoglio di proprietà intellettuale e altri beni un paio di mesi fa.

Chi ha finito per vincere l’asta e acquistare le risorse, che includevano il marchio, la tecnologia e altro?

Era lo stesso Giller.

La nuova società di Giller, Palitra, intende supportare i clienti RIZE esistenti e distribuire attrezzature e materiali. Ma non è tutto: Giller ha piani molto grandi che potrebbero influenzare molti nel mondo della stampa 3D.

Ha intenzione di portare la tecnologia RIZE a colori su un mercato a costi molto più bassi con Palitra.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi