Conferenza su come affrontare la minaccia delle armi stampate in 3D in Europa
 
Esperti delle forze dell’ordine, esperti di balistica, scienziati forensi, responsabili politici e accademici si sono recentemente riuniti all’Aia, nei Paesi Bassi, per una delle piattaforme più grandi del mondo per scambiare opinioni sulla minaccia rappresentata dalle armi stampate in 3D.

Alla conferenza internazionale sulle armi da fuoco stampate in 3D, organizzata da Europol e dalla polizia olandese nell’ambito di EMPACT Firearms e ospitata presso l’Università di Leiden, circa 120 partecipanti provenienti da 20 paesi hanno esaminato le ultime sfide che le forze dell’ordine devono affrontare nel campo delle armi da fuoco per combattere questa minaccia .

Nel corso di due giorni (24-25 maggio 2022), i partecipanti hanno esaminato i processi fondamentali necessari per sviluppare strategie di intervento congiunte in questo settore, tra cui ricerca tattica e forense, software , sviluppi scientifici e legislazione.

Il commissario di polizia Gerda van Leeuwen della polizia nazionale olandese ha aperto la conferenza dicendo: “Lo sviluppo della stampa 3D delle armi da fuoco è una minaccia attuale e futura. La cooperazione internazionale è quindi fondamentale per poterla contrastare. Questa conferenza non si concentrerà solo sullo stato attuale delle cose, ma anche sulla costruzione di una solida rete di specialisti sull’argomento, sullo sviluppo di tecniche di intervento e sulla condivisione delle migliori pratiche”.

Il team leader dell’Europol Analysis Project Weapons and Explosives, Martin van der Meij, ha aggiunto: “La minaccia rappresentata dalle armi stampate in 3D è molto sul radar di Europol poiché negli ultimi anni sono diventate sempre più tali armi sequestrate nelle indagini in tutta Europa. Questa sfida può essere vinta solo riunendo le competenze, le risorse e l’intelligence delle forze dell’ordine, del settore privato e del mondo accademico per eliminare gradualmente tali armi”.
Le armi stampate in 3D non sono più finzione


Nel 2019, ad Halle, in Germania, due persone sono state uccise a colpi di arma da fuoco da un carnefice che ha utilizzato una pistola fatta in casa sulla base di un progetto scaricato da Internet per realizzare la pistola in parte con una stampante 3D .

Nell’aprile 2021, la polizia nazionale spagnola ha fatto irruzione in un’officina illegale nelle Isole Canarie che produceva armi stampate in 3D. Oltre a due stampanti 3D, sono state confiscate anche parti di armi, una replica di un fucile d’assalto e diversi manuali sulla guerriglia urbana e sulla letteratura della supremazia bianca. Il titolare dell’officina è stato arrestato con l’accusa di detenzione illegale di armi da fuoco.

Un mese dopo, due uomini e una donna sono stati arrestati nella città britannica di Keighley nell’ambito di un’indagine sul terrorismo di destra. Tutti e tre sono stati accusati di possesso di componenti per armi stampate in 3D.

Conclusioni del convegno

Il collegamento e la collaborazione tra le forze dell’ordine e l’industria/settore privato sono necessari per identificare e monitorare gli sviluppi relativi alle armi da fuoco stampate in 3D;
Creare una rete internazionale di esperti di armi da fuoco stampate in 3D per tenere informate le forze dell’ordine sugli sviluppi delle armi da fuoco stampate in 3D;
Le raccomandazioni politiche chiave dei partecipanti e altri sviluppi relativi alle armi da fuoco stampate in 3D saranno riassunti in una scheda informativa da distribuire ai partner e ai responsabili politici di tutto il mondo.

da 3druck.com

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi