L’artista e attivista Domenic Esposito annuncia una mostra personale alla Piano Craft Gallery di Boston
 
L’artista e attivista sociale Domenic Esposito lancia la sua mostra personale Vox Clamantis alla Piano Craft Gallery (7-30 gennaio 2022). Ha ottenuto per la prima volta l’attenzione nazionale con enormi sculture di cucchiai da oppioidi e ora mostrerà il suo più ampio corpus di opere, tra cui sculture e dipinti che riflettono il “danno collaterale della dipendenza da oppiacei” attraverso l’obiettivo unico dell’artista.
 

“La connessione umana è così potente – il bisogno di essere visti, ascoltati e capiti è qualcosa che tutti desideriamo, specialmente coloro che lottano con la dipendenza da oppiacei e le persone care che soffrono insieme a loro – tutti meritano la nostra compassione”, afferma l’artista Domenic Esposito.
 

L’artista e attivista sociale Domenic Esposito lancerà la sua mostra personale Vox Clamantis alla Piano Craft Gallery di Boston (7-30 gennaio 2022), con un ricevimento serale di apertura venerdì 7 gennaio (ora di anteprima speciale per i media alle 17:00; aperto al pubblico, 18-21; registrati quiper l’evento). Nel 2018, Domenic ha ottenuto il riconoscimento nazionale con enormi sculture di cucchiai di oppioidi poste alle porte della FDA e dei principali giganti farmaceutici. Ora, per la prima volta, il pubblico potrà vedere il suo più ampio corpus di opere, inclusa una selezione di sculture e dipinti fusi e assemblati. Attraverso il suo lavoro, condivide il sottostante “danno collaterale della dipendenza da oppiacei” e cosa significa per tutti coloro che sono colpiti sia direttamente che indirettamente da questa forza tragica e distruttiva.

“La connessione umana è così potente e gli ultimi due anni ci hanno messo alla prova in molti modi individualmente e come società”, afferma l’artista Domenic Esposito. “Il bisogno di essere visti, ascoltati e capiti è qualcosa che tutti bramiamo, anche il tossicodipendente che la società ha respinto. Quindi, per tutti coloro che lottano contro la dipendenza da oppiacei e le persone care che soffrono insieme a loro, trovare la via per tornare a essere connessi e visibili diventa la più grande lotta, e tutti meritano la nostra compassione”.

Vox Clamantis (“la voce di uno che grida”) conterrà più di venti opere, tra cui Unconditional, 2020 (Olio su tela, bronzo fuso 40″ x 30″ x 12″), Assailable, 2020 (Olio su tela, bronzo fuso 40″ x 30″ x 12″), Mass, 2021 (Olio su tela 48″ x 72″), Cass, 2021 (Olio su tela 48″ x 72″) e in prestito, Reticent e Marching (entrambi 2021, Olio su tela) per gentile concessione di The Eileen S. Kaminsky Family Foundation. La mostra racconta le istantanee di pensieri e sentimenti che l’artista ha vissuto attraverso il proprio tormentato viaggio nel ruolo di intermediario, protettore e salvatore nella lotta del fratello contro la dipendenza, l’isolamento e il distacco dalla famiglia e dalla società.

“Come attivista, Domenic Esposito è avvincente e certamente una forza in un movimento che continua a cercare giustizia”, ​​afferma Diana Lada L’Henaff, curatrice della mostra. “Come artista, è premuroso, ricco di sfumature e molto compassionevole nel presentare un argomento che scoraggia i più. Usando un tipo di stenografia visiva, condivide ciò che lo consuma internamente e spera di confrontare lo spettatore con sottili promemoria di ciò che deve essere affrontato collettivamente”.

Durante questo mese di mostra alla Piano Craft Gallery, ci saranno anche alcuni eventi con artisti, autori e accademici legati all’arte e all’attivismo di Domenic . Guarda la formazione completa su The Opioid Spoon Project .


Venerdì 21 gennaio l’ Opioid Spoon Project ospiterà un evento di raccolta fondi (17-21:00).
Sabato 22 gennaio, il noto giornalista e autore Sam Quinones parlerà del suo ultimo libro The Least of Us: True Tales of America and Hope in the Time of Fentanyl and Meth, che segue il suo libro precedente, il bestseller del New York Times Dreamland: La vera storia dell’epidemia di oppiacei in America, (14-15).
Domenica 23 gennaio, Domenic condurrà un laboratorio di arte 2D con scultura 3D, co-sponsorizzato dalla New England Sculptors Association (NESA).
Giovedì 27 gennaio, Exploring Art Therapy, per discutere del potere curativo dell’arte, con Antonella Pirone , PHD, Director of Translational Pharmacology presso Caesura Tx, SLP fellow e Alicia Ventura , Director of Special Projects & Research, Office-Based Addiction Treatment Programma (OBAT) presso il Boston Medical Center. Sponsorizzato da Professionisti Italiani a Boston (PIB), (18-20).
Sabato 29 gennaio, Artist Talk con Domenic Esposito e la curatrice di Vox Clamantis Diana Lada L’Henaff (18-19).
 

Informazioni su Domenic Esposito Fine Art
Artista e attivista sociale con sede nel Massachusetts, l’arte è stata parte integrante della vita di Domenic sin dall’infanzia. Laureato alla Northeastern University, si è anche formato in arte presso il Massachusetts College of Art and Design, Stonybrook Fine Arts, Artist Asylum e Prospect Hill Forge, dove ha sviluppato le sue abilità nella lavorazione dei metalli. Considerato prima di tutto uno scultore, continua a perfezionare la sua arte con un deliberato vocabolario preso in prestito dal periodo rinascimentale italiano, così come la sua personale coltivazione della cultura e dei principi asiatici. Nel 2018, ha raggiunto l’attenzione nazionale attraverso le enormi sculture di cucchiai di oppioidi che ha posizionato sulle soglie della FDA e dei principali colossi farmaceutici e ha fondato l’ Opioid Spoon Project, un 501 (c) (3) per fungere da piattaforma basata su soluzioni che cerca giustizia legale e dà voce alla devastazione della dipendenza da oppiacei.

Il lavoro di Domenic comprende sculture, dipinti, commissioni e installazioni d’arte pubbliche, ed è stato raccolto ed esposto privatamente in una serie di gallerie e fiere d’arte negli Stati Uniti, tra cui Canvas Fine Arts, Boston; Galleria Piano Craft, Boston; Insight Artspace, New York; ambito, New York; Arte Palm Beach; e SOFA Chicago Art Fair, tra gli altri. Nel 2019, il suo lavoro Accountability ha vinto il “Best in Show” all’Arts Benicia Juried Show in California. Ha anche completato una prestigiosa residenza d’artista presso Mana Contemporary, che ha portato al suo lavoro di stampa con il leggendario Gary Lichtenstein. Per saperne di più segui su Facebook e Instagram .

Informazioni su Piano Craft Gallery
La Piano Craft Gallery , Inc. lavora per eliminare le barriere comuni all’accesso alle arti come razza, livello di istruzione e classe, guidando le nostre operazioni attraverso una lente antirazzista e inclusiva. Lo fa condividendo, promuovendo e celebrando con il pubblico il lavoro di artisti di tutte le abilità razzialmente, culturalmente e socio-economicamente diversi. Per ulteriori informazioni, visita Facebook , Twitter e Instagram .

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi