Domin stampa in 3d delle valvole idrauliche per superare la concorrenza su “ogni metrica”

La giovane e sfacciata azienda britannica Domin mira a rivoluzionare i mercati delle valvole industriali, dell’idraulica e degli attuatori attraverso la stampa 3D. Adoro il modo in cui l’azienda ha affrontato la sfida della stampa 3D con elevata ripetibilità e qualità per applicazioni industriali e sono entusiasta di quanto siano trasparenti spiegando il loro sviluppo, processo e persino un negozio online per la loro idraulica a trasmissione diretta di fascia alta servovalvole. A lungo dominati da Bosch, Parker Hannifin, Moog e altri, questi dispositivi di fascia alta sono utilizzati nell’industria aeronautica, automobilistica e in molti altri.

L’azienda è chiara riguardo alle sue ambizioni, affermando che i suoi prodotti hanno “il 40% in meno di parti, il 24% in più di flusso, sono il 400% più piccoli e il 200% più veloci della concorrenza”. Meno massa e peso possono essere di reale importanza così come aumentare le prestazioni, specialmente nelle applicazioni in cui il peso è fondamentale, come le corse automobilistiche e l’aviazione. La stampa 3D consente a Domin di progettare e produrre parti ottimizzate per il flusso . Ma, piuttosto che accontentarsi di stare fermo nell’aria rarefatta di azionamenti diretti personalizzati o semplicemente di realizzare prodotti di nicchia, l’azienda vuole portare la battaglia ai principali attori dei principali settori. Con prodotti progettati nel Regno Unito e realizzati in Polonia, Domin vuole essere un attore degno di nota.

Ho intervistato il CEO di Domin Marcus Pont per saperne di più. Marcus è un ingegnere meccanico che si occupa di potenza fluida e stampa 3D dal 2013. Attraverso una serie di progetti Innovate UK, Domin ha finito per sviluppare metodologie di progettazione ed esperienza nella produzione di prodotti di potenza fluida realizzati con la stampa 3D. Ora, la sua struttura polacca ha in-house CNC, EDM, CMM e stampa 3D per la produzione. L’azienda impiega 30 persone nell’ingegneria e 100 nella produzione. Il team Domin è composto principalmente da ingegneri meccanici e di produzione.

Pont afferma: “Volevamo creare un cambiamento utilizzando l’additivo e r evolvere l’idraulica, rendendola migliore e più sostenibile”. L’azienda ora è completamente focalizzata sull’additivo, ma, ovviamente, utilizza anche molte parti e processi lavorati convenzionali. ” La stampa su metallo per noi è diventata una vera tecnica di produzione, ma questo è stato un percorso difficile”, afferma. “Dovevamo avere buoni ingegneri e fare un vero passo indietro, vedendo dove creare cambiamento e impatto per rendere efficiente l’idraulica ad alte prestazioni e dove saremo in grado di applicare al meglio questa tecnologia”.

“Il nostro problema più grande inizialmente era ottenere una comprensione fondamentale di come ci si avvicina al potenziale della stampa 3D. Il designer deve avvicinarsi sempre di più al processo di fabbricazione. Devi chiudere il ciclo di feedback dal design alla stampa “, ha detto Pont. “Assicurandoci di avere una profonda comprensione del design per la produzione e di quel ciclo di feedback. Questi elementi sono così profondamente interconnessi. Una delle cose più importanti che abbiamo cambiato è stata l’unione di tutte le capacità di progettisti diversi: design, ingegneria di flusso, stress, ingegneria di produzione: tutte queste capacità devono unirsi, altrimenti non otterrai un ottimo prodotto “.

Domin sta lavorando su attuatori aerospaziali per i suoi INCEPSION (sistemi integrati compatti di attuazione elettrica alimentati e segnalati) che spera saranno “5 volte la larghezza di banda delle tecnologie esistenti, con metà del peso e un costo di proprietà inferiore del 50%”.

Ora, Domin utilizza parti stampate in 3D in acciaio Maraging, che sono molto resistenti. Secondo Pont, “Possono raggiungere spessori di parete di 0,4 mm resistendo a 5000 psi. Con una forza assoluta nella fatica delle alternative in alluminio e titanio, le parti non finiscono per essere molto più leggere, ma sono molto più costose. Riguarda l’efficacia del design, il materiale inutilizzato, la densità della parte, la sostenibilità, la resistenza e il peso, il costo e il materiale di stampa dove ne hai bisogno. ” Attraverso la progettazione, l’ottimizzazione e la produzione efficiente, l’azienda spera di essere in grado di affrontare alla fine il normale mercato automobilistico.

Marcus contrappone due tipi di valvole ad alte prestazioni, la valvola a due stadi e le valvole a trasmissione diretta, dicendo: “Le valvole a due stadi sono una vecchia tecnologia, mentre la trasmissione diretta è una tecnologia moderna più efficiente, ma queste sono state tradizionalmente più grandi”. Utilizzando la stampa 3D per ridurre gli azionamenti diretti delle valvole, Domin spera di renderli competitivi in ​​termini di costi e migliori di quelli prodotti in modo convenzionale. A sua volta, l’azienda mira a vederli competere “su scala globale” con il mercato consolidato.

Domin spera inoltre che l’azienda possa ” cambiare radicalmente la sostenibilità dell’idraulica e attraverso un aumento dell’efficienza del 400% risparmiare un miliardo di tonnellate di CO2 all’anno”. Le valvole personalizzate e di fascia alta erano applicazioni iniziali, ma l’azienda sta esaminando la produzione su scala per attuatori aerospaziali, robotica, sistemi di test, animatronics, energia, automobili, marine ed elettriche. È stato potenziato dal fatto che questi prodotti hanno tutti applicazioni diverse ma molti hanno la stessa funzionalità, “Un aereo ha bisogno di freni; un’auto ha bisogno di freni. La funzionalità è la stessa. “

Pont vede il conteggio delle parti come un importante fattore di valore per molte aziende, oltre a un costo totale di proprietà inferiore e densità di potenza più elevate in massa e volume. Anche la riduzione dei costi energetici complessivi sta diventando un criterio più importante. Anche i costi di riparazione, soprattutto a causa della contaminazione, dovrebbero essere inferiori per tutta la durata delle loro valvole. Vede anche le sue valvole come meno sensibili ai contaminanti rispetto alla concorrenza. Pont ritiene che le valvole di Domin siano “davvero utili per qualsiasi settore che valorizzi il peso e le dimensioni, non solo i satelliti e gli aerei, ma c’è anche pochissimo spazio extra su un mini carrello elevatore e anche lì le questioni di potenza-volume”.

Pont spera di far evolvere la sua attività in modo che sia migliore della concorrenza “su ogni metrica”. Mi piace molto il forte focus applicativo di Domin e il suo desiderio di affrontare un’applicazione di produzione esigente con la stampa 3D. Questo è un settore con un’elevata fiducia e un’elevata barriera all’ingresso che guida applicazioni molto critiche. Sarebbe un punto di riferimento per il nostro settore se questa ambiziosa startup facesse progressi reali nella conquista dello spazio dell’idraulica.

Be the first to comment on "Domin stampa in 3d delle valvole idrauliche per superare la concorrenza su “ogni metrica”"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi