Eastman Chemical Company segnalerà le fuoriuscite di pellet di plastica nel 2021

Verso la stampa 3D sostenibile: Eastman inizierà a segnalare le fuoriuscite di pellet di plastica nel 2021

Sebbene ci siamo abituati a vedere la plastica nella sua forma finale, quasi tutti i prodotti in plastica iniziano come pellet. Questi minuscoli granuli a forma di disco che di solito misurano pochi millimetri di diametro sono gli elementi costitutivi della maggior parte dei prodotti di consumo e costituiscono i filamenti necessari per la stampa 3D. Sfortunatamente, i pellet fanno parte di un crescente problema di inquinamento da plastica in tutto il mondo, poiché le fuoriuscite di pellet durante la produzione e il trasporto significano che milioni di microplastiche finiscono nei corsi d’acqua, vengono lavate lungo spiagge e coste e ingerite dalla fauna marina.

Data la grave biodiversità e gli impatti economici dell’inquinamento da plastica, c’è un’urgente necessità di aumentare la rendicontazione sulle fuoriuscite di pellet e sulla bonifica. In linea con questo, Eastman Chemical Company (Eastman), uno dei principali produttori mondiali di poliesteri speciali, inizierà a riferire sulle fuoriuscite di pellet di plastica di pre-produzione fabbricati nei suoi impianti di produzione. La decisione è stata presa dopo mesi di dialogo con As You Sow , un’organizzazione senza scopo di lucro che introduce regolarmente risoluzioni degli azionisti che consentono alle parti interessate di guidare le aziende verso un futuro sostenibile, il che sembra aver costretto Eastman ad acquisire pratiche di rendicontazione più sostenibili.

Eastman offre un ampio portafoglio di polimeri, resine, plastificanti e altre materie plastiche speciali per il settore della stampa 3D e dispone di materiali FDM desktop sfusi e premium. Con lo slogan “Se puoi pensarlo, affidati a Eastman per aiutarti a realizzarlo”, l’azienda ha introdotto il suo polimero Amphora nel 2014, che è stato utilizzato per produrre filamenti per colorFabb , taulman3D , Triptech Plastics e 3DXTech . Il materiale in copoliestere privo di stirene ha senso per la produzione di dispositivi protesici grazie alla sua forte, durevolezza e approvazione FDA per applicazioni che coinvolgono il contatto alimentare.

Come la maggior parte delle multinazionali chimiche, Eastman è direttamente coinvolta nella produzione di plastica da fonti di combustibili fossili ed è diventata il sesto maggiore produttore petrolchimico dietro i pellet di plastica di pre-produzione. A partire dal 2021, in base a un accordo raggiunto con As You Sow, Eastman inizierà a riportare le informazioni sulle fuoriuscite di pellet pubbliche attraverso i suoi rapporti di sostenibilità, pubblicati nel quarto trimestre dell’anno.

“Siamo lieti di vedere Eastman Chemical seguire altri leader del settore e accettare la rendicontazione pubblica sulle fuoriuscite e sulla gestione dei pellet di plastica”, ha affermato Conrad MacKerron, Vicepresidente senior di As You Sow. “L’industria non richiede ancora la rendicontazione pubblica delle fuoriuscite di pellet. Siamo orgogliosi che tutti gli impegni di rendicontazione delle fuoriuscite pubbliche fino ad oggi siano il risultato della leadership nel coinvolgimento di As You Sow. I dati di riferimento di tali rapporti aiutano i responsabili delle politiche e altri portatori di interessi a valutare la portata di questo problema crescente “.

L’inquinamento da plastica è una crisi ambientale globale e Eastman è uno dei primi 40 produttori chimici statunitensi. Inoltre, il 15% dei siti di produzione Eastman sono esposti alla manipolazione di pellet di plastica, il che significa che otto siti rappresentano un potenziale rischio di fuoriuscite di pellet. Secondo As You Sow, a causa di sversamenti e procedure di manipolazione inadeguate, si stima che ogni anno 10 trilioni di pellet vengano trascinati nei corsi d’acqua durante la produzione o la logistica e si trovano sempre più su spiagge e coste, aumentando i livelli dannosi di inquinamento da plastica nell’ambiente.

Si stima che i pellet di plastica delle dimensioni di una lenticchia, noti anche come “nurdles”, siano la seconda più grande fonte diretta di inquinamento da microplastica per l’oceano in termini di peso. Otto milioni di tonnellate di plastica, compresi i pellet, fuoriescono ogni anno negli oceani, causando la morte di 260 specie marine per ingestione, intrappolamento, soffocamento o annegamento. Secondo il gruppo ambientalista scozzese Fidra, i composti chimici che rendono la plastica utile la rendono anche un inquinante di lunga durata dannoso per la fauna selvatica, l’uomo e l’ambiente. Inoltre, i nurdles nei nostri mari possono anche attrarre altri inquinanti chimici, assorbendo tossine come le diossine dall’acqua, per poi trasferirle nella rete alimentare marina e potenzialmente all’uomo attraverso il consumo di frutti di mare. Questo trasferimento tossico è un problema di inquinamento da plastica trascurato, afferma Fidra.

As You Sow ha cercato di coinvolgere tutti e sei i principali produttori di plastica per espandere i rapporti sulle fuoriuscite di pellet alle loro catene di approvvigionamento. Un rapporto più ampio catturerebbe le perdite dovute a incidenti di trasporto come il rilascio nell’agosto 2020 di un miliardo di pellet nel fiume Mississippi dopo che un container è caduto in mare, o la fuoriuscita di pellet di plastica nel luglio 2020 sull’isola di Sullivan’s Island. L’ultima azione di Eastman segue accordi simili raggiunti lo scorso anno tra As You Sow ed ExxonMobil Chemical , e Chevron e Phillips 66, comproprietari di Chevron Phillips Chemical . Dow Chemical ha anche accettato di riferire sulle fuoriuscite di pellet e all’inizio di quest’anno, Westlake Chemical e Occidental Petroleum, ha detto “sì” alla segnalazione di fuoriuscite di pellet.

Compilata a novembre 2020, la dichiarazione degli azionisti di As You Sow è stata ora rimossa dall’elenco “Risoluzioni attuali” del sito online dell’organizzazione, ma si legge come segue: “Gli azionisti richiedono che il Consiglio di amministrazione di Eastman Chemical pubblichi una relazione annuale agli azionisti , a costi ragionevoli e omettendo informazioni riservate, sull’inquinamento da plastica. Il rapporto dovrebbe rivelare le tendenze nella quantità di plastica in varie forme rilasciata nell’ambiente ogni anno dall’azienda e valutare in modo conciso l’efficacia delle politiche e delle azioni dell’azienda per ridurre il volume dei materiali plastici dell’azienda che contaminano l’ambiente “.

Questo è il primo passo nella giusta direzione per Eastman, un’azienda che si è adattata ai mercati e alle richieste in continua evoluzione nel secolo scorso. Chiaramente, l ‘ industria chimica ha molti margini di miglioramento. Seguendo le tendenze della sostenibilità, acquisendo processi di riciclaggio di plastica e prodotti chimici rispettosi dell’ambiente e passando da modelli di produzione lineare a catene del valore a ciclo chiuso , l’industria potrebbe aiutare l’ambiente migliorando la qualità della vita.

Be the first to comment on "Eastman Chemical Company segnalerà le fuoriuscite di pellet di plastica nel 2021"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi