I motori a razzo Firehawk e il carburante stampato in 3D hanno raggiunto gli obiettivi  dei test prima del primo lancio
 
Sebbene i motori a razzo di oggi siano avanzati e potenti, tendono a fare affidamento su combustibili tradizionali e naturalmente volatili. Firehawk Aerospace ha un nuovo combustibile solido più sicuro e più stabile, nuovi motori e milioni di nuovi finanziamenti per portarlo attraverso il prossimo round di test al suo primo lancio dimostrativo in atmosfera.

Firehawk è apparso sulla scena due anni fa con una nuova versione dei motori ibridi; la svolta fatta dal CEO Will Edwards e dal capo scienziato Ron Jones è stata quella di dare a quel carburante una struttura e stamparlo in 3D in una matrice appositamente progettata.

Il grano di combustibile solido e strutturato è più stabile e più facile da trasportare rispetto ad altri combustibili e brucia in modo molto prevedibile. L’azienda ha progettato motori attorno a questo concetto e li ha testati su scala ridotta, sebbene abbiano anche lavorato sul tipo di motore che potresti effettivamente utilizzare se dovessi andare nello spazio. Ma l’azienda ha affermato che uno dei punti di forza del sistema è la sua adattabilità.


“È un motore unico con la sua capacità di strozzamento, il basso costo di produzione e un design parametrico, quindi possiamo progettare un sistema di intercettazione missilistica o un booster del secondo stadio”, ha affermato Edwards.

Oltre a una maggiore sicurezza, la stampa diversa dei grani di carburante consente di creare diverse caratteristiche di spinta. E il tutto può essere tranquillamente rallentato, fermato e riavviato più volte. Anche se questo è spesso il caso dei motori a razzo liquido, non lo è di quelli solidi: esplodono al 100% finché non esauriscono il carburante, il che significa che hai solo un colpo e le tue opzioni per i vettori di forza sono limitate, più come un drag racer rispetto a un’auto normale.

Il CEO di Firehawk Will Edwards (a sinistra) e il capo scienziato Ron Jones tengono i tubi del carburante stampati in 3D Crediti immagine: Firehawk Aerospace
“Il nostro motore può sostituire i motori a razzo solido con qualcosa di significativamente più basso, alla pari delle prestazioni del carburante, ma puoi controllarne la combustione: è qualcosa che l’industria trova incredibilmente avvincente”, ha osservato Edwards. La necessità di motori solidi nella difesa e nella ricerca è costante e la migliore personalizzazione e altre caratteristiche rendono Firehawk un’alternativa interessante per missioni con requisiti variabili.

La società ha recentemente eseguito test di combustione del motore allo Stennis Space Center con la supervisione della NASA e sono pronti a volare, l’ultimo passaggio prima di raggiungere un livello di preparazione tecnologica che consentirebbe all’azienda di aumentare le proprie entrate.

Un motore Firehawk in fase di test presso Stennis Image Credits: Firehawk Aerospace
Oltre ai booster di secondo stadio e ai sistemi di intercettazione missilistica, Edwards ha anche suggerito la propulsione nello spazio come le manovre satellitari come potenziale applicazione. A causa della volatilità dei combustibili, tra le altre cose, vengono spesso utilizzati metodi più a basso impulso come i motori a ioni. Il carburante di Firehawk è “inerte per natura”, il che lo rende molto meno problematico, ad esempio, in un lancio multipayload. Vorresti che il tuo satellite fosse immagazzinato vicino a un barile di cherosene?


Non c’è alcun piano per realizzare veicoli di lancio o qualcosa del genere: Firehawk è rigorosamente motori, senza aspirazioni a costruire satelliti o altri oggetti spaziali o aerei. Forniscono solo la spinta e le imminenti dimostrazioni nell’atmosfera mostrerebbero le capacità per le operazioni suborbitali.

Il nuovo round di finanziamento della Serie B consentirà più test, più ricerca e sviluppo e la produzione di più motori per soddisfare la domanda, anche se prevedibilmente con un’azienda che lavora con artisti del calibro di Raytheon, gli NDA impediscono che la natura di tale domanda venga descritta con alcuna specificità. Finora hanno raccolto 15,5 milioni di dollari, ma si aspettano di chiudere a 17 milioni di dollari a breve.

L’elenco dei finanziatori è un po’ lungo, ma per la cronaca: Star Castle VC ha guidato il round, con la partecipazione di Raytheon, Draper & Associates, Goff Capital, Cathexis Ventures, Plains VC, Victorum Capital, Stellar VC, Capital Factory, Echo Investments , e Hemisphere Ventures.


Sebbene i motori attualmente in fase di test siano quasi pronti per l’uso da parte dei clienti, Edwards ha sottolineato che questo è solo l’inizio. Le nuove applicazioni sono potenzialmente solo a pochi tasti di distanza:


“Possiamo creare geometrie del grano di combustibile davvero uniche e, modificando il design, possiamo migliorarne le prestazioni. Si tratta solo di riscrivere del codice e caricarlo sulle nostre stampanti 3D”, ha affermato, aggiungendo che il nuovo finanziamento ha consentito loro di acquistare e personalizzare le proprie stampanti, macchine CNC e configurazioni di prova per l’implementazione in una nuova Addison, in Texas, Posizione. “Saremo in grado di passare attraverso la nostra prossima campagna di test molto più rapidamente.”

  

Altri test dovrebbero essere in arrivo il prossimo mese, il che dovrebbe spianare la strada a un lancio di qualche tipo nel prossimo (ma ancora non specificato) futuro.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi