FIT AG e pro-beam collaborano per la stampa 3D in metallo a fascio elettronico (DED e PBF)

Il mondo della stampa 3D a fascio di elettroni sta improvvisamente diventando più grande. Mentre in precedenza era dominata da un’unica società, Arcam di GE , negli ultimi tempi ci sono stati numerosi nuovi operatori. Il gruppo tedesco pro-beam ha collaborato con lo specialista della stampa 3D FIT AG per sviluppare processi di produzione additiva (AM) basati sui fasci di elettroni. Secondo il loro recente accordo quadro, “metteranno in comune il loro know-how e creeranno nuove opportunità tecnologiche attraverso le sinergie che ne derivano”. Ciò includerà processi, materiali e apparecchiature per la tecnologia a fascio di elettroni.

FIT AG è lo specialista tedesco di AM che ha creato Netfabb, uno dei principali sviluppatori di software di stampa 3D che è stato infine acquistato da Autodesk. Con più di 25 anni nello spazio AM, l’azienda offre servizi di stampa 3D industriale e sviluppa la preparazione dei dati e la tecnologia del processo di stampa 3D.

pro-beam è nel mondo dei fasci di elettroni da oltre 45 anni, specializzata in saldatura, tempra, foratura e rivestimento superficiale. Più recentemente, l’azienda è entrata nello spazio AM con le tecnologie di deposizione diretta di energia (DED) e fusione a letto di polvere (PBF).

“Le rispettive competenze delle due società FIT e pro-beam hanno un enorme potenziale”, afferma il dott. Thorsten Löwer, CTO di pro-beam, “per ottenere una significativa espansione delle applicazioni di produzione additiva utilizzando il fascio di elettroni”.

“Sono convinto che questa cooperazione tecnologica produrrà risultati importanti”, spiega Carl Fruth, fondatore e CEO di FIT AG, aggiungendo “Abbiamo in mente alcune idee molto specifiche che possiamo ora affrontare con pro-beam per ottenere un mercato pronto soluzione tecnologica. “

Abbiamo contattato pro-beam per sapere esattamente quali “idee molto specifiche” ha in mente l’azienda. Indipendentemente da ciò, sono coinvolti in uno spazio che attualmente sta diventando piuttosto eccitante. Aziende come Wayland Additive e JEOL affermano di affrontare i problemi esistenti affrontati dal PBF a fascio di elettroni, garantendo maggiori livelli di ripetibilità e controllo. Nel frattempo, ci sono Xi’an Sailong Metals in Cina e FreeMelt , l’ultimo dei quali ha un’architettura aperta, che lo rende più flessibile per lo sviluppo di materiali e applicazioni. Tutti questi operano sotto l’ombra di GE Additive, che ha la storia e la reputazione più consolidate nel settore.

Non sono a conoscenza di nessun’altra azienda che offra DED basato su fascio di elettroni, rendendo pro-beam la prima nello spazio. Quali vantaggi ha questa tecnica rispetto ad altre fonti di energia, come gli archi di plasma, è difficile da sapere e speriamo che il raggio pro possa illuminarci. Ciò rende pro-beam l’unico produttore di stampanti 3D a fascio di elettroni che affronta sia DED che PBF, dandogli la capacità di produrre parti sia grandi che piccole e sfruttare i vantaggi di ciascuna. Per DED, ciò potrebbe includere la stampa 3D di una varietà molto più ampia di materiali, nonché la possibilità di combinarli. PBF è utile per componenti altamente dettagliati con geometrie complesse. La collaborazione con FIT AG accelererà probabilmente qualsiasi sviluppo che l’azienda ha pianificato di fare da sola, fornendo un accesso pro-fascio a una comprensione ancora più ampia del settore AM.

Be the first to comment on "FIT AG e pro-beam collaborano per la stampa 3D in metallo a fascio elettronico (DED e PBF)"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi