Fusione tra Heidelberg Instruments e Multiphoton Optics

La litografia 3D senza maschera di Multiphoton Optics consente la produzione di strutture complesse in una singola fase del processo. L’immagine SEM esemplifica la capacità di produrre sistemi di lenti per nuove applicazioni di imaging o illuminazione.
Con effetto immediato, Multiphoton Optics GmbH è una consociata al 100% di Heidelberg Instruments Mikrotechnik GmbH. Questo raggruppamento di forza di sviluppo e tecnologie per la produzione di strutture molto piccole sottolinea l’importanza globale della ricerca, sviluppo e produzione tedeschi di sistemi laser a scrittura diretta per microstrutturazione.

Con la conclusione positiva dei negoziati di fusione e acquisizione, i dipendenti di Multiphoton Optics (MPO) fanno ora parte della famiglia Heidelberg Instruments, che è uno dei leader del mercato internazionale per la litografia laser. La fusione mira ora anche a rafforzare la posizione di mercato nel settore della microottica.

“MPO è un pioniere della litografia a due fotoni e ha sviluppato un potente sistema di esposizione per la stampa 3D fino alla gamma sub-micrometrica. MPO colma così un divario tra la litografia laser convenzionale, su cui si basa il nostro forte core business, e la tecnologia per la nanostrutturazione (t-SPL) aggiunta tre anni fa nella divisione Heidelberg Instruments Nano. Insieme a MPO, amplieremo la nostra posizione nel campo della micro-ottica e delle superfici strutturate ”, riferisce Konrad Roessler, CEO di Heidelberg Instruments.

L’attuale specialità dell’MPO è la produzione di superfici 3D freeform e strutture 3D progettate liberamente, con particolare attenzione alla micro-ottica. Nella ricerca e sviluppo, l’attenzione si concentra attualmente principalmente sui processi di produzione che utilizzano la polimerizzazione a due fotoni (2PP) e su moduli software e hardware specifici per l’ applicazione .

Mentre Heidelberg Instruments ha grandi aspettative nell’ulteriore sviluppo dei sistemi di litografia 3D presso il sito MPO di Würzburg, la fusione strategica per Multiphoton Optics significa soprattutto accesso al potenziale e alle strutture di vendita, alle capacità produttive e alla rete di assistenza globale della nuova casa madre.

“Heidelberg Instruments è il partner perfetto per noi, poiché la fusione andrà a vantaggio dei clienti, dei dipendenti e della tecnologia stessa. La rete globale di Heidelberg Instruments aumenta la nostra visibilità e ci consente di sviluppare nuovi sistemi basati sulla polimerizzazione a due fotoni per supportare sempre più clienti nell’implementazione delle loro applicazioni e idee “, afferma il Dr. Benedikt Stender, che in futuro fungerà da unico amministratore delegato di Multiphoton Optics. Dott. Boris Neubert, che in precedenza era responsabile delle operazioni nel team di gestione di MPO, promuoverà l’integrazione della società da Heidelberg Instruments. “Combinando i punti di forza di entrambe le società,Offrire servizi ”, afferma insieme le prospettive positive di Neubert per il futuro.

Be the first to comment on "Fusione tra Heidelberg Instruments e Multiphoton Optics"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi