I ricercatori della Charles Sturt University e le tane e lecassette in plastica stampate in 3D per animali nelle aree colpite da incendi boschivi

I RICERCATORI AUSTRALIANI HANNO STAMPATO IN 3D NUOVE CASE PER LA FAUNA SELVATICA
QUANDO UNA SERIE DI INCENDI HANNO DEVASTATO LA CAMPAGNA AUSTRALIANA QUEST’ANNO E LO SCORSO ANNO, SI STIMA CHE CIRCA 3 MILIARDI DI ANIMALI SIANO STATI UCCISI O SPOSTATI DAI LORO HABITAT. ALLO STESSO TEMPO, UN NUMERO ENORME DI ALBERI CAVI FU DISTRUTTO, GLI HABITAT NATURALI DI MOLTI UCCELLI E PICCOLI ANIMALI.

I ricercatori della Charles Sturt University hanno dimostrato che la tecnologia di stampa 3D può essere utilizzata per creare nuovi habitat per una serie di specie selvatiche in via di estinzione in Australia. Hanno sviluppato e brevettato un nuovo design per una “casetta per uccelli” stampata in 3D. Il suo principale vantaggio è un migliore controllo della temperatura interna grazie alle sue doppie pareti. Inoltre, si prevede che le nuove casette per gli uccelli abbiano una durata di vita paragonabile a quella delle cavità naturali degli alberi, mentre i nidi durano in genere da otto a dieci anni.

Secondo i ricercatori, il design innovativo è potenzialmente la prima vera rivoluzione nella progettazione di casette per uccelli in 3.000 anni ed è probabilmente il primo nido artificiale ad attrarre specie in via di estinzione.

Le cavità di plastica create dai ricercatori, stampate in 3D (nella foto dal ricercatore principale dello studio, il professor David Watson con il prodotto finito), simulano accuratamente le proprietà termiche, la durata e le dimensioni interne delle cavità reali negli alberi naturali, la cui formazione può richiedere da 80 a 100 anni e ospita oltre il 15 per cento della fauna selvatica che si trova nella savana australiana.

I ricercatori hanno ricevuto un brevetto per un innovativo design cavo per la nuova casetta per gli uccelli e la produzione commerciale utilizzando plastica riciclata al 100% dovrebbe iniziare entro la fine dell’anno.

Una piccola scatola di plastica creata utilizzando la stampa 3D fornisce la casa perfetta per gli animali che hanno perso il loro habitat a causa degli incendi, imitando il microclima di un vero albero cavo.

Punti chiave:
I ricercatori della Charles Sturt University hanno progettato una cavità di plastica che imita in modo convincente le condizioni della cosa reale
Utilizzando la stampa 3D e la plastica, si spera che il design rafforzi le specie autoctone vulnerabili
Il design brevettato aiuta a sostituire le cavità formate naturalmente perse in disastri come gli incendi boschivi
Il nuovo progetto del professore della Charles Sturt University David Watson e dello studente di ricerca Mick Callan mirava ad aiutare le specie australiane minacciate.

“Ci sono state molte cose lanciate nel nostro ecosistema nativo”, ha detto il dottor Watson.

“Il 2020 è stato un anno difficile per gli esseri umani, è stato un anno piuttosto difficile anche per la fauna selvatica”.

Circa 3 miliardi di animali sono stati sfollati o uccisi nell’estate nera 2019-2020.

Il dottor Watson sperava che il design cavo avrebbe aiutato a ripristinare le popolazioni di animali selvatici in habitat bruciati.

“La capacità del design di imitare il microclima di un vero albero cavo lo separa dal tradizionale nido o scatola per uccelli”, ha detto.

Il dottor Watson ha detto che, concentrandosi su umidità, temperatura e funzione piuttosto che sulla forma, hanno creato piccole scatole di plastica che erano indistinguibili dalle cavità formate naturalmente ai potenziali occupanti.

Le cassette nido convenzionali in compensato potrebbero proteggere la fauna selvatica a breve termine, ha detto, ma non sono riuscite a resistere alle condizioni meteorologiche su entrambe le estremità del termostato.

Design flessibile
Il dottor Watson ha affermato che la forza del design risiede anche nella sua capacità di adattarsi all’ambiente circostante.

“La cavità di plastica può essere personalizzata per incontrare la curva di un albero esistente, la recinzione di un nuovo complesso residenziale, o gli angoli di un semaforo”, ha detto.

“Possiamo decodificare le case per la nostra fauna selvatica in pericolo di estinzione in tutti questi luoghi dell’ambiente costruito”.


Il dottor Watson ha affermato che i ricercatori si sono affidati alla tecnologia di stampa 3D per la prototipazione.

“Se puoi immaginarlo, puoi farlo con la stampa 3D”, ha detto.

“[È la stessa tecnologia] usata per realizzare tutti i tipi di contenitori e recipienti di plastica”.


Il dottor Watson ha detto che c’era solo una quantità limitata di cavità dell’albero appropriate intorno e che potrebbe essere un mercato competitivo per molte specie in via di estinzione.

“L’Australia è un po ‘strana, in quanto non abbiamo picchi o qualsiasi altro tipo di animale che fa le proprie cavità”, ha detto.

Ma, ha detto il dottor Watson, c’erano “centinaia e centinaia” di specie che facevano affidamento sulle cavità per stabilirsi e creare una famiglia.

Ha detto che “ci vuole molto tempo” perché gli alberi crescano abbastanza da creare cavità adatte, in particolare per gli abitanti cavi più grandi.

“Ad esempio, ci vogliono dai 200 ai 400 anni di crescita perché un albero formi naturalmente una cavità abbastanza grande per un grande gufo”, ha detto il dottor Watson.

Ma, ha detto, questo equivalente in plastica potrebbe combattere la scarsità di cavità in alcune aree.

Ha detto che gli sarebbe piaciuto vederli nelle scuole, nei parchi e nei cortili privati.

“Non si possono avere troppe di queste cose”, ha detto il dottor Watson.

“Dopo la siccità, dopo grandi incendi boschivi, ci sono ancora meno case disponibili”.

Trova altre notizie locali
Dicci la tua posizione e trova altre notizie e informazioni ABC locali
Un ‘tappabuchi’ essenziale
Man peers into wooden box attached to tree, shielding his eyes from the sun.

Quegli incendi, ha detto il dottor Watson, avevano decimato intere aree dell’habitat e abbattuto alberi vecchi di centinaia di anni.

“Non puoi agitare la tua bacchetta magica e semplicemente rimettere in scena quegli alberi nel paesaggio”, ha detto.

Il dottor Watson ha detto che la cavità di plastica potrebbe fornire un “riparo” nelle aree colpite da incendi e altri disastri ambientali.

Ha detto che il nuovo design darebbe agli ecologisti del restauro un altro modo per nutrire la fauna selvatica australiana e “rendere il posto un po ‘migliore per la gente del posto che sta resistendo”.

Be the first to comment on "I ricercatori della Charles Sturt University e le tane e lecassette in plastica stampate in 3D per animali nelle aree colpite da incendi boschivi"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi