Il nuovo bioinchiostro idrogel granulare potrebbe ampliare le possibilità per la biostampa dei tessuti
Il ricercatore della Penn State è stato riconosciuto come “Astro nascente” per il lavoro
I ricercatori della Penn State hanno sviluppato un nuovo bioinchiostro idrogel granulare nanotecnologico, utilizzato qui per stampare un’immagine del logo Nittany Lion. Questo bioinchiostro aiuta a raggiungere livelli di porosità, fedeltà della forma e integrazione cellulare mai raggiunti in precedenza durante la stampa 3D di biomateriali.  

UNIVERSITY PARK, Pennsylvania — Ogni giorno negli Stati Uniti, 17 persone muoiono in attesa di un trapianto d’organo e, ogni nove minuti, un’altra persona viene aggiunta alla lista d’attesa del trapianto, secondo la Health Resources and Services Administration . Una potenziale soluzione per alleviare la carenza è sviluppare biomateriali che possono essere stampati tridimensionalmente (3D) come forme di organi complesse, in grado di ospitare cellule e formare tessuti. I tentativi finora, tuttavia, sono falliti, con i cosiddetti bioinchiostri idrogel sfusi che non si sono integrati correttamente nel corpo e supportano le cellule nei costrutti di tessuto spesso. 

Ora, i ricercatori della Penn State hanno sviluppato un nuovo bioinchiostro idrogel granulare nanoingegnerizzato che utilizza nanoparticelle autoassemblanti e microparticelle di idrogel, o microgel, per raggiungere livelli di porosità, fedeltà della forma e integrazione cellulare mai raggiunti prima.

Il team ha pubblicato il proprio approccio sulla rivista Small . Il loro lavoro sarà presentato sulla copertina del giornale.  
Il lavoro sarà presentato come copertina della rivista per un prossimo numero.  Credito: fornito da Amir Sheikhi . Tutti i diritti riservati .
“Abbiamo sviluppato un nuovo bioinchiostro idrogel granulare per la biostampa con estrusione 3D di scaffold microporosi di ingegneria tissutale”, ha affermato l’autore corrispondente Amir Sheikhi, assistente professore di ingegneria chimica della Penn State che ha un appuntamento di cortesia in ingegneria biomedica. “Abbiamo superato il precedente limiti della biostampa 3D di idrogel granulari legando in modo reversibile i microgel utilizzando nanoparticelle che si autoassemblano, consentendo la fabbricazione di bioinchiostro idrogel granulare con microporosità ben conservata, maggiore stampabilità e fedeltà della forma. 

Ad oggi, la maggior parte dei bioinchiostri si è basata su idrogel sfusi – reti polimeriche che possono trattenere una grande quantità di acqua pur mantenendo la loro struttura – con pori su scala nanometrica che limitano le interazioni cellula-cellula e cellula-matrice, nonché il trasferimento di ossigeno e nutrienti. Richiedono anche la degradazione e/o il rimodellamento per consentire l’infiltrazione e la migrazione cellulare, ritardando o inibendo l’integrazione del tessuto bioinchiostro. 

“Il principale limite della biostampa 3D che utilizza bioinchiostri idrogel convenzionali è il compromesso tra fedeltà della forma e vitalità cellulare, che è regolato dalla rigidità e dalla porosità dell’idrogel”, ha affermato Sheikhi. “L’aumento della rigidità dell’idrogel migliora la fedeltà della forma del costrutto, ma riduce anche la porosità, compromettendo la vitalità cellulare”. 

Per superare questo problema, gli scienziati del settore hanno iniziato a utilizzare microgel per assemblare scaffold per l’ingegneria dei tessuti. In contrasto con gli idrogel sfusi, questi scaffold idrogel granulari sono stati in grado di formare costrutti 3D in situ , regolare la porosità delle strutture create e disaccoppiare la rigidità degli idrogel dalla porosità.

Tuttavia, la vitalità cellulare e la migrazione sono rimaste un problema, ha affermato Sheikhi. Per ottenere i tratti positivi durante il processo di stampa 3D, gli idrogel granulari devono essere ben confezionati insieme, compromettendo lo spazio tra i microgel e influendo negativamente sulla porosità, che a sua volta ha un impatto negativo sulla vitalità e la motilità cellulare. 

L’approccio dei ricercatori della Penn State affronta il problema del “blocco” pur mantenendo i tratti positivi degli idrogel granulari aumentando la viscosità dei microgel l’uno con l’altro. I microgel si aggrappano l’uno all’altro, eliminando la necessità di un imballaggio stretto come risultato dell’autoassemblaggio interfacciale di nanoparticelle adsorbite dai microgel e preservando i pori su microscala. 

“Il nostro lavoro si basa sulla premessa che le nanoparticelle possono adsorbire sulle superfici dei microgel polimerici e aderire reversibilmente i microgel l’uno all’altro, senza riempire i pori tra i microgel”, ha affermato Sheikhi. “Il meccanismo di adesione reversibile si basa su nanoparticelle a carica eterogenea che possono conferire un legame dinamico a microgel poco confezionati. Tali legami dinamici possono formarsi o rompersi al rilascio o all’esercizio della forza di taglio, consentendo la biostampabilità 3D delle sospensioni di microgel senza comprimerle densamente. 

I ricercatori affermano che questa tecnologia può essere estesa ad altre piattaforme granulari costituite da microgel polimerici sintetici, naturali o ibridi, che possono essere assemblati tra loro utilizzando nanoparticelle simili o altri metodi fisici e/o chimici, come il legame reversibile indotto dalla carica , interazioni ospite-ospite o legami covalenti dinamici. 

Secondo Sheikhi, i ricercatori hanno in programma di esplorare come il bioinchiostro granulare nanoingegnerizzato potrebbe essere ulteriormente applicato per l’ingegneria e la rigenerazione dei tessuti, modelli di organi/tessuti/malattie su chip e bioprinting 3D  in situ di organi.

“Affrontando una delle sfide persistenti nella biostampa 3D di idrogel granulari, il nostro lavoro potrebbe aprire nuove strade nell’ingegneria dei tessuti e nella stampa di organi funzionali”, ha affermato Sheikhi. 

Advanced Materials ha nominato Sheikhi come una stella nascente per questo articolo. La serie Rising Star ha lo scopo di “celebrare la diversità delle comunità scientifiche internazionali che [le riviste Advanced Science, Advanced Materials, Advanced Healthcare Materials e Small] servono raccogliendo articoli di ricerca eccezionali su studi concettualizzati e supervisionati da ricercatori riconosciuti all’inizio della carriera da tutto il mondo il mondo”, secondo il sito web della rivista . 
Amir Sheikhi, assistente professore di ingegneria chimica della Penn State che ha un appuntamento di cortesia in ingegneria biomedica.  Credito: Kelby Hochreither/Penn State . Tutti i diritti riservati .
ESPANDERE
Gli altri autori dell’articolo sono i dottorandi in ingegneria chimica Zaman Ataie e Sina Kheirabadi; gli studenti universitari di ingegneria chimica Rhea Jiang e Carter Petrosky; lo studente universitario di ingegneria meccanica e ingegneria biomedica Christian Vollberg; la studentessa di ingegneria meccanica Jenna Wanjing Zhang; e lo studente universitario di ingegneria biomedica Alexander Kedzierski.

Il programma di sovvenzioni sui semi per la ricerca collaborativa sui materiali multifunzionali Penn State e le sovvenzioni sui semi del Penn State Material Research Institute e del College of Engineering’s Materials Matter at the Human Level hanno parzialmente finanziato questa ricerca.  
 

di Amir Sikhi

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi