Il Green Deal della Unione Europea e Dyemansion

Il ruolo del Consiglio europeo per l’innovazione (EIC) è garantire che l’Unione europea abbia una crescita economica adeguata e che questa sia guidata da organizzazioni che hanno la sostenibilità al centro. Quest’anno l’EIC ha lanciato il suo bando Green Deal e una delle 64 startup e PMI ” rivoluzionarie ” selezionate è DyeMansion , la dirompente organizzazione di post-elaborazione.

Le startup e le PMI otterranno oltre 307 milioni di euro per rilanciare l’economia europea con un focus particolare sulle tecnologie innovative. Il sistema Powerfuse S di DyeMansion soddisfa molti requisiti che l’EIC considera essenziali nel suo obiettivo di rendere l’Unione europea climaticamente neutra entro il 2050.

Il sistema di lucidatura a vapore che fornisce superfici sigillate oltre l’estetica è stato progettato per eliminare alcune delle sostanze probabilmente cancerogene, mutagene e tossiche per la riproduzione associate a precedenti processi di levigatura chimica, molte delle quali possono essere classificate dall’UE come “ sostanze estremamente preoccupanti ” nel futuro.

“Essere selezionati come una delle primissime aziende a lavorare in prima linea nella missione europea di diventare il primo continente climaticamente neutro è per noi un grande onore. Ciò sottolinea non solo il potenziale di sostenibilità della stampa 3D, ma anche l’innovativo approccio “verde” che portiamo all’industria manifatturiera con il nostro Powerfuse S. Prendiamo sul serio questo lavoro e vediamo la sostenibilità come un obbligo chiave per tutte le nostre attività “, ha affermato Felix Ewald, CEO e co-fondatore di DyeMansion.

L’avanzata architettura hardware del sistema Powerfuse S funziona con il solvente VaporFuse EcoFluid proprietario di DyeMansion, che è innocuo e sicuro sia per l’operatore che per l’ambiente. Può essere tranquillamente utilizzato per la lavorazione di materie plastiche destinate a venire a contatto con alimenti secondo il regolamento (UE) 10/2011. Il solvente viene fatto circolare continuamente in un circuito chiuso e recuperato automaticamente dal sistema. Ciò consente un processo sostenibile senza contatto senza rifiuti chimici.

I risultati di questo processo industriale sono proprietà delle parti migliorate e superfici stampate in 3D sigillate con una finitura a livello di stampaggio a iniezione. La bellezza non si limita alle superfici esterne, VaporFuse Surfacing può fornire una rugosità superficiale ridotta di Ra inferiore a 2, anche all’interno di tubi complessi. Le parti trattate con VaporFuse mostrano una maggiore tenuta alla pressione e respingono acqua, olio o altri liquidi. È inoltre possibile ridurre al minimo un’eventuale proliferazione batterica sulla superficie.

“Sono molto orgoglioso del nostro team di DyeMansion per lo sviluppo di un sistema che stabilirà nuovi standard nel settore e dimostra in modo impressionante che la nostra azienda è in grado di offrire soluzioni al più alto livello industriale”, ha affermato Felix durante il lancio della macchina a Formnext 2019.

La convalida EIC della tecnologia DyeMansion è un ulteriore colpo nel braccio per l’azienda in rapida crescita con sede a Monaco che all’inizio di quest’anno ha annunciato un round di finanziamento di 14 milioni di dollari , portando l’importo totale che la società di post-elaborazione della produzione additiva ha raccolto a 24 milioni DOLLARO STATUNITENSE.

Il finanziamento aggiuntivo è stato generato da Nordic Alpha Partners (NAP) e da numerosi investitori esistenti, tra cui AM Ventures, UVC Partners, btov Partners e KGAL. DyeMansion utilizzerà questo recente investimento per sviluppare catene di processi automatizzate e completamente integrate, aiutando anche l’azienda a stabilire una maggiore presenza globale tramite strutture dimostrative, consulenti applicativi regionali e infrastrutture commerciali.

DyeMansion sta spingendo il limite quando si tratta di tecnologie di post-elaborazione. Il suo portafoglio completo di prodotti è progettato con l’intenzione di essere pronto per l’Industria 4.0 e un’azienda che sta facendo enormi passi avanti grazie alla tecnologia di DyeMansion è ProGlove.

ProGlove costruisce gli scanner di codici a barre più leggeri, piccoli e resistenti al mondo, collegando i lavoratori a informazioni fruibili. Più di 500 rinomate organizzazioni di produzione, produzione, logistica e vendita al dettaglio utilizzano queste soluzioni per la forza lavoro più intelligenti. ProGlove è stata fondata nel dicembre 2014 dopo aver vinto la sfida Intel “Make it Wearable” nella Silicon Valley ed è sostenuta dagli investitori orientati alla crescita Summit Partners, DICP e Bayern Capital. L’azienda impiega 200 persone provenienti da oltre 40 paesi con uffici a Monaco, Chicago e Belgrado.

Durante la crisi del COVID-19, l’azienda ha reagito rapidamente e ha integrato nell’app esistente una funzione che invia un segnale se due dispositivi, e quindi i loro operatori, sono troppo vicini tra loro, garantendo il distanziamento sociale. La domanda per la tecnologia ProGlove è in continua crescita e la stampa 3D offre molti vantaggi. Oltre alla capacità di pianificare accuratamente i volumi di produzione ed evitare la sovrapproduzione, il portafoglio di prodotti può essere rapidamente adattato ed ampliato. Se combinato con il flusso di lavoro Print-to-Product di DyeMansion, la stampa 3D può essere utilizzata per produrre prodotti di alto valore per l’uso finale, indipendentemente dal volume di produzione. Ciò offre un vantaggio significativo rispetto ai metodi di produzione convenzionali come lo stampaggio a iniezione, che ha senso solo al di sopra di una certa quantità. Ciò consente una produzione più sostenibile.

“Usiamo la tecnologia SLS combinata con il flusso di lavoro DyeMansion Print-to-Product per la produzione in serie e per accelerare il processo. Siamo un’azienda giovane con un portafoglio di prodotti giovane e abbiamo continui cambiamenti. Nel processo di produzione, ci dà la libertà di cambiare rapidamente i prodotti senza dover tenere d’occhio il volume di produzione “, ha affermato Konstantin Brunnbauer, VP of Production, ProGlove.

Oltre a far parte del bando Green Deal dell’EIC, DyeMansion fa anche parte del progetto ROSE (Return On Society and the Environment) di Start Global, sviluppato in collaborazione con l’Università di San Gallo ed è supportato dall’investitore di DyeMansion, btov . ROSE autorizza e guida gli imprenditori e gli investitori a contribuire a impatti più positivi. Il quadro fornisce una migliore comprensione sia dei rischi che delle opportunità e sottolinea anche la responsabilità degli imprenditori come attore chiave per lo sviluppo della nostra società.

Lukas Erdt, Product Manager di Powerfuse S e promotore del consiglio di sostenibilità di DyeMansion, ha commentato: “Di fronte alla crisi climatica, alle risorse limitate e alle disuguaglianze globali, è ovvio che le aziende devono ripensare il loro modo di operare. Una cosa è riconoscere la necessità e impegnarsi per una maggiore sostenibilità, ma l’effettiva attuazione è un duro lavoro. Questa consapevolezza ci ha permesso di istituire un comitato interno per la sostenibilità per lavorare su questi temi e di assegnarvi risorse e autorità “.

DyeMansion continua a spingere i confini di ciò che è possibile con la produzione additiva e, implementando la sostenibilità al centro, ha costruito un ecosistema incredibilmente promettente che punta verso un futuro più luminoso, e non solo con la sua vasta gamma di colori …’

Be the first to comment on "Il Green Deal della Unione Europea e Dyemansion"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi