La startup high-tech viennese Incus si è specializzata in soluzioni per la produzione additiva di metalli ad alte prestazioni. Ora la società è stata in grado di completare un round di serie A.
 
Gerald Mitteramskogler, CEO di Incus e Managing Partner AM Ventures Johann Oberhofer (vl) | (c) Area stampa Incus
 
Incus GmbH, con sede a Seestadt Aspern, è stata fondata nel  2019 da Gerald Mitteramskogler  e si è specializzata nella cosiddetta “produzione di metalli basata sulla litografia” – nota anche come processo LMM. Il processo viene utilizzato nella produzione additiva (AM). Solo all’inizio di novembre la società ha annunciato che la tecnologia di stampa 3D sarebbe stata testata in un progetto congiunto dell’ESA per future missioni lunari.

Il produttore austriaco di stampa 3D Incus, specializzato nella produzione di metalli basati sulla litografia (LMM), ha concluso un round di investimenti di serie A nel quarto trimestre del 2021, in cui è stato coinvolto anche l’investitore esistente AM Ventures. La società coinvolge anche il veterano del settore Adrian Keppler, ex CEO del produttore EOS , come investitore e consulente per la crescita.

Incus è stata fondata nel 2019 e ha ricevuto un investimento iniziale da AM Ventures, nota per i suoi investimenti in aziende di stampa 3D. Sin dal suo inizio, Incus ha portato la sua ammiraglia, la soluzione di stampa 3D Hammer Lab35, nella produzione in serie e ha acquisito nuovi partner in Europa e in Asia.

Con questo investimento di serie A, Incus accelererà lo sviluppo della sua tecnologia LMM e industrializzerà ulteriormente la sua attuale soluzione AM. Incus lavorerà con i leader del settore per fornire un feedback completo sulle loro aspettative per la produzione di parti AM industrializzate con un nuovo concetto di stampante che include un aumento del volume di costruzione e la semplificazione delle fasi di post-elaborazione. Questo sviluppo, combinato con l’automazione, ridurrà il costo per parte e consentirà la produzione di parti più grandi con la stessa velocità di stampa.

“Il continuo supporto dei nostri investitori sottolinea il potenziale della nostra tecnologia e ci consente di espandere le nostre capacità operative e di ricerca e sviluppo”, ha affermato il dott. Gerald Mitteramskogler, CEO di Incus. “La nostra stampante su scala di produzione è un simbolo dei nostri obiettivi futuri. Con l’AM basato sulla sinterizzazione, la post-elaborazione e il lavoro manuale implicato richiedono molto tempo e stiamo pianificando nuove soluzioni per semplificare questi passaggi, in particolare per le parti più piccole. “
Dopo aver stampato le parti verdi, ci sono diversi passaggi come la pulizia e la preparazione del prodotto finale. Per le parti più piccole e complesse, il lavoro manuale coinvolto nella fase di pulizia fine può rappresentare oltre il 50% dei costi totali di produzione. Come parte della sua tecnologia LMM, Incus sta sviluppando nuovi modi per semplificare questi passaggi per ridurre al minimo la manodopera e ridurre i costi attraverso l’automazione.

Negli ultimi due anni Incus ha aumentato il suo team di esperti da quattro a 16 dipendenti e ora sta portando Adrian Keppler, esperto del settore ed ex CEO di EOS GmbH, a bordo come investitore che accompagnerà l’azienda nel suo ulteriore percorso di crescita. Keppler aiuterà a trasformare Incus da un prodotto a un’azienda di soluzioni che si concentra sul successo co

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi