Intel afferma che il business delle fotocamere RealSense è in fase di scioglimento
Il gigante dei semiconduttori dice a CRN che sta “esaudendo” il portafoglio dell’azienda di fotocamere e sensori ad alta tecnologia che sono stati costruiti per applicazioni di visione artificiale come la robotica e la segnaletica digitale per concentrarsi sulle sue attività principali. L’azienda onorerà gli attuali impegni dei clienti e Intel prevede di applicare l’esperienza tecnica e il talento che ha sviluppato nella visione artificiale per supportare altre funzioni nelle attività principali del produttore di chip.

 
Intel ha affermato che sta “finendo” la sua divisione di visione artificiale RealSense per concentrarsi sulle sue attività principali, segnando l’inizio della fine per un portafoglio di fotocamere e sensori ad alta tecnologia che sono stati costruiti per la robotica, la segnaletica digitale, la scansione 3D e altri futuri. cercando casi d’uso.

Martedì un portavoce di Intel ha dichiarato a CRN che la società con sede a Santa Clara, in California, onorerà gli attuali impegni dei clienti e applicherà l’esperienza tecnica e il talento nella visione artificiale che ha sviluppato per supportare altre funzioni nelle attività principali del produttore di chip.

 

“Stiamo chiudendo la nostra attività RealSense e trasferiamo i nostri talenti, tecnologie e prodotti di visione artificiale per concentrarci sul progresso di tecnologie innovative che supportino meglio le nostre attività principali e la strategia IDM 2.0 “, ha affermato il portavoce in una dichiarazione via e-mail.

“Continueremo a rispettare i nostri impegni nei confronti dei nostri attuali clienti e stiamo lavorando con i nostri dipendenti e clienti per garantire una transizione senza intoppi”, ha aggiunto il portavoce.

In una nuova dichiarazione inviata venerdì, un portavoce di Intel ha affermato che la chiusura del business RealSense ha comportato la fine del ciclo di vita delle linee di prodotti LiDAR, autenticazione facciale e monitoraggio della divisione.

 
Tuttavia, ha affermato il portavoce, Intel continuerà a vendere prodotti stereo selezionati attraverso i suoi attuali clienti di distribuzione. I prodotti supportati sono costituiti dai moduli D410, D415, D430 e D450 e dalle linee di prodotti integrati D415, D435 e D435i.

La chiusura dell’attività RealSense di Intel è stata confermata due settimane dopo che Sagi Ben Moshe, capo di RealSense e direttore generale del gruppo Emerging Growth and Incubation di Intel, ha dichiarato su LinkedIn che avrebbe lasciato l’azienda dopo 10 anni di servizio per iniziare il capitolo successivo. della sua carriera.

Presentato come un modo “facile e veloce” per creare prodotti con capacità di visione artificiale, il portafoglio RealSense consisteva di telecamere e moduli stereoscopici, LiDAR e a luce codificata che supportavano risoluzioni elevate e frame rate elevati in vari fattori di forma. Questi prodotti erano alimentati da processori e ASIC RealSense Vision di Intel e sono stati integrati con kit di sviluppo software e software per casi d’uso come il monitoraggio dello scheletro.

Più di recente, Intel ha ampliato il proprio portafoglio RealSense a gennaio con Intel RealSense ID, una soluzione di autenticazione facciale su dispositivo destinata a serrature intelligenti, controllo degli accessi, sistemi POS e altri tipi di dispositivi.

Secondo il sito Web RealSense di Intel, i clienti andavano da RightHand Robotics, che utilizza RealSense per i robot di prelievo dei pezzi nei magazzini, a Prowise, che utilizza la tecnologia per uno strumento di apprendimento basato sui gesti. Anche i droni di Intel utilizzano la tecnologia.

Kent Tibbils, vicepresidente del marketing di ASI, un distributore con sede a Fremont, in California, ha detto a CRN che la sua azienda distribuisce prodotti RealSense e sebbene non fosse a conoscenza del piano di Intel per chiudere l’attività, non è stato sorpreso di sentire la notizia, almeno per quanto riguarda i circa 10 clienti che hanno acquistato prodotti RealSense in volumi relativamente bassi.

“C’erano solo pochi che acquistavano più unità, da 10 a 40 alla volta”, ha detto. “Era decisamente molto di nicchia e molto specializzato per il canale generale. Non era un prodotto enorme”.

Tibbils ha affermato che i prodotti, utilizzati dai clienti di ASI per applicazioni mediche e segnaletica digitale, sono probabilmente un venditore migliore per i distributori con una maggiore attenzione alle applicazioni industriali e integrate.

Tuttavia, ha affermato Tibbils, la decisione di Intel di porre fine al business RealSense ha senso dato che il CEO dell’azienda, Pat Gelsinger , sta cercando di raddoppiare le attività di PC e server del produttore di chip nel suo tentativo di riportare l’azienda a una posizione di leadership.

“Mi piace vedere Intel concentrare maggiormente le proprie risorse nel proprio core business. Penso che abbia molto senso, e questo è più positivo per il canale in generale”, ha detto. “Ci sono così tante opportunità che crescono intorno [al core business di Intel], specialmente sul lato server, che penso che questo sia il vantaggio più grande per tutti.”

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi