Intervista con Julie Reece di Rize sul marketing e la comprensione della stampa 3D

Julie Reece lavora nella stampa 3D da oltre un decennio. Ha affrontato molte sfide di marketing e ha visto il settore evolversi continuamente. Da un momento in cui l’obiettivo principale era quello di spiegare alle persone come funzionava la stampa 3D, a un momento in cui le persone erano alla disperata ricerca di usi nell’era dell’hype e ora l’era dell’industrializzazione Julie è stata lì. Ha molta conoscenza del settore e comprensione, nonché molta conoscenza dei clienti. La sua esperienza e il suo viaggio possono dirci molto su dove è stata la stampa 3D e dove è diretta. Inoltre, Julie è una delle persone più simpatiche nella stampa 3D e ha molte informazioni sul settore. Julie ora lavora come vicepresidente per il marketing presso Rize, un’azienda che dispone di una tecnologia di polimero ibrido adatta per l’ufficio che è molto diversa dalle tecnologie esistenti che conosciamo e amiamo. Rize è un ibrido che combina tecnologie a getto d’inchiostro ed estrusione per ottenere la stampa 3D a colori e la finitura abbinata alla forza della parte. Abbiamo testato un sistema di Rize, e l’azienda ha ampliato il campo di applicazione , come pure aree di applicazione di recente. Abbiamo intervistato Julie per saperne di più sul sistema e sul nostro settore.

Quando sei stato coinvolto nella stampa 3D?

Sono entrato a far parte dell’industria della stampa 3D nel 2008 come direttore delle comunicazioni di marketing per Z Corporation. Non avevo mai sentito parlare della stampa 3D, quindi quando sono stato assunto per la posizione, avevo i miei dubbi. Dieci anni dopo, non ho guardato indietro.

Cosa è cambiato da allora?

La stampa 3D è un settore completamente diverso ora rispetto al 2008. Quando sono entrato nel settore, c’erano solo pochi attori chiave, ognuno con le proprie proposte di valore distinte. Ciò ha reso relativamente facile per gli utenti determinare quali stampanti 3D sarebbero più adatte alle loro esigenze. La produzione additiva, come la conosciamo oggi, non esisteva allora e le scelte materiali erano molto limitate. Il focus dell’applicazione era “Rapid Prototyping” per applicazioni commerciali, piuttosto che costruire parti per applicazioni industriali di produzione e uso finale.

Com’è il mercato adesso?

I potenziali acquirenti spesso mi dicono che ritengono che il settore sia “schiacciante”. Oggi, ci sono 177 produttori di sistemi di produzione additiva e stampa 3D che vanno da circa $ 5K a milioni di dollari. Questo è un aumento significativo di 135 produttori solo un anno fa. Molti sistemi sono essenzialmente copia di gatti di sistemi esistenti. Le opzioni relative ai materiali si sono notevolmente ampliate, in particolare per le applicazioni di produzione, e il clamore incontrollato sulle capacità di alcune stampanti ha creato confusione per gli acquirenti, aspettative insoddisfatte e scetticismo generale sui sistemi di produzione additiva in generale. Detto questo, è un momento emozionante. La produzione additiva continua a crescere rapidamente e gli innovatori stanno spingendo i limiti di ciò che abbiamo mai immaginato possibile nei primi giorni del settore. Ad esempio, mentre in Z Corporation, Ho ottenuto un posto di PR per un programma TV del National Geographic chiamato Known Universe. La premessa del segmento era, immagina se gli astronauti fossero in grado di scansionare uno strumento e stampare sostituzioni su richiesta nello spazio, che abbiamo dimostrato in video nel nostro ufficio. L’idea era così inverosimile per il grande pubblico dell’epoca, che il video, noto semplicemente come il “video chiave inglese”, divenne virale con quasi 9 milioni di visualizzazioni. Questa è stata la prima volta che la stampa 3D è stata esposta in modo significativo alle masse nelle principali notizie e in altri punti vendita, nonostante fosse stata in uso commerciale per diversi anni. Oggi quell’apparentemente inverosimile applicazione è una realtà. che abbiamo dimostrato in video nel nostro ufficio. L’idea era così inverosimile per il grande pubblico dell’epoca, che il video, noto semplicemente come il “video chiave inglese”, divenne virale con quasi 9 milioni di visualizzazioni. Questa è stata la prima volta che la stampa 3D è stata esposta in modo significativo alle masse nelle principali notizie e in altri punti vendita, nonostante fosse stata in uso commerciale per diversi anni. Oggi quell’apparentemente inverosimile applicazione è una realtà. che abbiamo dimostrato in video nel nostro ufficio. L’idea era così inverosimile per il grande pubblico dell’epoca, che il video, noto semplicemente come il “video chiave inglese”, divenne virale con quasi 9 milioni di visualizzazioni. Questa è stata la prima volta che la stampa 3D è stata esposta in modo significativo alle masse nelle principali notizie e in altri punti vendita, nonostante fosse stata in uso commerciale per diversi anni. Oggi quell’apparentemente inverosimile applicazione è una realtà.

Che consiglio daresti a un’azienda che desidera produrre con la stampa 3D?

Innanzitutto, guarda alla produzione additiva come una tecnologia di miglioramento continuo. È simile a un computer desktop. Quando hai acquistato il tuo primo computer, hai iniziato a esaminare i problemi da risolvere con il computer e ogni giorno hai riscontrato un problema da risolvere in termini di applicazioni. La stampa 3D è più una tecnologia basata sulla pratica, il che significa che il modo migliore per iniziare è avere una stampante 3D. Guardati intorno e troverai abbastanza applicazioni in cui stai facendo le cose in un modo molto complesso o non riesci affatto a farlo. Con una stampante 3D, troverai modi per farlo molto più velocemente. Cerca i frutti a bassa pendenza, come prototipazione, maschere, strumenti e dispositivi. Quando si iniziano a sviluppare capacità, è possibile esaminare le parti di uso finale.

Un errore comune che le persone fanno con la stampa 3D è prendere parti che stanno producendo con la produzione convenzionale e provare a farle con la produzione additiva. Le pratiche di produzione esistenti sono ben consolidate e piuttosto sofisticate. Producono un alto grado di coerenza e qualità. Prendere parti prodotte convenzionalmente e produrle usando l’additivo significa cercare di forzare l’additivo in qualcosa che non è destinato a fare. La produzione additiva è pensata per pezzi unici e personalizzati, in cui si desidera ridurre la complessità. Ad esempio, un assemblaggio di 100 parti può essere ridotto a forse cinque parti con produzione additiva. Cerca i problemi che la produzione tradizionale non è stata in grado di risolvere e prova a risolverli con la produzione additiva, piuttosto che cercare di replicare ciò che esiste nella produzione tradizionale.

Infine, assicurati di fare i compiti ed evitare l’hype del settore. Valutare attentamente il sistema tecnico e i requisiti dei materiali per l’applicazione unica. Assicurati di considerare l’esperienza dei tuoi utenti e il luogo in cui faranno funzionare le stampanti. Scopri i requisiti e i costi di attrezzature, processi, materiali, strutture e manodopera nascosti per vari sistemi. Cerca attentamente come le diverse offerte soddisfano o non soddisfano le tue esigenze e scegli di conseguenza.

Cosa sta frenando l’adozione della stampa 3D?

Esistono diversi fattori che limitano l’adozione della stampa 3D, tra cui processi complessi, costosi e non sicuri, proprietà dei materiali insufficienti, assenza di capacità a colori a prezzi accessibili e durevoli e mancanza di autenticità delle parti. Questi fattori limitano le applicazioni e i settori per la stampa 3D, nonché gli utenti di un’azienda che possono utilizzare la tecnologia.

Perché dovrei usare Rize?

RIZE ha superato quelle sfide con la deposizione polimerica aumentata. Incentrati sull’utente e non solo sulla parte, abbiamo progettato i nostri sistemi appositamente per l’ufficio, facili da usare e connessi, consentendo agli utenti di progettare e costruire parti industriali ovunque. Non utilizziamo sostanze chimiche dannose e i nostri materiali non emettono COV zero. La nostra capacità minima di pre e post elaborazione fornisce il tempo più veloce per la stampa e la parte ingegnerizzata in mano, da due settimane a <24 ore, e consente agli ingegneri di accelerare l’innovazione. Quest’anno abbiamo vinto il premio Frost & Sullivan per le migliori pratiche a emissioni zero. Le persone stanno iniziando ad apprezzare il valore di ciò che la stampa 3D può fare se è inclusiva e sostenibile.

Forniamo anche il minor costo per parte con materiale riciclabile che offre eccezionali proprietà di durabilità, resilienza e resistenza richieste da molte applicazioni industriali e accademiche, dove sono richiesti componenti per uso finale a basso volume e alto mix. Queste proprietà includono assorbimento di umidità trascurabile, elevata resistenza chimica e bassa tensione superficiale. Utilizzando RIZE, i nostri clienti vedono una riduzione dei costi delle parti> 70%.

La possibilità di stampare in modo conveniente parti a colori, parti composite e parti digitali in una piattaforma facilita la comunicazione e la sicurezza, riduce gli errori e consente parti realistiche per una flessibilità e una varietà di applicazioni senza pari.

Come funziona Rize?

Abbiamo sviluppato la nostra tecnologia brevettata di deposizione polimerica aumentata (APD) per risolvere tre problemi chiave del settore. Il primo e più grande problema che volevamo risolvere riguarda la pre e post-elaborazione. Fino all’80% dei tempi e dei costi della stampa 3D risiede nella preparazione della parte per la stampa e nella preparazione per l’uso. La rimozione del supporto fa parte di questo processo. Un altro è garantire che l’oggetto sia stampato correttamente in modo che non fallisca. La stampa 3D è un processo in cui il materiale viene depositato strato per strato per creare la parte. Questo approccio, tuttavia, crea alcuni punti deboli attorno a determinate dimensioni nella parte. Volevamo risolvere anche questo problema.

Il secondo problema che volevamo risolvere è rendere le stampanti 3D totalmente sicure e facili da usare per l’ufficio da chiunque, ovunque. Ciò significa che il materiale non deve emettere fumi durante la stampa.

Infine, volevamo risolvere il problema dell’autenticità nella stampa 3D. Quando si stampa in 3D una parte, è difficile determinare se la parte è autentica perché chiunque può ottenere un modello e stamparlo.

Per risolvere questi problemi, abbiamo esaminato tutte le tecnologie esistenti e determinato che l’unica via da seguire era creare un processo ibrido. Abbiamo ibridato l’estrusione di materiale industriale e la tecnologia a getto di materiale. Il risultato è APD.

Con APD, la tecnologia di estrusione costruisce la parte depositando polimeri fusi. La tecnologia a getto deposita gli inchiostri funzionali nel materiale termoplastico per modificare le proprietà del materiale a livello di voxel. APD utilizza due tipi di inchiostri, rilascio e marcatura, ognuno con una propria funzione.

La funzione di un inchiostro di rilascio è quella di creare uno strato sottile che separa la parte e le strutture di supporto. Ciò consente agli utenti di rimuovere facilmente i supporti come una striscia di velcro, lasciando una superficie liscia in cui i supporti sono collegati alla parte. Gli inchiostri di marcatura CMYK consentono di stampare testo, immagini e grafica indelebili nella parte. Grazie agli inchiostri di marcatura, è possibile autenticare la parte inserendo informazioni sulla marca, numeri di revisione, istruzioni di sicurezza / uso e codici QR all’interno della parte.

Prendi i codici QR per un esempio. Puoi collegare un codice QR a qualsiasi fonte di dati che potresti avere. Ad esempio, potresti avere informazioni in un sistema ERP, CRM o di gestione del ciclo di vita del prodotto. Puoi collegare la tua parte a questi sistemi, quindi quando la parte viene stampata, stampa non solo la parte fisica, ma anche la parte digitale. La nostra tecnologia consente agli utenti di collegare le loro parti a una piattaforma digitale e creare un filo digitale tra la parte e tutte le informazioni digitali presenti. Puoi anche sfruttare la realtà aumentata e virtuale. Con i codici QR, è possibile visualizzare la parte e tutte le informazioni correlate, come ad esempio come assemblare la parte e quali componenti sono correlati a quella parte.

L’intero processo inizia con un modello CAD. Esporti il ​​tuo modello digitale nel nostro software ONETOUCH che taglia automaticamente il tuo file in preparazione alla stampa. Il nostro software genera automaticamente e rapidamente i supporti. Tutto quello che devi fare è inserire una piastra di costruzione e inviare la parte da stampare tramite una memory stick o la rete. In sostanza, è un’operazione con un solo tocco in cui si seleziona una parte e si preme il pulsante di stampa. La macchina è completamente automatizzata in termini di allineamento e preparazione al processo di stampa. In genere, con altre stampanti 3D, è necessario allineare una piastra di costruzione e prepararla applicando una sorta di colla. Niente di tutto ciò è necessario con le stampanti 3D RIZE.

Durante la stampa, gli inchiostri vengono spruzzati all’interno della parte. Al termine della parte, è sufficiente rimuovere la parte dalla piastra di costruzione e staccare i supporti.

Il processo di rimozione del supporto, che in passato richiedeva ore per essere realizzato con altre tecnologie, richiede solo mezzo minuto con RIZE. Altri processi di estrusione richiedono di posizionare la parte in un bagno chimico per rimuovere i supporti. È necessario utilizzare i guanti, nonché gestire e smaltire le sostanze chimiche con molta attenzione. Ciò richiede un tecnico qualificato e un laboratorio adeguatamente attrezzato. Tutti questi problemi vengono eliminati con la nostra tecnologia di deposizione polimerica aumentata.

Chi acquista i sistemi Rize?

In primo luogo, vorrei affrontare le tre diverse aree di applicazione della tecnologia di deposizione polimerica aumentata. La prima area è nella prototipazione. Attualmente, la prototipazione è il punto in cui la stampa 3D ha il maggiore impatto. I prototipi stampati in 3D offrono un’esperienza tattile e consentono di vedere l’aspetto e l’aspetto di una parte prima di decidere su ulteriori iterazioni di progettazione. I prototipi stampati in 3D sono anche un ottimo modo per comunicare idee e progetti a diversi stakeholder. Tenendo la parte in mano, progettisti, ingegneri e parti interessate possono valutare la parte in modo più accurato e rapido rispetto ai disegni 2D o ai modelli 3D. Per aggiungere valore a questa applicazione, stiamo posizionando la macchina accanto all’ingegnere, consentendogli di costruire prototipi molto più velocemente.

La seconda area riguarda la produzione, che comprende la progettazione di strumenti personalizzati, come maschere e dispositivi.

La terza area in cui la stampa 3D viene sempre più utilizzata è quella delle parti di ricambio. Quando è necessario riparare una macchina, ad esempio, ma non si dispone di un pezzo di ricambio, è possibile utilizzare la stampa 3D RIZE per produrre componenti sostitutivi.

Dal punto di vista industriale, le nostre stampanti 3D vengono ampiamente utilizzate nel settore automobilistico, sia dagli OEM che nella catena di fornitura, in tutte e tre le aree che ho appena citato. Le nostre macchine vengono utilizzate nelle scienze della vita, principalmente per lo sviluppo preclinico, ad esempio per stampare in 3D apparecchiature personalizzate per testare una formulazione di farmaci. Nelle scienze della vita, le nostre stampanti 3D sono state utilizzate anche nel settore farmaceutico e nel settore dei dispositivi medici, dove lo utilizzano per applicazioni di prototipazione.

L’industria della difesa è un altro utente della nostra tecnologia. Abbiamo un caso di studio dell’esercito statunitense che è la tecnologia RIZE per produrre una varietà di componenti personalizzati e non critici su richiesta richiesti sul campo.

Di recente abbiamo introdotto la nostra stampante 3D a colori, XRIZE, e sta diventando una svolta significativa in questo settore. In effetti, quest’anno XRIZE ha vinto il New Innovation Digest Innovation Award. Esistono oggi sul mercato stampanti 3D a colori, ma sono molto costose e molto difficili da usare. Le parti che producono non sono resistenti e vengono utilizzate principalmente per applicazioni visive. XRIZE è in grado di costruire parti durevoli a colori ed è sempre più utilizzato in applicazioni di consumo, architettura, ingegneria, edilizia e istruzione. Quest’ultimo è un settore di grande interesse per noi.

RIZE si rivolge a un’ampia gamma di settori e, poiché la nostra tecnologia è facile da usare, facile da usare e conveniente, vediamo un’ampia gamma di clienti e settori che adottano la nostra tecnologia.

Come commercializzi un’azienda di stampa 3D?

La domanda da un milione di dollari (a volte multi-milioni di dollari)! La risposta è in continua evoluzione, data la rapidità di crescita del settore. Vedo alcune aziende di stampa 3D che tentano di differenziarsi con clamore crescente, oltre promesse e budget ingenti. Tuttavia, gli utenti mi dicono che vogliono tagliare tutto questo. Vogliono sapere quali aziende possono offrire in modo univoco per soddisfare le loro esigenze e renderle di successo, e vogliono la verità. Stanno cercando fatti supportati da dati di terze parti e vogliono sapere come aziende come la loro stanno usando la nostra tecnologia. Fornire messaggi brevi, chiari e inesorabilmente coerenti che parlano meglio di questo lavoro. Quindi, è una semplice questione di comunicare tutto questo attraverso un programma di marketing completo, interattivo e mirato che include consapevolezza, pipeline e componenti del contenuto. È anche fondamentale stabilire e favorire relazioni a lungo termine – da potenziali clienti a giornalisti, analisti e partner di vendita. Alla fine, queste relazioni sono la componente più preziosa di qualsiasi programma di marketing.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi