L’azienda, situata nel nord della Francia, abbastanza vicino al confine con il Belgio, esiste almeno dal 2014 e desidera “consentire all’umanità di trovare un alloggio dignitoso”, con un impatto limitato sull’ambiente.

 
Come la maggior parte delle stampanti 3D da costruzione, Maxi Print è un sistema di estrusione del calcestruzzo in grado di gestire malta cementizia. Il sistema ha un grande volume di costruzione illustrato in questo grafico (le misure delle note sono in metri):


Questo non è il volume di costruzione cartesiano standard, né un volume di costruzione cilindrico utilizzato più spesso per tali misurazioni. Qui abbiamo un volume di costruzione non contiguo molto insolito composto da due segmenti. Cosa sta succedendo qui?


La risposta è che il volume di costruzione è essenzialmente costituito dalle zone che possono essere raggiunte dal braccio robotico del sistema. Ciò offre un volume di costruzione significativo, ma estendibile se la stampante viene riposizionata in modo appropriato. Per le specifiche, citano 9,5 x 9,5 m come area di costruzione, con un’altezza massima di 3,3 m. Le strutture possono essere costruite con una precisione di 5 mm, che è più che sufficiente per questo tipo di costruzione.
Questo è il segreto della Maxi Printer: la portabilità. A differenza delle enormi stampanti 3D da costruzione cartesiane utilizzate da altri in questo segmento, la Maxi Printer è la sua piattaforma. Ha solo bisogno di raggiungere l’area per stampare. Ciò elimina la necessità di un notevole tempo di configurazione che spesso si verifica con sistemi cartesiani più grandi.

 
Constructions 3D ha spiegato il tempo di configurazione del dispositivo:

Distribuzione e installazione: 2 persone x 60 minuti
Inizializzazione stampante e pompa: 2 persone x 60 minuti
Questo è tutto: quindi stai stampando. Lo smontaggio della Maxi Printer richiede solo 90 minuti a due persone, dopodiché potrebbe essere facilmente spostato per estendere l’area di costruzione.

C’è un’altra caratteristica interessante: la Maxi Printer e le relative apparecchiature vengono trasportate in un container standard da 20 piedi. Ciò rende incredibilmente facile spostare la configurazione della stampante ovunque sia necessario, poiché i container di spedizione possono essere spostati su camion, su rotaia o persino su navi oceaniche.
Credo che Constructions 3D stia facendo qualcosa qui, poiché il tempo di installazione potrebbe essere un ostacolo ad alcune operazioni che considerano la stampa 3D di costruzione.

Il loro concetto è piuttosto intrigante e mi chiedo perché non abbia preso piede. È possibile che l’azienda sia sottofinanziata, poiché ora ci sono diversi concorrenti con finanziamenti molto significativi a loro disposizione. Quindi potrebbe essere difficile per Costruzioni 3D recuperare il ritardo.

Tuttavia, è una configurazione di stampante 3D da costruzione molto interessante.

Maxi Printer di Constructions 3D

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi