La polizia neozelandese sequestra la sua prima pistola stampata in 3D  


 
Gli agenti di polizia della Nuova Zelanda hanno scoperto una pistola stampata in 3D dopo aver fatto irruzione nella casa di un membro di una banda ricercato per aver violato le sue condizioni di cauzione. Dopo il busto del 29 maggio 2021, nel sobborgo di Te Atatū sul lungomare di Auckland, il Waitematā Criminal Investigation Branch (CIB) ha riferito che questa è la prima pistola stampata in 3D che abbiano mai incontrato.

Stuff ha pubblicato una foto della sorprendente scoperta . Stampata in plastica PLA o ABS, l’arma da fuoco arancione e bianca era contrassegnata da una frase – che è stata incisa – che indica una carabina semiautomatica calibro pistola progettata e prodotta da una figura europea anonima online. Poiché la maggior parte delle armi di questo tipo sono completamente prive di numero di serie, sarebbe stato impossibile risalire al proprietario se la polizia non fosse riuscita a sequestrare l’arma.

Per lo più stampata in 3D, la pistola combina parti stampate, incluso il telaio e l’impugnatura, con componenti standard, come una canna di metallo, percussori e proiettili vivi all’interno di un caricatore fatto in casa, necessari per il suo funzionamento. Trovata completamente assemblata, la pistola stampata in 3D fa ora parte di un’indagine in corso e la polizia è in allerta per la facilità di ottenere un’arma da fuoco privatamente a casa e potrebbe sollevare ulteriori preoccupazioni riguardo alla violenza delle bande.

Dopo gli attacchi alla moschea di Christchurch nel 2019 da parte di un sospetto suprematista bianco che ha ucciso le sue vittime con armi semiautomatiche, la Nuova Zelanda ha inasprito le leggi sul controllo delle armi. Il paese ha rilasciato due serie di riforme sulle armi che vietano le armi da fuoco ad alto rischio come i fucili semiautomatici corti, regole più severe per i trafficanti di armi e una riduzione della durata della licenza di armi da fuoco per i titolari di licenza per la prima volta. Il cambiamento più significativo è il nuovo registro delle armi da fuoco, che i titolari di licenza dovranno aggiornare quando acquistano o vendono armi.

Nel 2020, il ministro della polizia Stuart Nash ha affermato che la nuova legge è progettata per impedire che le armi da fuoco cadano nelle mani sbagliate. Per la prima volta, si precisa che possedere un’arma da fuoco è un privilegio, limitato ai proprietari autorizzati responsabili. Per quanto riguarda le pistole stampate in 3D, in Nuova Zelanda non esistono leggi specifiche contro il download di un file CAD per una pistola stampata in 3D , ma è indiscutibilmente illegale produrre e possedere un’arma da fuoco senza licenza.

In altri paesi della regione Asia-Pacifico, come Singapore e Giappone, nuove leggi criminalizzano il possesso di progetti per pistole di stampa 3D. Allo stesso tempo, lo stato australiano del Nuovo Galles del Sud ha scelto di limitare le pistole per la stampa 3D equiparando il possesso dei file CAD pertinenti al possesso di un’arma da fuoco, quindi anche quelli con una licenza per armi da fuoco potrebbero non scaricare i file. Tuttavia, gli esperti hanno riconosciuto che, anche se esistono leggi contro il download di progetti per fabbricare una pistola stampata in 3D, resta difficile fermarlo.

Il libertario americano Cody Wilson ha realizzato la prima pistola di plastica stampata in 3D a colpo singolo al mondo, la Liberator.380, utilizzando la modellazione a deposizione fusa (FDM) su uno Stratasys Dimension SST nel 2013. Da allora, i governi e le forze di polizia di tutto il mondo sono stati in allerta. Il dibattito sulla legalità delle armi da fuoco fatte in casa è infuriato. Senza alcun numero di serie commerciale, questo tipo di arma si classifica come una “pistola fantasma” e potrebbe aumentare il suo livello di minaccia man mano che la tecnologia di stampa 3D matura e diventa più ampiamente disponibile per gli utenti domestici e gli appassionati di armi.

Banda di Head Hunters in Nuova Zelanda. Immagine per gentile concessione di Bike News New Zealand.
Questa particolare arma stampata in 3D è stata trovata nella casa di un membro di una delle operazioni criminali organizzate più pericolose del paese. Conosciuto come la banda dei cacciatori di teste, il gruppo è stato recentemente arrestato nell’ambito dell’operazione Trojan Shield , un’importante azione di contrasto internazionale contro l’importazione, la vendita e la fornitura di metanfetamine, nonché il riciclaggio di denaro sporco in più di una dozzina di paesi in tutto il mondo, compresi Stati Uniti, Australia ed Europa. La banda di Head Hunters è stata responsabile di gravi crimini in Nuova Zelanda, tra cui la produzione e la vendita di sostanze controllate, furti organizzati e omicidi, quindi il fatto che uno dei suoi membri stia fabbricando armi fatte in casa non è una sorpresa.

Si dice che la cultura delle bande sia in aumento in Nuova Zelanda, con i dati della polizia che mostrano un aumento del 13% delle reclute nel 2019, principalmente legato all’arrivo di membri delle bande dall’Australia dopo una controversa politica di espulsione. Il membro nazionale del Parlamento (MP) Simon Bridges ha recentemente affermato che ci sono sempre state bande nel paese ma “niente come quello che vediamo oggi”. Il commento fa eco a cifre piuttosto preoccupanti emerse di recente, stimando che ora ci siano oltre 8.000 membri di gang. Più membri della banda si traducono in più criminalità e violenza, e anche se la polizia di Auckland ha affermato che il sequestro della pistola stampata in 3D non è stato collegato alle recenti tensioni tra i cacciatori di teste e i mongoli bande, le indagini sono in corso e sono probabili accuse a seguito del ritrovamento dell’arma da fuoco.

Be the first to comment on "La polizia neozelandese sequestra la sua prima pistola stampata in 3D  "

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi