il primo “elmetto intelligente” militare stampato in 3D al mondo, dotato di sensori incorporati per proteggere il cervello.

Guidato dalla Rice University in Texas, il progetto del casco intelligente ha lo scopo di modernizzare i caschi militari standard, utilizzando un esoscheletro potenziato con nanomateriali stampato in 3D. I sensori rivolti verso l’esterno potrebbero aiutare a rilevare le minacce esterne, mentre i sensori rivolti verso l’interno incorporati in uno strato che assorbe gli urti potrebbero aiutare a misurare gli impatti e la funzione cerebrale a seguito di effetti cinetici o di energia diretta durante la battaglia.

Finora, il team, guidato dal ricercatore principale Paul Cherukuri, direttore esecutivo dell’Istituto di bioscienze e bioingegneria della Rice, ha ricevuto 1,3 milioni di dollari dall’Ufficio per la ricerca navale degli Stati Uniti attraverso il programma di strumentazione della Defense Research University per sviluppare il casco.

Rice ha affermato che utilizzerà la stampante L1 di Carbon Inc. per sviluppare un casco di livello militare resistente ma leggero che incorpora progressi nei materiali, elaborazione delle immagini, intelligenza artificiale, feedback tattile e accumulo di energia. La stampante consente la prototipazione rapida che a sua volta semplifica il processo di incorporazione di sensori, fotocamere, batterie e cablaggi richiesti dal programma, ha affermato Cherukuri.

“Gli attuali elmetti si sono evoluti poco dal secolo scorso e sono ancora dispositivi pesanti, ingombranti e passivi”, ha affermato. “Grazie ai progressi nei sensori e nella produzione additiva, stiamo reimmaginando il casco come un dispositivo indossabile stampato in 3D, abilitato all’intelligenza artificiale, “sempre attivo” che rileva minacce vicine o lontane ed è in grado di lanciare contromisure per proteggere soldati, marinai , aviatori e marines.”

Il programma Smart Helmet utilizzerà la tecnologia tratta da progetti come FlatCam – un sistema sviluppato dal co-investigatore e ingegnere elettrico e informatico Ashok Veeraraghavan e dai suoi colleghi – che incorpora l’elaborazione delle immagini per eliminare la necessità di lenti, così come la Teslaforesi di Cherukuri. Paragonata a un raggio traente per i nanomateriali, la Teslaforesi potrebbe aiutare a creare scudi fisici ed elettromagnetici all’interno dei caschi che potrebbero aiutare a proteggere chi lo indossa.

“Una task force per il casco intelligente è stata assemblata da alcune delle migliori menti di Rice per affrontare la sfida di creare un sistema intelligente e autonomo che protegga il combattente in ogni momento”, ha affermato Cherukuri.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi