Blackstone annuncia i piani per le batterie agli ioni di sodio stampate in 3D
 
La società svizzera di materie prime Blackstone Resources ha annunciato che la sua divisione tedesca di batterie Blackstone Technology potrebbe iniziare a immettere sul mercato batterie agli ioni di sodio stampate in 3D a partire dal 2025.

A tal fine, Blackstone Technology guiderà un’industria tedesca e un consorzio di ricerca a portare i risultati di laboratorio precedentemente convalidati di batterie a stato solido stampate in 3D “alla fase di dimostrazione in un ambiente reale” entro i prossimi tre anni, secondo Pietra nera. I risultati del progetto di sviluppo costituiranno la base per la successiva attuazione fino alla maturità del mercato.

Per realizzare ciò, 32 milioni di euro vengono investiti in un impianto pilota presso il sito di produzione in Sassonia e in ampi sviluppi. A Döbeln, Blackstone aveva avviato la produzione in serie di batterie agli ioni di litio stampate in 3D nel dicembre 2021 .

Inoltre, secondo l’azienda svizzera, è in fase di sviluppo l’upscaling degli elettroliti allo stato solido a base di sodio su una scala di tonnellate per poterli produrre nel gruppo Blackstone dal 2025. Questo progetto è finanziato dal Ministero federale tedesco dell’economia e della protezione del clima nell’ambito del finanziamento dell’ecosistema di produzione di batterie per un massimo di 24,1 milioni di euro in totale.

Le celle agli ioni di sodio del progetto devono essere installate in un autobus elettrico della società berlinese Eurabus “per dimostrare le loro prestazioni in serie di test realistici in modo valido”. Blackstone non fornisce ancora ulteriori dettagli sulla prova pratica e sul pacco batterie installato.

“La tecnologia agli ioni di sodio rappresenta la prossima generazione delle nostre batterie stampate in 3D già leader di mercato”, ha affermato Holger Gritzka, CEO di Blackstone Technology GmbH. “Siamo lieti di dare ancora una volta un contributo innovativo e fattibile all’energia pulita e al trasporto a emissioni zero del futuro”.

Nella transizione alle celle agli ioni di sodio anziché agli ioni di litio, Blackstone vede il processo di stampa 3D proprietario dell’azienda come un “ruolo critico”, affermando che il processo consente “l’ottimizzazione volumetrica oltre alla personalizzazione geometrica”. “Possiamo trasferire senza problemi la nostra attuale esperienza nella stampa di elettrodi per batterie agli ioni di litio alla produzione di celle agli ioni di sodio. Ciò pone le basi per la successiva produzione in serie di batterie agli ioni di sodio a stato solido nel 2025″, afferma Gritzka. L’obiettivo dichiarato è quello di stampare celle complete di batterie a stato solido ad alta velocità e ottenere così una flessibilità senza precedenti nella forma e nelle prestazioni con un unico parco macchine.

Tra i produttori di celle affermati, il gigante dell’industria cinese CATL aveva presentato la sua batteria agli ioni di sodio di prima generazione nel luglio 2021 , la cui produzione è prevista per il 2023. Anche se Blackstone non ha ancora fornito alcuna informazione sulla densità energetica delle sue celle agli ioni di sodio , la cella CATL è più o meno alla pari con una cella LFP, secondo i dati noti. Tuttavia, CATL prevede di mescolare le celle agli ioni di sodio e agli ioni di litio nel pacco batteria per le implementazioni iniziali.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi