Protesi per cani stampata in 3D. La start-up polacca conquista i mercati esteri
I polacchi hanno brevettato una tecnologia che rivoluzionerà l’ortopedia animale. Una soluzione per i veterinari per il trattamento dei disturbi del movimento nei cani utilizza l’intelligenza artificiale e un’applicazione mobile per scansionare gli arti.


La start-up Wimba stampa ortesi e protesi per cani. In precedenza, grazie a un’applicazione speciale e all’intelligenza artificiale, gli arti degli animali vengono scansionati e misurati con cura.


La start-up nativa Wimba ha l’ambizione di ripristinare la forma fisica dei cani di tutto il mondo. L’azienda introduce un innovativo sistema di ortesi e protesi per animali domestici, creato utilizzando la Stampa 3D. Ma non c’è solo la tecnologia 3D dietro la loro produzione. La soluzione, realizzata in collaborazione con esperti di ortopedia veterinaria e testata in cliniche specializzate, prevede anche l’utilizzo di avanzati algoritmi di intelligenza artificiale e un’applicazione che consente al veterinario di scansionare l’arto dell’animale utilizzando un comune smartphone (il veterinario prende le misure utilizzando un’app mobile che garantisce il posizionamento dell’ortesi o della protesi con una precisione di 0,4 mm).

 
Wimba è un’azienda con sede a Cracovia operante nel segmento PetTech o VetTech (tecnologie per animali), creata da Franciszek e Grzegorz Kosch, che negli ultimi anni hanno costruito con successo l’azienda Glaze Prosthetics, che si occupa della produzione di protesi umane. Il terzo dei fondatori è Maciej Szczepański – veterinario vincitore del prestigioso concorso “London Vet Show 30under30” (è stato il primo in Polonia ad utilizzare la tecnologia di stampa 3D per produrre protesi per animali).

Grzegorz Kosch osserva che negli ultimi sei anni i fondatori della start-up sono stati i creatori di innovazioni nell’ortopedia umana (hanno introdotto sul mercato protesi di mano stampate completamente funzionali), ma hanno notato che tali soluzioni sono necessarie anche in veterinaria medicinale. “Fino ad ora, i veterinari avevano opzioni molto limitate per trattare i cani con disturbi del movimento derivanti dalla perdita degli arti, danni alle articolazioni o degenerazione”, afferma il co-fondatore di Wimba.

La soluzione di Wimby colma il gap del mercato, offrendo una nuova qualità di trattamento. L’azienda lo ha verificato durante i test con i veterinari. Ora sta entrando nei mercati del Regno Unito. Gran Bretagna e Polonia, ma anche dialoghi con reti di cliniche veterinarie in altri Paesi dell’Unione Europea e negli Stati Uniti. Vuole che i suoi prodotti siano disponibili in oltre mille strutture veterinarie in tutto il mondo entro la fine del 2023.

 
Come spiegano in avvio, il nuovo standard di trattamento, che include sia protesi che ortesi in tecnologia di stampa 3D, oltre a WimbaScan (un’applicazione che consente di scansionare un arto), accorcia i tempi di consegna del prodotto da quattro a  sei settimane (nel metodo tradizionale) a sette giorni lavorativi. Il peso delle ortesi stampate in 4D è mediamente sei volte inferiore rispetto ai prodotti tradizionali attualmente disponibili sul mercato, e il tempo di presa della misura è stato accorciato da oltre un’ora e mezza a soli 15 minuti, e allo stesso tempo notevolmente semplificato.

La start-up brevetta sistematicamente i suoi progetti: ha già tre domande di brevetto che coprono la metodologia di misurazione utilizzando la tecnologia e le applicazioni di scansione 3D, l’elaborazione di file dalle scansioni in un’immagine per la stampa 3D e l’intera metodologia del processo di produzione dell’ortesi.

È il momento della terapia del cane
Il denaro raccolto dalla società dall’investitore, il fondo Level2 Ventures, serve per lo sviluppo e l’espansione di Wimba. La start Up nella fase di pre-seed ha ricevuto 4 milioni di zloty. Magdalena Pawłowska, partner di Level2 Ventures, spera che il progetto polacco si ritaglierà una fetta del mercato (il mercato globale delle cure veterinarie nel 2028 dovrebbe valere 115 miliardi di dollari). Come sottolinea, ci sono circa 700 milioni di cani nel mondo, e ben uno su cinque ha un problema ortopedico (solo il cancro alle ossa provoca oltre due milioni di amputazioni nei cani all’anno). – Finora non esistevano soluzioni sistemiche sotto forma di ortesi e protesi personalizzate per cani in grado di soddisfare la domanda sempre crescente di medici e pazienti mantenendo un prezzo accessibile e tempi di consegna brevi – osserva Pawłowska.

Franciszek Kosch spiega che l’obiettivo principale del progetto è correggere i difetti derivanti da degenerazioni, incidenti o problemi congeniti degli animali in un modo adattato individualmente a ciascun animale (perché Wimba non è solo ortesi e protesi, ma anche un sistema completo di terapia per disturbi del movimento – questo verrà aggiunto all’offerta nel primo trimestre del 2023). – Grazie all’aiuto individuale, ogni cane potrà contare su una terapia adattata alle sue esigenze e il veterinario otterrà nuove opzioni terapeutiche – spiega il co-fondatore dell’azienda con sede a Cracovia.

 
– Algoritmi procedurali appropriati, sviluppati in collaborazione con i migliori medici e fisioterapisti polacchi e stranieri, ci consentiranno di creare un nuovo standard di trattamento – aggiunge Maciej Szczepański.
 
 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi