La stampa 3D in resina desktop potrebbe essere influenzata dalle normative in futuro? 
Potrebbe esserci un grosso problema per la stampa 3D in resina desktop in futuro.

Ho letto un post sulla stampa in resina di grandi dimensioni di qualcuno e i commenti erano sorprendentemente incentrati sulla sicurezza della resina. Questo mi ha portato a credere che ci sia il rischio di una regolamentazione futura per questa tecnologia.

 
Il problema riguarda le resine utilizzate nella stampa 3D desktop. Quasi senza eccezione, sono tossici a vari livelli. Ciò è dovuto ai fotoiniziatori al loro interno che causano la polimerizzazione della resina se esposta alla luce UV.

Unica eccezione potrebbero essere le resine CMYK “Non Toxic” di CARIMA , che abbiamo recentemente testato nel nostro laboratorio .

I pericoli delle resine tossiche utilizzate nella stampa 3D desktop
È necessario evitare il contatto con le resine tossiche mentre si lavora con esse. Ciò significa che l’operatore deve indossare DPI, inclusi occhiali di sicurezza, guanti in nitrile, maniche e persino respiratori, poiché le resine possono emettere particelle nell’aria: ecco cosa senti.

Se si riceve nel tempo un’esposizione a una quantità sufficiente di queste tossine, il corpo alla fine inizierà a reagire. Le esposizioni successive potrebbero manifestarsi come eruzioni cutanee, vesciche, tosse o altri sintomi e talvolta possono essere piuttosto gravi. Ci sono persone che, avendo fatto una stampa 3D di resina consistente, non possono più trovarsi nella stessa stanza con un contenitore di resina aperto.

 
Il problema è abbastanza nefasto a causa della sequenza reattiva: non succede molto, finché non accade, e poi è troppo tardi. Poiché non vi è alcun effetto immediato, alcuni operatori di stampanti 3D prendono troppo alla leggera la questione della sicurezza della resina.

Mentre molte persone hanno procedure molto sicure quando usano la resina, ci sono quelli che non lo fanno. Ho visto video di persone che maneggiano stampe in resina bagnata a mani nude e le lavano in IPA (che tende ad aprire i pori della pelle per consentire l’ingresso di ancora più tossine).

Queste sono tutte cose brutte, e il motivo per cui menziono continuamente il problema della sicurezza della resina ogni volta che ne ho l’opportunità. Spero che il mio sproloquio abbia convinto almeno alcuni lettori a prendere più precauzioni di quanto non facessero prima.

Ma pensandoci ulteriormente, credo che ci sia un rischio notevole, che ha una bassa probabilità di verificarsi, ma che potrebbe devastare il mercato delle stampanti 3D in resina desktop: la regolamentazione.

Potenziale divieto delle stampanti 3D in resina desktop a causa di problemi di sicurezza
Immagina un futuro in cui ci sono molte stampanti 3D in resina distribuite nel mondo e una percentuale ragionevole di operatori è sciatta quando si tratta di DPI e procedure di sicurezza. Potremmo vedere un gruppo crescente di individui affetti da tossine, che saranno stati bloccati fuori dalla loro macchina a causa delle loro reazioni corporee.

Se tale gruppo è sufficientemente ampio, esiste la possibilità che i governi e le agenzie di regolamentazione vengano a conoscenza del problema.

E poi possono agire. Avendo capito che una parte del pubblico in generale maneggia in modo errato materiali tossici nelle loro case, potrebbero emanare regole per prevenire quegli effetti negativi.

Mi rendo conto che la maggior parte delle case ha già molti oggetti tossici presenti e non ci sono regole per, diciamo, versarsi addosso candeggina. Ma questo è un mondo di social media, reattività e ricerca dell’attenzione delle notizie. Qualcuno alla fine vorrà guadagnare punti politici parlando dei “pericoli della stampa 3D” e che le case dovrebbero essere “sicure per i bambini”. Sarà troppo allettante resistere, per alcuni, una volta che saranno consapevoli della situazione.

Sebbene sia improbabile un divieto assoluto, è possibile che i regolamenti richiedano che le stampanti 3D in resina siano progettate in modo tale che l’operatore non sia esposto alla resina.

Al giorno d’oggi, questo non è certamente il caso della maggior parte delle stampanti 3D desktop in resina poco costose. Sono progettati per essere economici e la sicurezza è spesso lasciata alle procedure dell’operatore. “Si prega di indossare DPI” è tutto ciò che ottieni.

 
Le stampanti 3D di fascia alta offrono una maggiore protezione dalle resine tossiche
Ci sono alcune macchine di fascia alta che hanno essenzialmente sistemi chiusi dove è molto più difficile incontrare la resina, come i dispositivi di Formlabs, Nexa3D e pochi altri.

Ma quelle macchine sono fuori dalla fascia di prezzo della maggior parte degli acquirenti di stampanti 3D in resina desktop poco costose. Se tali regolamenti apparissero, i produttori di stampanti 3D dovrebbero tornare al tavolo da disegno e riprogettare le loro apparecchiature per essere molto più sicure. Ciò costerebbe inevitabilmente di più e potrebbe far crollare il mercato delle stampanti 3D in resina desktop poco costose.

Ma per coloro che utilizzano queste macchine di nuova concezione, sarebbe davvero molto più sicuro.

Per ora, non ci sono regole diverse da quelle che ci imponiamo quando utilizziamo queste stampanti 3D desktop in resina.

Per favore stai attento.

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi