L’ECTA ha presentato alla Commissione europea un documento di sintesi sulla stampa 3D e le sue implicazioni sul diritto del design

L’ECTA PRESENTA UN DOCUMENTO DI SINTESI SULLE IMPLICAZIONI DELLA LEGGE SULLA PROGETTAZIONE DELLA STAMPA 3D ALLA COMMISSIONE EUROPEA

L’ Associazione dei marchi delle Comunità europee (ECTA) ha presentato alla Commissione europea un documento di sintesi sulla stampa 3D e le sue implicazioni sul diritto del design.

Il comitato di progettazione dell’ECTA ha seguito da vicino lo sviluppo della stampa 3D industriale e il potenziale impatto della tecnologia sui diritti di proprietà intellettuale (PI), in particolare in termini di legge e pratica di progettazione. La task force dell’associazione monitora gli sviluppi all’interno del settore e valuta se i cambiamenti nella legislazione attuale sarebbero appropriati per combattere le sfide portate dai nuovi sviluppi della produzione additiva tecnica.

Il documento, che è stato presentato ad aprile, affronta diversi aspetti della legge sul design che secondo l’ECTA devono essere valutati per quanto riguarda la stampa 3D, come la definizione del prodotto, gli atti non commerciali, la violazione contributiva e il potenziale impatto della stampa 3D. in relazione ai pezzi di ricambio.

Poiché la tecnologia di stampa 3D ha continuato a svilupparsi nel corso degli anni, è aumentata l’adozione della produzione additiva per applicazioni industriali. La stampa 3D viene utilizzata sempre più dagli operatori industriali per la produzione di pezzi di ricambio e di ricambio , nonché per la fabbricazione di prodotti e attrezzature personalizzati per l’uso finale.

In risposta, sono sorte anche domande sui diritti di proprietà intellettuale all’interno del settore. Secondo Jason Teng, partner e consulente in brevetti presso lo studio legale leader nella proprietà intellettuale Potter Clarkson , è importante che tutte le parti nella catena di fornitura siano consapevoli dei rischi di violazione della proprietà intellettuale per quanto riguarda la stampa 3D mentre la tecnologia continua ad evolversi.

L’Unione europea (UE) percepisce la stampa 3D come una tecnologia chiave per realizzare la trasformazione industriale e nel 2017 ha rafforzato questa opinione pubblicando un documento di lavoro sull’importanza dei diritti di proprietà intellettuale nella produzione additiva .

Nel luglio 2018, tuttavia, il Parlamento europeo ha emesso una risoluzione sulla stampa 3D relativa alla proprietà intellettuale che gli esperti all’epoca avvertivano che potrebbe soffocare l’innovazione e portare a una maggiore regolamentazione della tecnologia.

Nel maggio dello scorso anno, la Commissione europea ha pubblicato un ulteriore studio che analizza lo stato della stampa 3D industriale in relazione alla legge sulla proprietà intellettuale . Il rapporto ha delineato come il quadro di PI esistente offra protezione ai titolari dei diritti di PI, oltre a sottolineare le potenziali sfide e i modi in cui il settore della stampa 3D potrebbe superare questi ostacoli.

Il documento affronta diversi aspetti della legge sulla progettazione che l’ECTA ritiene debbano essere attentamente valutati in relazione alla stampa 3D.

Il primo di questi riguarda la definizione di un prodotto, che secondo l’associazione dovrebbe essere riconsiderato per includere chiaramente le nuove tecnologie. L’ECTA ritiene che un disegno all’interno di un file CAD debba qualificarsi come prodotto per essere protetto ai sensi del diritto del design dell’UE, e come tale la formulazione dell’articolo 3 (b) del regolamento e dell’articolo 1 della direttiva dovrebbe essere modificato per includere “non solo i file CAD, ma anche qualsiasi rappresentazione digitale degli elementi”.

Il documento suggerisce inoltre che il progetto all’interno di un file CAD dovrebbe essere considerato un prodotto e il file CAD che comprende il progetto di un elemento digitale dovrebbe, quindi, essere idoneo per la protezione del progetto. L’ECTA raccomanda, tuttavia, che al fine di ottenere l’idoneità per la protezione del progetto, sarebbero necessari ulteriori chiarimenti su come il progetto 3D incorporato in un file CAD dovrebbe essere descritto all’interno di una domanda di progettazione.

Il secondo punto affrontato dal documento di sintesi è l’applicazione e le limitazioni che circondano l’uso privato di un progetto comunitario. Ad esempio, un individuo che scansiona e stampa copie di prodotti protetti da modelli comunitari per il proprio uso o per altri gratuitamente, potrebbe essere protetto dalla violazione in linea con l’eccezione dell’articolo 20 (1) (a) della legge sul design.

Tuttavia, il documento sottolinea che la stampa 3D non ha ancora raggiunto una fase in cui la riproduzione completamente accurata di un’ampia gamma di beni di consumo o di prodotti complessi di alto valore sarebbe possibile in una gamma sufficientemente ampia di materiali in modo conveniente. L’ECTA ritiene che questa parte della legge sul design non abbia urgente bisogno di chiarimenti fino a quando questa esenzione non inizierà ad essere utilizzata regolarmente.

Il punto successivo delineato dall’ECTA riguarda la violazione contributiva, che è una forma di responsabilità secondaria per violazione diretta di un brevetto, diritto d’autore o marchio in cui una persona può essere ritenuta responsabile della violazione anche se non ha intrapreso essa stessa attività di violazione.

L’associazione ritiene sia “appropriato e necessario” includere esplicitamente la violazione contributiva nel diritto del design dell’UE. Afferma che la legge dovrebbe chiarire che qualsiasi parte che consapevolmente facilita o contribuisce a una violazione dei diritti di progettazione, come la scansione di un oggetto, l’hosting di un file CAD o la fornitura a terzi senza il consenso del proprietario, potrebbe potenzialmente essere trasgressore e quindi responsabile.

Andando avanti, il documento affronta anche i problemi di proprietà intellettuale relativi ai pezzi di ricambio stampati in 3D, con l’ECTA che ritiene che questo progresso tecnologico anticipato potrebbe aiutare a trovare un migliore equilibrio tra il “liberalismo totale”, in cui tutta la protezione del design viene rimossa dagli articoli classificati come pezzi di ricambio e “piena, anche se a volte limitata, esclusività dei diritti di progettazione” nei pezzi di ricambio.

Il documento suggerisce che i progettisti di prodotti ei titolari dei diritti generalmente considerano l’equilibrio della protezione del design per i pezzi di ricambio troppo ponderato dalla parte dei consumatori, con solo cinque anni di protezione.

In alternativa, l’ECTA propone che il periodo protetto possa essere raddoppiato a 10 anni, oppure dopo un periodo di esclusività di cinque anni, i produttori di pezzi di ricambio potrebbero ottenere una licenza con il diritto di riprodurre il disegno a condizioni da concordare con i diritti titolare.


C’è bisogno di una legge Sui Generis ?

Le discussioni sulla stampa 3D e le sue implicazioni per le leggi sulla proprietà intellettuale hanno sollevato la questione se la tecnologia debba essere governata da una legge sui generis completamente nuova , o unica, per evitare sovrapposizioni e potenziale confusione con gli aspetti legali attuali.

Citando una “moltitudine di strumenti legali” tra cui altre leggi sulla proprietà intellettuale che sono in atto per controllare i mercati, l’opinione dell’ECTA dal punto di vista della legge sul design è che attualmente non è necessaria una specifica legge sui generis per governare la tecnologia di stampa 3D.

Il position paper afferma: “Deve essere fortemente sottolineato che la tecnologia 3DP cambia le vecchie strutture dei processi di progettazione e produzione e quindi offre maggiori opportunità sia per l’industria che per la società nel suo complesso, ma allo stesso tempo richiede cambiamenti o almeno alcuni emendamenti a leggi sulla proprietà intellettuale esistenti “.

L’ECTA ritiene inoltre che non ci siano “ostacoli evidenti” per modificare ulteriormente le attuali leggi sul design dell’UE per coprire le implicazioni della tecnologia di stampa 3D.

L’associazione suggerisce che il modo migliore per andare avanti sarebbe trovare un mezzo equilibrato per modificare e specificare i limiti e le eccezioni delle leggi vigenti al fine di aumentare la certezza del diritto, piuttosto che aggiungere una nuova legislazione che potrebbe portare a “complicare ulteriormente il campo giuridico, risultando in una protezione eccessivamente ampia dei diritti e persino ostacolando l’uso e lo sviluppo futuro della tecnologia di stampa 3D “.

Il position paper dell’ECTA può essere letto integralmente qui: https://ecta.org/en/position-papers-detail/doc/2908/0/

Be the first to comment on "L’ECTA ha presentato alla Commissione europea un documento di sintesi sulla stampa 3D e le sue implicazioni sul diritto del design"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi