Intertronics supporta l’Università di Sheffield con la ricerca bioelettronica stampata in 3D
Quando il Dipartimento di ingegneria dei sistemi e del controllo automatico (ACSE) dell’Università di Sheffield stava cercando un modo per stampare accuratamente in 3D sensori bioelettronici, ha contattato Intertronics per il supporto. 

Il Dipartimento di ingegneria dei sistemi e dei controlli automatici (ACSE) dell’Università di Sheffield sta sviluppando un guanto diagnostico che include diversi sensori bioelettronici flessibili con l’aiuto della stampa 3D.

Ciò migliorerà il modo in cui vengono monitorati il ​​recupero da un infortunio e la progressione delle condizioni neurologiche/muscoloscheletriche.

I sensori sono formati da elastomeri mescolati con vari composti conduttivi di nano o microparticelle, come grafite, platino e argento, che sono stampati in 3D sul materiale del guanto.

I composti devono essere dispensati in piccole quantità, per raggiungere questo obiettivo il team ACSE utilizza una stampante 3D basata sull’estrusione. Tuttavia, all’inizio, durante l’erogazione si formavano aggregati di particelle e la distribuzione delle particelle veniva alterata.

Il team ACSE si è messo in contatto con Intertronics , che ha consigliato Preci-Tip Precision Dispensing Tips. Il cui design presenta un percorso del fluido conico aerodinamico, che aiuta a fornire portate del fluido più fluide e più elevate e una contropressione di erogazione inferiore rispetto alla maggior parte dei puntali di erogazione standard, con conseguente maggiore precisione e intasamento molto ridotto.


Paul Whitehead, Strategic Accounts Manager di Intertronics, ha dichiarato: “I risultati sono stati una migliore definizione e un sistema più affidabile, senza blocchi durante il processo di stampa 3D. Tuttavia, ulteriori discussioni hanno rivelato che avevano difficoltà con la miscelazione delle miscele di polidimetilsilossano (PDMS) riempite”.

 
Il processo prevedeva la miscelazione di nanoparticelle nel PDMS molto viscoso per produrre un composito di grafite. Il team ACSE ha aggiunto un solvente organico per ridurre la viscosità della miscela. Il solvente doveva essere rimosso dopo la stampa e ciò richiedeva test per confermare che non c’era solvente contaminante rimanente, il che significava che c’erano considerazioni sulla salute e sulla sicurezza per il team nell’utilizzare questo approccio.  

Per risolvere questo problema, Intertronics ha suggerito al team di considerare la possibilità di provare un THINKY Mixer per ottenere un migliore successo di miscelazione. Le macchine miscelatrici centrifughe planetarie industriali senza contatto utilizzano sia la rotazione che la rivoluzione del materiale in un contenitore con un’accelerazione di 400 G per ottenere risultati di miscelazione coerenti.

Tom Paterson, Postdoctoral Research Associate presso l’Università di Sheffield, ha dichiarato: “Abbiamo eliminato la necessità di solventi, che eliminano una fase dal processo, migliorano la salute e la sicurezza e rimuove il requisito normativo per dimostrare che questo composto è stato rimosso. “

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi