L’ Università di Sydney ha annunciato l’apertura di una “fabbrica del futuro” attraverso la quale mira a promuovere l’innovazione della stampa 3D e a mettere la regione “al centro dell’Industria 5.0”.

Basato sul campus dell’università di Darlington, il sito da 25 milioni di dollari è dotato di tutti gli strumenti di progettazione, stampa 3D, post-elaborazione e caratterizzazione necessari per realizzare il suo potenziale come struttura di ricerca incentrata sulla produzione. Per aiutare a tradurre le scoperte fatte nel complesso in applicazioni per uso finale, l’università ha anche stretto una partnership con GE Additive , con la quale ha accettato di collaborare alla “R&S sperimentale”.

“Questa struttura supporterà la collaborazione tra industria e ricercatori ed è destinata a diventare un centro di commercializzazione di nuovi prodotti e innovazioni in una vasta gamma di industrie manifatturiere avanzate”, spiega Sam Maresh di GE. “Vediamo il valore della nuova struttura come incubatore industriale, alla base dei rapidi progressi nella produzione e nello sviluppo di competenze leader a livello mondiale per le PMI australiane”. 


La “fabbrica del futuro” di Sydney 

Costruito come “nodo fondamentale per strutture complementari”, il complesso è destinato a ospitare non solo i progetti gestiti dal governo del Nuovo Galles del Sud, ma anche quelli con partner del settore, che coinvolgono la ricerca e lo sviluppo della stampa 3D e la lavorazione dei materiali. 

Grazie alle sue tecnologie di ottimizzazione del design e post-stampa, nonché ai suoi sistemi compatibili con leghe, ceramiche e polimeri, la struttura potrebbe essere ben posizionata per facilitare l’introduzione della stampa 3D in nuove applicazioni. È quindi appropriato che queste “capacità dal concetto alla produzione” siano destinate ad essere utilizzate da studenti, PMI e aziende più grandi, molte delle quali stanno entrando per la prima volta nella stampa 3D in metallo. 

Dall’altra parte della scala, attraverso una ricerca più avanzata, il direttore della struttura, Simon Ringer, afferma che potrebbe anche essere possibile sfruttare l’ampia elaborazione dei materiali, la sostenibilità e i vantaggi dell’in-sourcing della stampa 3D, come mezzo per “sconvolgere drasticamente” la produzione in i settori aerospaziale, automobilistico, biomedico, della difesa e delle costruzioni. 

“La produzione avanzata sta rendendo possibile ciò che prima era impossibile”, ha affermato Ringer. “Le industrie chiave trarranno vantaggio da queste tecnologie attraverso la riduzione degli sprechi di materiale, catene di approvvigionamento semplificate e una capacità indipendente di creare materiali, componenti e persino intere macchine, tutto ciò non era possibile utilizzando la produzione tradizionale”.

“UTILIZZANDO QUESTE TECNOLOGIE, POTREMMO PRESTO VEDERE MOTORI PER RAZZI SPAZIALI PROGETTATI E COSTRUITI IN AUSTRALIA, VEICOLI IPERSONICI, SATELLITI, EDIFICI E COSTRUZIONI ECO-ATTIVI”.

Un contratto di ricerca industriale quinquennale

Oltre a ospitare progetti di ricerca accademica, la struttura è anche impostata per offrire consulenza e formazione specializzate ai partner industriali, che avranno un accesso guidato e indipendente alle strutture per i test, la ricerca e la fabbricazione.

L’istituto ha già rivelato che GE Additive è uno di questi partner, con le due organizzazioni che hanno concordato un accordo quinquennale per far progredire le capacità produttive dell’Australia nel 2020. L’accordo, che segue il Memorandum of Understanding (MoU) decennale firmato dal coppia nel 2018 dovrebbe vederli collaborare alla ricerca e sviluppo di materiali, oltre al “lavoro sperimentale” presso la struttura.

Detto essere dotato di tecnologie GE Additive “all’avanguardia”, il complesso fungerà anche da hub in cui l’azienda potrà dimostrare i suoi sistemi di stampa 3D alla clientela australiana e neozelandese, in un modo che Maresh potrebbe consentire non solo di sbloccare “rapidi progressi nella produzione”, ma di sviluppare “competenze leader a livello mondiale per le PMI australiane”. 

“Il Sydney Manufacturing Hub è ora aperto per le imprese e pronto a impegnarsi con l’industria in tutto il NSW, in particolare le PMI dove ci sono significative opportunità per nuovi posti di lavoro altamente qualificati”, ha aggiunto Maresh. “Il NSW si sta posizionando al centro delle capacità e della ricerca AM all’interno della regione Asia-Pacifico e il Sydney Manufacturing Hub è un passo significativo verso il raggiungimento di tale ambizione”.

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi