Printlab collabora con Autodesk per la seconda sfida di progettazione

Ci si iscrive qui https://www.makeablechallenge.com/
 
Printlab ha annunciato una nuova sfida per la progettazione di tecnologie assistive.

Printlab è un’agenzia con sede nel Regno Unito che fornisce programmi di formazione per la tecnologia di stampa 3D , in genere agli educatori e ai loro studenti.

Per la sfida di quest’anno, Printlab collabora nuovamente con il gigante del software 3D Autodesk. La precedente iterazione nel 2020 ha visto l’incredibile cifra di 17.000 partecipanti provenienti da non meno di 72 paesi in tutto il mondo.

Mentre la precedente sfida progettuale si concentrava sullo sviluppo di dispositivi per la mobilità delle mani, quest’anno l’ambito delle voci è ora esteso a qualsiasi dispositivo di assistenza per superare qualsiasi disabilità e anche per l’assistenza agli anziani.

L’evento si chiama “make:able”, un gioco sulla combinazione di design e tecnologie assistive.

Il progetto fornisce ai partecipanti un kit di strumenti dettagliato da cui chiunque può imparare cosa fare. In particolare, forniscono una guida per l’insegnante con piani di lezione, che dovrebbero consentire a singoli studenti o gruppi di studenti di partecipare con i propri progetti unici.

Molti dei progetti faranno quasi sicuramente un uso estensivo della stampa 3D per produrre parti o interi meccanismi per le loro sfide.

Printlab spiega gli obiettivi per i partecipanti alla sfida:



Scopri le disabilità, la tecnologia assistiva e la stampa 3D dagli esperti del settore
Ottieni ispirazione creativa da storie e soluzioni di esempio
Sviluppa competenze tecniche di progettazione 3D nel software Autodesk gratuito
Trova una sfida significativa nella loro comunità locale o online
Sviluppare empatia per l’utente finale utilizzando attività incentrate sull’uomo
Identificare opportunità e generare idee con metodi di design thinking
Crea, testa e perfeziona un prodotto stampato in 3D attraverso un processo iterativo
Racconta la loro storia in una presentazione video di 2-4 minuti
Ci sono due categorie di partecipanti: studenti di età inferiore ai 18 anni e un’altra categoria per quelli di età superiore ai 18 anni. Ciò consente agli studenti universitari e ai giovani hobbisti di partecipare.

Più partecipanti sono, meglio è, poiché ciò aumenta notevolmente le probabilità di sviluppare dispositivi ingegnosi e pratici per aiutare gli altri.


Il co-fondatore di Printlab Jason Yeung ha spiegato:

“La qualità delle presentazioni dell’anno scorso è la prova che i giovani hanno l’empatia, la creatività e le capacità tecniche per espandersi al di fuori della classe e risolvere le sfide del mondo reale. Quest’anno, con il supporto di nuove risorse e collaborazioni, ci concentriamo sulla scala. Il nostro obiettivo è aumentare il numero di partecipanti, il numero di soluzioni open source create e il numero di utenti finali interessati. Siamo estremamente entusiasti di facilitare e mostrare ancora una volta la potenza della stampa 3D per la tecnologia assistiva personalizzata”.
I docenti possono registrarsi per ricevere il pacchetto docente, mentre altri possono richiedere il materiale per la categoria over 18.

Ci sono premi per questo evento, ma non sono ancora specificati. La gente della sfida spiega:

“I premi sono allo studio, ma includeranno stampanti 3D e altri prodotti tecnologici per i team vincitori”.
La scadenza per le iscrizioni alla sfida può sembrare lontana nel lontano futuro del 1 maggio 2022, ma nel mondo del design è piuttosto presto. I migliori progetti saranno sottoposti a un processo iterativo in cui i progetti vengono ripetutamente testati e adattati. Non è raro vedere dieci o più iterazioni per ottenere un design corretto e ciò può richiedere molto tempo.

Sostengo questa sfida perché ha il potenziale per introdurre le moderne tecnologie di produzione digitale a un vasto numero di studenti in tutto il mondo. La capacità ora poco costosa di utilizzare la stampa 3D significa che potremmo assistere a sviluppi molto significativi in ​​futuro, poiché questi studenti portano le loro nuove conoscenze in nuovi progetti.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi