MASSIVIT 3D LANCIA UNA STAMPANTE 3D PER STAMPI COMPOSITI DI GRANDI DIMENSIONI ALIMENTATA DALLA TECNOLOGIA “CAST IN MOTION”
 
Il produttore israeliano di stampanti 3D Massivit 3D ha lanciato una nuova macchina progettata specificamente per ridurre il tempo necessario per produrre stampi compositi di grande formato. 

Alimentato dalla tecnologia Cast-In-Motion (CIM) dell’azienda, il Massivit 10000 consente agli utenti di creare strumenti complessi in un rapido processo di erogazione e colata di gel in quattro fasi, che semplifica il flusso di lavoro di stampaggio. In tal modo, il sistema sblocca throughput più elevati e cicli di iterazione degli utensili ridotti per gli utilizzatori, in particolare quelli che operano nei settori automobilistico, aerospaziale, energetico e marino.

“Siamo entusiasti di svelare la nostra avanzata tecnologia Cast-In-Motion all’arena della produzione di compositi”, ha dichiarato il CEO di Massivit 3D Erez Zimerman alla fiera CAMX 2021 . “Questo mercato è affamato di innovazione che sposterà il paradigma per lo stampaggio in modo che i produttori possano finalmente accelerare i tempi di consegna da diverse settimane a pochi giorni”.


Stampa con erogazione di gel di grande formato

Fondata nel 2013, Massivit è specializzata nella produzione di macchine di grande formato per clienti dei mercati dell’ingegneria, dell’accademia, dell’architettura e della comunicazione visiva. Ciascuno dei sistemi dell’azienda è costruito attorno alla sua tecnologia proprietaria Gel Dispensing Printing (GDP), un approccio che è fondamentalmente un incrocio tra FFF e getto di materiale, in cui i gel vengono estrusi ad alta velocità e polimerizzati in strati. 

Disponibile nelle iterazioni normale e “Pro”, la stampante 3D di punta di Massivit, la serie 1800 , è una macchina da 145 cm x 111 cm x 180 cm in grado di creare modelli e stampi di grandi dimensioni a un ritmo fino a 30 volte più veloce rispetto alle tecnologie tradizionali. Nel corso degli anni, questa scalabilità ha consentito ai sistemi di affrontare diverse applicazioni, tra cui la creazione di stampi per termoformatura e grandi display pubblicitari. 

Basandosi sul successo della sua stampante 3D 1800, l’azienda ha deciso di lanciare una nuova macchina nell’aprile 2021: la Massivit 5000 . Progettata per soddisfare le esigenze dei fornitori che producono parti in fotopolimero di grandi dimensioni per i clienti automobilistici, marittimi e ferroviari, l’unità è dotata di un esclusivo Dual Material System, che consente di stampare in 3D due parti contemporaneamente con materiali e livelli di risoluzione diversi, se lo si desidera.

Per supportare il suo crescente portafoglio di stampanti, l’azienda ha anche rilasciato due nuovi materiali , tra cui il Dimengel 20-FR ignifugo e la verifica del design traslucida e UL94-V0 orientato all’architettura, e in seguito alla sua IPO all’inizio di quest’anno che ha visto raccoglie $ 50 milioni, ora ha continuato ad espandere la sua offerta con il Massivit 10000. 

 Lanciata alla fiera CAMX 2021, la colossale stampante 3D 10000 da 1,2 x 15 x 1,65 metri è costruita per affrontare quelli che Massivit vede come i punti deboli della creazione di grandi parti composite: costi, tempi di consegna e complessità. In gran parte, la macchina è in grado di combatterli grazie alla sua tecnologia CIM integrata, che condensa un normale flusso di lavoro di stampaggio a 19 fasi in un processo a quattro fasi, eliminando la necessità di un “tappo” iniziale. 

Al posto di un design master tradizionale, il processo CIM inizia invece con gli utenti che creano un modello di lavorazione desiderato con gel polimerizzabile ai raggi UV, che può quindi essere stampato in 3D da vari materiali tecnici termoindurenti. Una volta stampate, queste parti vengono immerse nell’acqua dove il loro materiale sacrificale modellato può staccarsi, lasciando uno stampo che, una volta polimerizzato e lucidato, è immediatamente pronto per l’uso finale. 

Secondo Massivit, questo approccio produce parti “migliore precisione, coerenza e maggiore affidabilità”, pur essendo meno dispendioso rispetto agli strumenti tradizionalmente utilizzati per creare grandi costruzioni composite. L’azienda afferma inoltre che il Massivit 10000 è dell’80% più veloce e richiede il 90% in meno di manodopera per funzionare rispetto ai normali macchinari per la progettazione delle parti, rendendolo una “soluzione rivoluzionaria per la creazione di stampi” che “sposta il paradigma degli utensili”.

“Automatizzando il processo di produzione degli stampi, siamo in grado di offrire ai produttori un modo per ridurre drasticamente i loro costi e ridurre lo spreco di materiale associato”, ha aggiunto Zimerman. “La domanda a valanga di questa soluzione di stampaggio digitale testimonia l’estrema necessità di questa pietra miliare tecnologica e siamo entusiasti di offrirla alla comunità CAMX in vista del lancio di Massivit 10000”.

Al di fuori dei circoli di produzione industriale, gli stampi possono sembrare una parte di basso profilo del processo di produzione, ma la loro precisione e durata possono essere la chiave del successo o del fallimento dei loro prodotti finali. Per migliorare la velocità, la scala e la sostenibilità con cui questi stampi possono essere prodotti, ora sono stati commissionati diversi progetti commerciali e accademici per la loro stampa 3D. 

In una di queste iniziative, la Thermwood Corporation ha collaborato con la società di aviazione Bell per stampare in 3D uno stampo per pala di elicottero da 20 piedi . Ritenuto il più grande strumento capace di autoclave nel suo genere mai realizzato, l’attrezzatura resistente alla temperatura e alla pressione di elevazione è specificamente progettata per essere utilizzata nella sagomatura e nello sviluppo di parti robuste di chopper. 

Altrove, a un livello più sperimentale, i ricercatori dell’ETH di Zurigo hanno cercato di affrontare applicazioni architettoniche simili a quelle di Massivit, creando un prototipo di facciata metallica utilizzando stampi di sabbia stampati in 3D. Composto da 26 pezzi singoli e alto 3,5 metri, il design “Deep Facade” è stato infine realizzato con parti in alluminio stampate su larga scala.  

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi