Materialise offre un servizio di stampa 3D SLS Bluesint sostenibile


 
L’anno scorso, Materialise ( Nasdaq: MTLS ) ha introdotto la sua tecnologia Bluesint PA 12 , che consente agli utenti della stampa 3D SLS di raggiungere un tasso di riciclaggio della polvere fino al 100%, un importante passo verso la sostenibilità. Il sistema S1000 del produttore coreano di stampanti 3D  Sindoh è recentemente diventato la prima stampante 3D disponibile in commercio a supportare la tecnologia di eliminazione dei rifiuti , ma, ora, Materialise offre la tecnologia come un nuovo servizio ai clienti interessati a ridurre la propria impronta di carbonio.

“La stampa 3D si è affermata come una soluzione di produzione potente e sostenibile per la produzione di parti più piccole e personalizzate consentendo la produzione localizzata, ma è fondamentale che il nostro settore continui a investire in nuovi modi per rendere il processo di stampa 3D stesso più sostenibile. Attraverso innovazioni come il nostro servizio Bluesint PA 12, Materialise consente ai suoi clienti di fare una scelta per la sostenibilità”, ha dichiarato in un comunicato stampa Jurgen Laudus, vicepresidente e direttore generale di Materialise Manufacturing.
 
Con questo nuovo servizio Bluesint PA 12, Materialise afferma che è possibile stampare con polvere riutilizzata fino al 100%, riducendo significativamente gli sprechi di materiale. In origine, il servizio era disponibile solo per clienti selezionati come programma beta. Uno di questi clienti era il Maggie Program , un’organizzazione no-profit con sede in Belgio che costruisce rifugi multifunzionali per le comunità. L’organizzazione ha partecipato ai test Bluesint PA 12 come un modo per produrre in modo più sostenibile i propri rifugi locali.

“Ci affidiamo alla flessibilità della stampa 3D per affrontare alcune delle sfide produttive che abbiamo dovuto affrontare per la produzione di alcune parti dei nostri rifugi. Con Bluesint PA 12, Materialise ora ci offre la possibilità di produrre queste parti in modo più sostenibile con proprietà meccaniche simili”, ha affermato Benjamin Denef, CEO e fondatore di Maggie Program vzw e DMOA Architects . “Siamo sempre alla ricerca di nuovi modi per ridurre la nostra impronta ambientale e Bluesint PA 12 ci consente di fare una scelta di produzione basata non solo sulle specifiche tecniche ma anche sull’impatto ambientale.”
Durante la fase di beta testing, il team del programma Maggie ha stampato in 3D circa 50 parti. Normalmente, questo rilascerebbe circa 3,10 kg di emissioni di CO 2 , ma con Bluesint PA 12 il team ha ridotto le sue emissioni di CO 2 di 37 kg, per un totale di 2,35 kg rilasciati, la stessa quantità che due alberi possono assorbire in dodici mesi.

“Avevamo bisogno di una tecnologia che portasse il massimo volume di capacità ad alte prestazioni e presto ci siamo resi conto che la stampa 3D poteva aiutarci a risolvere uno dei giunti più impegnativi del nostro Maggie Shelter. Siamo entusiasti che Materialise possa offrire questi componenti con il materiale Bluesint PA 12 oggi”, ha affermato Denef.

“Il concetto di Materialize di utilizzare una tecnologia efficiente per i materiali per costruire parti ci consente di assemblare facilmente e rapidamente rifugi per esigenze urgenti in modo sostenibile. Per noi è importante collaborare con un’azienda che lavora costantemente a nuovi modi per ridurre la propria impronta di carbonio, ed è per questo che questa alternativa ai processi regolari si allinea così bene con la nostra missione”.

Inoltre, come si può vedere nel infografica sopra e come illustrato dal successo del programma Maggie, di Materialise Bluesint PA 12 consente di ridurre di CO 2 delle emissioni. Tipicamente, vengono generati più di 7 kg di CO 2 nella produzione di un kg di polvere PA 12 standard. Ma, riducendo la necessità di produrre più polvere, Bluesint PA 12 consente di ridurre le emissioni di CO 2 dalla produzione di polvere di circa il 30%. Per dirla in altro modo, se la metà di tutte le parti in PA 12 stampate in 3D SLS in tutto il mondo fossero invece realizzate con Bluesint PA 12, le emissioni di CO 2 diminuirebbero di oltre 2.800 tonnellate all’anno!

Secondo Materialise, fino al 70% della polvere nella stampa 3D SLS diventa rifiuto o viene riciclato, il che significa che il materiale riciclato ha una qualità e una funzionalità inferiori rispetto al materiale originale. Ma con la polvere Bluesint PA 12, questo materiale di scarto può effettivamente aiutare a eliminare gli sprechi nella stampa 3D essendo utilizzato per stampare nuove parti con la stessa funzione e qualità. Inoltre, le parti stampate con Bluesint PA 12 hanno proprietà meccaniche simili alle parti in PA 12 prodotte convenzionalmente, ma con un impatto ambientale molto inferiore, poiché Materialise afferma che nessuno dei suoi materiali di prototipazione rapida viene sprecato.

A causa della natura iterativa della stampa 3D, la tecnologia AM viene spesso utilizzata per prototipi meno costosi, un’applicazione che Laudus ritiene si adatti abbastanza bene al nuovo servizio dell’azienda.

“Ci aspettiamo che molti dei nostri clienti scelgano di utilizzare il servizio Bluesint PA 12 per la stampa di prototipi funzionali. In genere, i prototipi stampati in 3D hanno una vita breve perché vengono utilizzati solo nella fase di convalida, creando la necessità di una soluzione più sostenibile in questa parte del processo di sviluppo del prodotto”, ha spiegato. “Bluesint PA 12 consente lo sviluppo sostenibile di prototipi con proprietà funzionali e meccaniche paragonabili alla parte finale.”

 

Be the first to comment on "Materialise offre un servizio di stampa 3D SLS Bluesint sostenibile"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi