gundamamama della nanoscribeLa start Up tedesca Nanoscribe  commercializza una “micro stampante” 3D che utilizza un laser  infrarosso per stampare piccole strutture con le caratteristiche di soli 30 nanometri. (Per dare una idea un capello umano è approssimativamente tra i 50,000 e i 100.000 nanometri.)

Il dispositivo utilizza un raggio laser infrarosso che si muove  in tre dimensioni per solidificare un materiale sensibile alla luce nella forma desiderata.Questo sistema , molto più veloce rispetto alla tecnologia esistente, potrebbe essere utilizzato per “stampare” i componenti di dispositivi medici, sistemi elettromeccanici, di modelli di robot da porre sulla testa di uno spillo.

di David Pescovitz da boingboing.net

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi