Nanoscribe presenta IP-n162, una nuova resina per la microfabbricazione 3D

L’azienda tedesca di stampa 3D e specialista nella stampa 3D nano Nanoscribe ha presentato IP-n162, un nuovo materiale di stampa 3D per la microfabbricazione 3D. È stato sviluppato per l’elaborazione con la stampante 3D per progetti microottici innovativi basati sulla polimerizzazione a due fotoni (2PP). Lo presentiamo.

Logo NanoscribeLa società di stampa 3D Nanoscribe ha presentato un nuovo materiale di stampa 3D IP-n162 per la microfabbricazione 3D in un comunicato stampa . Due proprietà sono importanti per i fotoresist: un indice di rifrazione elevato con un numero di Abbe basso , che indica un’elevata dispersione . A causa del basso assorbimento di IP-N162 nel campo dell’infrarosso, il materiale di stampa 3D è adatto a infrarossi micro-ottica e le applicazioni che richiedono le perdite a basso assorbimento . Questi includono sistemi di comunicazione ottica, tecnologia quantistica e imballaggi fotonici.

La nuova resina Nanoscribe IP-n162 per la microfabbricazione 3D (foto © Nanoscribe).
Il photoresist IP-n162 è stato sviluppato per la stampa 3D di innovativi design micro-ottici basati sulla polimerizzazione a due fotoni (2PP) . In questo modo sono possibili strutture con un alto grado di precisione della forma e qualità della superficie. Grazie all’elevato indice di rifrazione, può essere utilizzato anche per produrre microlenti ad alta precisione e microottiche a mano libera.

Nelle applicazioni optoelettroniche, i materiali di stampa ad alto indice possono ottimizzare le proprietà visive di display, fotocamere e proiettori ottici. È anche possibile una nuova classe di design di micro lenti innovativi, compatti e complessi. Vengono create ottiche più piccole che daranno forma a sistemi di imaging miniaturizzati e sensori per applicazioni nelle aree della realtà aumentata e virtuale (AR / VR).

Alto indice di rifrazione
A differenza di altri materiali di Nanoscribe, IP-n162 ha un indice di rifrazione elevato di 1,62 a una lunghezza d’onda di 589 nm Il basso numero di Abbe di 25 rende il fotoresist il materiale con la più alta dispersione nel portafoglio Nanoscribe. Le proprietà ottiche delle strutture stampate in 3D con IP-n162 sono simili ai polimeri ottici nei processi di stampaggio a iniezione e possono essere paragonate al poliestere e ai polimeri.

IP-n162 ha un’elevata precisione di forma, il che significa che quasi tutti i progetti micro-ottici possono essere realizzati su scala micrometrica. La prototipazione di micro-ottiche in 3D o 2.5D è possibile in modo rapido e senza passaggi intermedi complessi. Lo stesso vale per i successivi processi di replica.

Simon Thiele, partecipante al progetto PRINTOPTICS, finanziato da BMBF, riassume i risultati come segue:

“Sono stato in grado di stampare un sistema ottico già complesso con IP-n162. Consiste di due lenti con superfici a forma libera complete per un’immagine priva di distorsioni. Una caratteristica speciale è la lente diffrattiva integrata con sottili strutture a gradini sulla parte superiore per correggere gli errori di colore. L’alto indice di rifrazione di IP-n162 aiuta a rendere più piccoli questi passaggi e quindi a ridurre la luce diffusa. “

Be the first to comment on "Nanoscribe presenta IP-n162, una nuova resina per la microfabbricazione 3D"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi