La resina tossica è la norma nelle stampanti 3D in resina. I componenti nella resina sono praticamente sempre tossici e richiedono agli operatori di stampanti 3D di indossare indumenti protettivi quando lavorano con la resina.

Nontoxic CMYK

 
Ciò include occhiali di sicurezza, guanti in nitrile e maniche per garantire che la pelle non entri in contatto con la resina. Richiede anche un flusso di lavoro molto attento, poiché le stampe si spostano tra la stampante, la stazione di lavaggio e le stazioni di essiccazione UV. Ogni passaggio è un potenziale punto in cui la resina può essere maneggiata in modo improprio e superfici o strumenti “sporchi”.

Onestamente, un flusso di lavoro veramente sicuro è piuttosto oneroso e sono abbastanza sicuro che molti operatori di stampanti 3D in resina non sempre seguono le adeguate precauzioni di sicurezza. Ho anche visto video in cui le persone raccolgono liberamente impronte bagnate a mani nude.

Il problema è che le tossine entrano nel corpo attraverso la pelle solo gradualmente. Pertanto, dopo esposizioni multiple il corpo raggiungerà improvvisamente un livello di soglia e reagirà. Successivamente, la persona esposta svilupperà spesso sintomi ogni volta che si avvicina alla resina, anche da odori nell’aria. In altre parole, non sai che è male finché non lo è. Pertanto abbiamo sempre fortemente consigliato a chiunque utilizzi una stampante 3D in resina di prendere tutte le precauzioni.

 
Tutto questo è causato dalle resine tossiche, che tra l’altro sono spesso totalmente sicure DOPO che sono state completamente indurite. Alcuni sono anche sicuri per il cibo, dopo che sono stati curati.

 
Mi chiedevo se esistesse una resina non tossica che potesse essere utilizzata per cortocircuitare tutti questi problemi e non riuscivo a trovarne.

Le più vicine che ho trovato sono state le resine “lavabili con l’acqua”. Questi sono praticamente altrettanto tossici, ma eliminano il problema aggiuntivo del lavaggio delle stampe in IPA altrettanto tossici. Invece di IPA, ti lavi in ​​acqua.

Il problema con questi solventi è che si corrompono con, hai indovinato, resina tossica. Per “pulirli”, è necessario lasciare i solventi sporchi al sole, dove la resina fotopolimerica disciolta alla fine indurerà e si depositerà. La resina lavabile con acqua è leggermente più sicura, ma è altrettanto difficile da usare se si considera l’intero flusso di lavoro.

Poi è stato portato alla mia attenzione che potrebbe esserci una resina per stampanti 3D davvero sicura, prodotta da Carima, che sembra essere la più antica azienda coreana di stampanti 3D.

Producono diversi modelli di stampanti 3D in resina alimentate con DLP, destinate all’industria dentale, della gioielleria, della ceramica e della sanità. Insieme all’hardware, forniscono anche un’ampia gamma di resine per applicazioni specifiche.

Nascosta nella loro lista di resine c’è la resina “Nontoxic CMYK”. Spiegano:

“La resina CMYK di Carima, composta da cinque colori, è un materiale miscelabile non tossico, che consente agli utenti di combinare liberamente i colori. La resina liquida è stata testata e classificata come non irritante e non sono state rilevate sostanze chimiche nocive, il che la rende adatta all’uso educativo e ai giocattoli per bambini.
L’enfasi è mia, e segnalo le parole “resina liquida”. Non curato. Liquido. Non tossico.

Forniscono questo grafico che illustra la tossicità, misurata in mg di sostanze chimiche tossiche per kg:

 
E questo grafico che confronta il materiale con le sostanze comuni che normalmente incontreresti:


Potresti essere sorpreso dal fatto che la caffeina sia così tossica. È così pericoloso che anni fa lo scienziato Dr. Bernard Cohen sfidò Ralph Nader a mangiare la stessa quantità di caffeina che mangerebbe plutonio . La verità sta tutta in QUANTA tossina viene assorbita, ed è di questo che stiamo parlando con le resine Carima.

 
Tuttavia, il grafico suggerisce che avresti bisogno di assorbire 26 volte il volume di resina CMYK della caffeina per ottenere una dose tossica e molti di voi consumano una certa quantità di caffeina ogni giorno. Mi chiedo dove si collocherebbe la resina tossica standard su questo grafico. [A parte: se sei interessato all’argomento delle sostanze tossiche comuni, prova a cercare “banana radioattiva” per una sorpresa.]

Le resine hanno tossine, ma anche tutto il resto! È il livello di tossicità che è in questione qui.

Per quanto ne so, queste particolari resine potrebbero essere le meno tossiche che potrebbero essere utilizzate in una stampante 3D disponibile in commercio.

Ma c’è di più!

 
Questa famiglia di resine non tossiche è in realtà destinata alla miscelazione dei colori. Il nome “CYMK” è il metodo di miscelazione dei colori standard nel settore della stampa: ciano, giallo, magenta e nero. Con quei quattro colori, è possibile riprodurre qualsiasi colore desideri, purché tu abbia il giusto rapporto di miscelazione. Nel mondo della stampa 3D, tuttavia, non esiste uno “sfondo di carta bianca”, quindi la famiglia include anche opzioni bianche e trasparenti.

Queste sei resine miscelabili dovrebbero consentire agli operatori creativi di stampanti 3D di creare colori davvero unici. Puoi anche mescolarli “senza mescolare” per ottenere stampe 3D in resina multicolore selvaggia.

Queste resine sono disponibili per l’acquisto presso i rivenditori Carima in tutto il mondo. Ho dato un’occhiata e ho trovato un prezzo tipico di circa € 60 per mezzo litro, o circa US $ 124 per kg. Ma ricorda, per ottenere la piena capacità di colore hai bisogno di tutti e sei, e questo ti costerebbe circa $ 370 per mezzo litro di ciascuno.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi