OVF potrebbe sostituire GCODE? 

Un protocollo appena inventato potrebbe sostituire GCODE per alcuni tipi di stampa 3D.

OVF, o “Open Vector Format” è un protocollo open source progettato per controllare un laser con scanner galvanometrico. Questo sembra essere il design di base per molte stampanti 3D in metallo e polimeri LPBF. Viene anche utilizzato da alcune apparecchiature per incisione laser.

 
Ma qual è il problema con GCODE? Finora ci è servito molto bene, vero?

Non proprio. Sebbene GCODE sia sicuramente funzionale, mostra delle lacune quando è sempre più esposto alle operazioni di produzione, dove sono richiesti i migliori risultati possibili.

Al fine di produrre parti metalliche che soddisfano specifici standard di qualità, è stata la migliore pratica monitorare l’andamento del lavoro di stampa in modo dettagliato. Questo perché piccole deviazioni dai parametri previsti possono generare difetti nella solida struttura della parte metallica.

Intorno a questo concetto sono stati costruiti significativi sistemi di controllo della qualità da alcuni produttori di stampanti 3D, in grado di verificare che le parti siano state prodotte correttamente o di interrompere la stampa se le cose non vanno bene.

 
Ma che ne dici di questo? OVF consente al file di trasportare informazioni dettagliate sulle fasi di elaborazione, nonché metadati. Pertanto, puoi immaginare il sistema di controllo della qualità di una stampante 3D utilizzando le istruzioni OVF come confronto in tempo reale mentre il lavoro di stampa procede.Il progetto OVF spiega:

“Pertanto, siamo fiduciosi che OpenVectorFormat non sarà “solo un altro formato” insieme ad altri formati altrettanto adatti. È il primo formato veramente aperto e ricco di funzionalità per la crescente gamma di applicazioni laser basate su scanner”.
OVF è stato costruito sulla base di Protobuf di Google, che secondo gli autori ha molti dei requisiti di formato dei file, tra cui efficienza dello spazio, elevate prestazioni di serializzazione in una varietà di ambienti di programmazione, streaming semplice, trasferimento senza interruzioni tra più applicazioni, estensibilità e compatibilità con le versioni precedenti.

Strutture dati utilizzate dal protocollo Open Vector Format [Fonte: OVF]
OVF è in grado di farlo per mezzo di una struttura opportunamente progettata, qui mostrata. Fondamentalmente, dividono il lavoro in “piani di lavoro” che rappresentano le fette del lavoro. Questi vengono poi suddivisi in “VectorBlocks”, ognuno dei quali può avere un set specifico di parametri di stampa. Collegando tutto questo insieme, puoi rappresentare un lavoro di stampa LPBF molto complesso con molte diverse configurazioni laser mentre il lavoro procede.
OVF è abbastanza nuovo, come puoi immaginare, e a questo punto non è utilizzato da nessuna grande azienda di cui sono a conoscenza. Tuttavia, sembra affrontare le preoccupazioni che ho visto risultanti dall’uso del vecchio GCODE.

Per questo motivo non sarei affatto sorpreso se iniziassimo a vedere i lettori LPBF iniziare a sperimentare, e forse alla fine rilasciare prodotti e servizi compatibili con OVF.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi