Materiali di derivazione naturale adatti alla stampa 3D

I ricercatori hanno scoperto che livelli moderati di cenere, a volte presenti come sfere nella biomassa, non influiscono in modo significativo sulle proprietà meccaniche dei biocompositi costituiti da foraggio di mais, panico verga e PLA termoplastico. 
 
La presenza di minerali chiamati cenere nelle piante fa poca differenza per l’idoneità di nuovi materiali composti di derivazione naturale progettati per la produzione additiva, ha scoperto un team guidato dall’Oak Ridge National Laboratory.

Se miscelate con acido polilattico, le fibre provenienti da mais e switchgrass hanno prodotto biocompositi con proprietà soddisfacenti per la stampa 3D. In effetti, la presenza di sfere di cenere sembrava migliorare il flusso del materiale per la stampa per estrusione, ha affermato Xianhui Zhao di ORNL.

“Siamo arrivati ​​al 12% di contenuto di ceneri sul nostro biocomposito per stufati di mais e abbiamo trovato accettabili proprietà meccaniche come tolleranza allo stress e alla deformazione e resistenza alla trazione”, ha affermato Zhao.

La ricerca consente un utilizzo di residui di biomassa ad alto contenuto di ceneri provenienti dalla bioraffinazione che potrebbero ridurre il costo complessivo della produzione di combustibili e materiali sostenibili.

I prossimi passi includono l’esplorazione di più materiali di biomassa e il test dei compositi in una stampante per grandi volumi presso ORNL.

Credito: Andy Sproles/ORNL, Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi