I tumori del cancro al seno biostampati in 3D potrebbero essere un metodo di trattamento radicalmente nuovo
Il tumore biostampato ha innescato una risposta immunitaria favorevole.
  
 
I ricercatori della Pennsylvania State University ne hanno aggiunto uno nuovo agli studi nel campo della ricerca sul cancro.

In un nuovo studio sulla comprensione di una condizione che è una delle principali cause di mortalità in tutto il mondo, i ricercatori hanno biostampato in 3D i tumori del cancro al seno e li hanno trattati.

Secondo gli studi condotti nel laboratorio di Ozbolat, il risultato stabilisce il quadro per la fabbricazione precisa di modelli tumorali. L’invenzione consentirà di ricercare e creare trattamenti antitumorali in futuro senza utilizzare test “in vivo” (su animali).

 
“Questo ci aiuterà a capire come le cellule immunitarie umane interagiscono con i tumori solidi”, ha affermato Ibrahim Ozbolat , professore di scienze ingegneristiche e meccanica, ingegneria biomedica e neurochirurgia alla Penn State e autore senior dello studio.

“Abbiamo sviluppato uno strumento che funge da piattaforma di test clinici per valutare in modo sicuro e accurato le terapie sperimentali. È anche una piattaforma di ricerca per immunologi e biologi per capire come cresce il tumore, come interagisce con le cellule umane e come metastatizza e si diffonde nel corpo”.

Lo sviluppo di modelli biostampati potrebbe aprire la porta a modi completamente nuovi di comprendere il microambiente tumorale e la risposta immunitaria del corpo.
Patrick Mansell/Pennsylvania State University  
Una nuova tecnica
Per individuare con precisione i tumori in tre dimensioni e produrre il tessuto, i ricercatori hanno utilizzato la biostampa assistita dall’aspirazione, una tecnica relativamente recente.

Dopo aver creato un modello di tumore al seno vascolarizzato multiscala dal tessuto, i ricercatori hanno scoperto che la chemioterapia e l’immunoterapia cellulare hanno avuto un effetto sul tumore.

Gli scienziati hanno impiegato la doxorubicina, un farmaco chemioterapico a base di un’antraciclina che viene spesso utilizzata per curare il cancro al seno, per prima convalidare l’accuratezza del suo modello tumorale.

I ricercatori hanno lavorato con il dottor Derya Unutmaz, un immunologo del Jackson Laboratory, per valutare un trattamento immunoterapico cellulare sul tumore dopo aver scoperto che il tumore biostampato ha reagito alla chemioterapia.

Hanno usato cellule CAR-T umane
Le cellule CAR-T umane che erano state modificate attraverso l’editing genetico sono state impiegate dai ricercatori per identificare e combattere un sottotipo aggressivo di cellule di cancro al seno.
 
 

Madhuri Dey, per gentile concessione di Ozbolat Lab/Penn State

Un’immagine al microscopio elettronico a scansione mostra una cellula di cancro al seno (ciano) che viene attaccata da cellule T (rosse), che sono state progettate per riconoscere le cellule tumorali.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi