Secondo un rapporto su TechCrunch, Local Motors ha cessato le attività.

L’azienda dell’Arizona era nota nella comunità della stampa 3D perché aveva utilizzato ampiamente la tecnologia nello sviluppo del prodotto. All’inizio hanno affermato di aver prodotto la prima auto stampata in 3D al mondo, ma in realtà era stato fatto in precedenza dalla gente di URBEE nel 2011 .

Dopo aver annunciato che stavano sviluppando un’auto stampata in 3D nel 2014 , l’azienda è poi passata nel 2016 allo sviluppo di un veicolo di trasporto urbano, l’Olli.

All’inizio Olli sembrava essere una buona idea. Un piccolo autobus di trasporto di massa destinato ad essere completamente automatizzato. Olli trasportava le persone su rotte standard, come negli aeroporti o collegando i centri di trasporto in un ambiente urbano.

Tuttavia, sono passati otto anni e fino ad oggi non abbiamo visto alcun notevole assorbimento dei prodotti Olli, a parte una serie di annunci di sviluppo da parte dell’azienda. Non sorprende che abbiano chiuso, vista la mancanza di produzione.



Olli doveva essere parzialmente stampato in 3D e mi sono sempre chiesto perché lo avrebbero fatto. Le parti stampate in 3D sono normalmente piuttosto costose e stampando in 3D componenti più grandi di Olli, aumenterebbero inutilmente il prezzo finale del veicolo. Mentre ci sarebbe stata richiesta per un veicolo come Olli, ce ne sarebbe stata ancora di più se il prezzo fosse stato inferiore.

Il costo della stampa 3D ha anche segnato il destino della precedente URBEE, che era stata sovvenzionata da un importante produttore di stampanti 3D per produrre i suoi costosi pannelli della carrozzeria. Non è sostenibile in un mercato aperto.

 
È importante ricordare che entrambe queste iniziative sono state lanciate in un’epoca in cui le parole “stampate in 3D” erano una sorta di magia se associate a qualsiasi prodotto. Molte aziende hanno sfruttato l’enorme entusiasmo dei consumatori per generare investimenti, a volte in idee sbagliate. È possibile che il concetto di Local Motors dipendesse troppo dalla stampa 3D.
Sospetto che Local Motors sia stato messo alla prova anche dalla tecnologia di guida autonoma, che è estremamente difficile da correggere, in particolare se il veicolo è esposto ad altro traffico imprevedibile e persone.

Alla fine, gli acquirenti non acquistano prodotti stampati in 3D; acquistano prodotti che funzionano e sono convenienti. Apparentemente Local Motors non poteva bilanciare quell’equazione.

Dovrebbero esserci auto stampate in 3D? Non credo; invece, penso che dovrebbero esserci componenti stampati in 3D, in cui la tecnologia consente a questi componenti di avere design più efficienti, più leggeri e più piccoli. I veicoli che utilizzano questo approccio potrebbero avere molto più successo.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi