Polymaker® PC-r un filamento in policarbonato per la stampa 3D è realizzato con plastica riciclata di Covestro

Covestro e Polymaker: plastica riciclata per la stampa 3D
 
Il filamento in policarbonato Polymaker® PC-r per la stampa 3D è realizzato con plastica riciclata di Covestro, prodotta da bottiglie d’acqua usate del produttore cinese di bottiglie d’acqua Nongfu Spring. © Covestro
Il produttore di materiali per la stampa 3D Polymaker utilizza un policarbonato riciclato dell’azienda chimica Covestro per produrre Polymaker PC -r, il filamento in policarbonato per la stampa 3D da plastica riciclata .

Il materiale proviene da bottiglie da 19 litri del fornitore di acqua cinese Nongfu Spring, in cui il policarbonato è già in una forma abbastanza pura. Per l’utilizzo in applicazioni elettroniche, ma anche nell’industria automobilistica e in altri settori, Covestro mescola i rifiuti di plastica con materiale vergine per formare una base in policarbonato che può essere estrusa in filamenti.

Come spiegano le aziende in un comunicato stampa, il filamento è particolarmente adatto per i marchi di elettronica di consumo che vogliono rendere più sostenibile la loro catena di fornitura, soprattutto in connessione con l’uso della tecnologia di stampa 3D per la produzione su scala industriale. Rispetto al materiale vergine, il filamento circolare ha un’impronta di carbonio inferiore. Il prodotto è anche più durevole e soddisfa anche i requisiti specifici del settore, ad esempio il sigillo Blue Angel o EPEAT.

Il vantaggio è che i rifiuti provengono da un’unica fonte. Ciò significa che non è necessaria la cernita e l’identificazione preventive delle plastiche. Sono abbastanza puri e possono essere riciclati economicamente in un ciclo. Sono anche disponibili in quantità sufficienti, poiché le bottiglie d’acqua di grandi dimensioni sono ampiamente utilizzate nelle famiglie private e nelle istituzioni pubbliche in Cina. Le bottiglie vengono raccolte più volte dopo l’uso e ricaricate prima di essere definitivamente scartate e riciclate. Questo è un altro esempio di come Covestro collabora con i partner lungo la catena del valore per contribuire a costruire un’economia circolare.

Polymaker PC-r ha un’eccellente stabilità termica e resistenza. A causa delle caratteristiche del prodotto, è necessaria una camera a temperatura costante affinché la stampante 3D stampi correttamente.

Il produttore della macchina INTAMSYS ha eseguito test di stampa con Polymaker PC-r sulla sua stampante FUNMAT PRO 410. Può raggiungere una temperatura del doppio ugello fino a 500 ° C e una temperatura della piattaforma fino a 160 ° C. La temperatura della camera può arrivare fino a 90 ° C, il che evita la deformazione delle parti stampate e consente di stampare modelli più grandi e complessi con un alto tasso di successo di stampa.

I test hanno dimostrato che il materiale Polymaker PC-r è molto facile da lavorare. I risultati del test mostrano buoni valori di resistenza alla trazione, modulo elastico, resistenza alla flessione e modulo alla flessione, che erano leggermente superiori a quelli del policarbonato standard.

Be the first to comment on "Polymaker® PC-r un filamento in policarbonato per la stampa 3D è realizzato con plastica riciclata di Covestro"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi