ProtoSpray e trasformi i touchscreen in interattivi

ProtoSpray abilita i touchscreen stampati in 3D per le parti interattive

Uno degli aspetti più interessanti del mondo della tecnologia è il modo in cui un’innovazione si sviluppa l’una sull’altra. Dai computer di base, siamo passati a sistemi operativi e tecnologie touchscreen più complessi, e anche per i telefoni cellulari, mentre si sono laureati in smartphone. Dalla prima stampante 3D SLA di base prodotta da Chuck Hull negli anni ’80, siamo passati a una gamma sbalorditiva di hardware, software e materiali disponibili per gli utenti di tutto il mondo.

Ora queste tecnologie si uniscono come un gruppo di ricerca presso l’ Università di Bristol offre un nuovo modo per far avanzare il moderno touchscreen con la stampa 3D. Mentre molti di noi potrebbero essersi abituati allo stesso vecchio stile di gestione dei display interattivi per computer (senza dimenticare quanto eccitanti erano questi progressi quando sono stati lanciati per la prima volta!) A causa di un esercizio fisico quotidiano, i ricercatori di Bristol hanno deciso di spingere i limiti della mediocrità con touchscreen 3D.

Utilizzando un romanzo display interattivo che viene effettivamente spruzzato su parti stampate in 3D (pensa a come gli artisti dei graffiti eseguono il loro lavoro), il team ha introdotto ProtoSpray, in collaborazione con il laboratorio multimediale del MIT. La dott.ssa Anne Roudaut, professore associato di interazione uomo-computer presso l’Università di Bristol, che ha supervisionato la ricerca, si aspetta che continuerà con questo progetto nella progettazione di una macchina che offre una tecnica di produzione all-in-one per la stampa 3D e la spruzzatura .

“Abbiamo liberato i display dai loro involucri rettangolari 2D sviluppando un processo in modo che le persone possano costruire oggetti interattivi di qualsiasi forma. Il processo è molto accessibile: consente agli utenti finali di creare oggetti con vernice conduttiva in plastica ed elettroluminescente anche se non hanno esperienza in questi materiali “, ha dichiarato Ollie Hanton, studente di dottorato e autore principale della ricerca, recentemente presentato al Conferenza ACM sui fattori umani nei sistemi informatici (CHI).

Incoraggiando gli utenti ad espandere i propri orizzonti nell’uso della tecnologia digitale, Hanton e il suo team si aspettano che ProtoSpray si rivolga ad altri produttori, hobbisti e ricercatori interessati a un’interazione più dinamica con le forme, siano esse piatte, curve, angolari o più complesse geometrie.

“Le stampanti 3D hanno permesso la fabbricazione personale di oggetti, ma il nostro lavoro lo porta ancora oltre dove stampiamo non solo la plastica ma anche altri materiali essenziali per la creazione di display. Usando la stampa 3D di materie plastiche e la spruzzatura di materiali che si illuminano quando viene applicata l’elettricità, possiamo aiutare i produttori a produrre oggetti di tutte le forme in grado di visualizzare informazioni e rilevare il tocco “, ha affermato Hanton. “La nostra visione è quella di rendere lo schermo / display un mezzo espressivo fondamentale allo stesso modo in cui le persone attualmente usano inchiostro, vernice o argilla”.

Be the first to comment on "ProtoSpray e trasformi i touchscreen in interattivi"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi