Pyrogenesis , specialista nella tecnologia di atomizzazione al plasma per la produzione di polveri di stampa 3D, ha annunciato il successo dei test della sua linea di produzione di polveri NexGen di produzione additiva .

A seguito di una decisione strategica di ritardare la produzione commerciale, l’azienda con sede a Montreal è stata in grado di implementare miglioramenti e ora ha testato la coerenza da lotto a lotto nella sua linea di produzione. Il periodo di raffinamento ha consentito alla pirogenesi di aumentare il suo tasso di produzione, ridurre il CAPEX, abbassare l’OPEX e diminuire la distribuzione delle dimensioni delle particelle per una migliore consistenza.

La società ha anche iniziato a produrre commercialmente le polveri per la stampa 3D in metallo NexGen per i clienti prima del previsto.

P. Peter Pascali, CEO e presidente di PyroGenesis, afferma: “Siamo lieti di annunciare questo importante traguardo, quasi due mesi anticipo rispetto al calendario annunciato il 19 aprile ° . Riteniamo che la linea di produzione di polveri NexGen consentirà a PyroGenesis di elaborare in modo unico materiali che, fino ad oggi, non sembravano economicamente fattibili.

 

La nuova tecnologia NexGen è intesa come un aggiornamento dell’originale processo di atomizzazione al plasma di Pyrogenesis (PAP), che la società ha inventato nel 1995. Progettato specificamente per facilitare alti tassi di produzione a bassi costi, NexGen è riferito in grado di produrre polveri di stampa 3D in metallo a una velocità di oltre 25 kg / h. Pyrogenesis afferma che la linea di produzione ha già diversi clienti aerospaziali di “alto livello” in lista d’attesa.

Oltre a creare solo polveri metalliche fini, la tecnologia è anche in grado di smaltire i rifiuti industriali. Fin dalla fase di sviluppo iniziale, Pyrogenesis ha dotato il sistema di atomizzazione al plasma NexGen di diversi importanti miglioramenti, massimizzando il rendimento e aumentando drasticamente la consistenza delle dimensioni della polvere. La società afferma persino che NexGen ha superato tutti i tassi di produzione noti pubblicati di atomizzazione al plasma per il titanio.

Pascali aggiunge: “È molto emozionante sapere che ora consegneremo polveri a clienti molto esigenti e distinti. Tuttavia, voglio avvertire i lettori di non aspettarsi centinaia di tonnellate di ordini di polvere la prossima settimana. La strategia che abbiamo perfezionato ha funzionato bene per noi fino ad ora e non vediamo alcun motivo per cambiarla “.

 

La svolta del 2021 ha visto Pyrogenesis annunciare l’inizio di una fase di crescita intensificata e la società ha iniziato a fare trading sulla borsa valori del NASDAQ poco dopo. Oltre a lanciare NexGen, l’azienda ha anche aumentato la produzione con il suo processo brevettato di atomizzazione al plasma, che ha previsto un aumento significativo del 367% delle sue entrate annuali nell’ambito dei risultati finanziari preliminari del quarto trimestre 2020.

Ora in regola, Pyrogenesis prevede di completare la sua serie finale di processi di qualificazione e garantire grandi contratti a lungo termine per NexGen, fornendo entrate ricorrenti per i prossimi anni.

Massimo Dattilo, Vice Presidente di PyroGenesis Additive, conclude: “Questo ovviamente richiederà tempo, ma ora ci siamo. Con i vantaggi della linea di produzione di polveri NexGen, riteniamo che sia solo una questione di tempo, date le principali aziende aerospaziali di alto livello e gli OEM che stanno già aspettando le polveri da questa nuova linea di produzione all’avanguardia “.

Proprio come qualsiasi nicchia del settore, il settore della produzione di polveri metalliche presenta diversi attori principali in concorrenza. All’inizio di questo mese, la società mineraria e metallurgica canadese Rio Tinto ha sviluppato una nuova polvere per stampa 3D in acciaio utilizzando la tecnologia di atomizzazione dell’acqua . Sviluppata e testata presso il complesso metallurgico Rio Tinto Fer et Titane (RTFT) dell’azienda in Quebec, la nuova polvere d’acciaio ha dimostrato che l’atomizzazione dell’acqua è una via più conveniente per la produzione di polveri, superando gli atomizzatori di gas e plasma ad alto costo.

Altrove, Kanthal , il marchio di tecnologia del riscaldamento del gruppo di ingegneria globale Sandvik , ha recentemente investito in apparecchiature di atomizzazione ultramoderne per promuovere lo sviluppo delle proprie operazioni di metallurgia delle polveri. Insieme all’istituto di ricerca svedese sui metalli Swerim , Kanthal utilizzerà la sua attrezzatura da 2 milioni di euro per ricercare polveri metalliche per la stampa 3D e applicazioni di pressatura isostatica a caldo.

 

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi