Lo sviluppatore israeliano di carne vegetale stampata in 3D guadagna 135 milioni di dollari
Redefine Meat per utilizzare i fondi per creare linee di produzione in Israele, Paesi Bassi, espandere le partnership con i ristoranti
 
La startup israeliana Redefine Meat, un produttore di prodotti a base di carne a base vegetale stampati in 3D, ha raccolto un nuovo investimento di 135 milioni di dollari per finanziare linee di produzione in Israele e nei Paesi Bassi, oltre ad espandere le sue partnership con ristoranti e ristoranti di tutto il mondo.

Globes ha riportato per la prima volta il round di finanziamento all’inizio di lunedì, guidato dal fondo di venture capital con sede a New York e Tel Aviv Hanaco Ventures, che ha recentemente investito anche nello sviluppatore israeliano di latte e latticini senza animali Remilk, uno sviluppatore di latte e latticini senza animali e Synthesis Capital, un fondo con sede nel Regno Unito focalizzato sulla tecnologia alimentare.

Il nuovo investimento porta il capitale totale di Redefine Meat raccolto a circa 180 milioni di dollari fino ad oggi e segue una tendenza degli ultimi mesi di grandi investimenti singoli di oltre 100 milioni di dollari in aziende di tecnologia alimentare israeliane.

 
Oltre a Remilk, che ha raccolto 120 milioni di dollari all’inizio di questo mese, Future Meat, un’azienda biotecnologica con sede a Rehovot che crea prodotti a base di pollo, agnello e manzo a base di cellule animali, ha raccolto 347 milioni di dollari a dicembre nell’ambito di un round di finanziamento di serie B, il più grande investimento singolo in un’azienda di carne coltivata fino ad oggi. Lo scorso luglio, la startup israeliana di carne coltivata Aleph Farms ha ricevuto un investimento di 105 milioni di dollari , incluso dall’attore e attivista statunitense Leonardo DiCaprio, per portare sul mercato bistecche coltivate in laboratorio.

Il Good Food Institute (GFI) Israel, un’organizzazione senza scopo di lucro che cerca di promuovere la ricerca e l’innovazione nel campo, ha recentemente pubblicato un rapporto in cui si rileva che le aziende israeliane di tecnologia alimentare nel settore della carne coltivata hanno attirato circa il 40% degli investimenti in tutto il mondo nel 2021

 
Israele ospita attualmente oltre 400 aziende nel settore della tecnologia alimentare , un ampio campo che include nutrizione, imballaggio, sicurezza alimentare, sistemi di lavorazione, nuovi ingredienti e proteine ​​alternative. Quest’ultimo comprende sostituti vegetali per carne, latticini e uova; latticini, carne e frutti di mare coltivati; proteine ​​di insetti; e prodotti e processi di fermentazione.

Un’illustrazione del taglio muscolare intero di manzo stampato in 3D di Redefine Meat (per gentile concessione)
Redefine Meat è una startup leader nel sottosettore della carne di origine vegetale, che comprende anche personaggi di spicco come SavorEat, anche lui produttore di carne di origine vegetale che utilizza la tecnologia 3D (o tecnologia di produzione additiva) e la nuova arrivata Plantish, una startup israeliana che di recente ha presentato un filetto di salmone tagliato intero a base vegetale .

In Israele, secondo l’azienda, i piatti con i prodotti di Redefine Meat sono venduti in circa 200 ristoranti e stabilimenti, tra cui Coffee Bar e Hotel Montefiore a Tel Aviv.

 
Fondata dagli imprenditori Eshchar Ben-Shitrit e Adam Lahav, Redefine Meat (ex JetEat) ha prodotto la sua prima bistecca a base vegetale stampata in 3D nel 2018. L’azienda afferma che la sua tecnologia di produzione digitale su scala industriale brevettata riesce a replicare completamente la struttura muscolare della carne bovina . I prodotti, realizzati con un mix di proteine ​​di piselli, soia, barbabietola rossa, ceci e grasso di cocco, sono ricchi di proteine, non hanno colesterolo e hanno l’aspetto, la cottura, la sensazione e il sapore del vero affare, secondo la startup.

Ridefinire Meat utilizza stampanti 3D e “inchiostro” per “stampare” le bistecche. L’azienda mira a vendere le stampanti e le cartucce ai distributori di carne in tutto il mondo, che stamperanno e distribuiranno la carne una volta prodotta. L’“inchiostro” è composto da ingredienti di origine vegetale come legumi e cereali, per creare la struttura muscolare della carne alternativa; contiene anche grassi delle piante, per imitare il grasso di manzo, e aromi e colori naturali, per imitare il fattore sanguigno nella carne e la sua succosità.

 
La gamma di prodotti dell’azienda, denominata New Meat, ora comprende tagli interi, hamburger, salsicce, spiedini di agnello e carne macinata, poiché la startup ha affermato che spera di diventare “la più grande azienda di carne al mondo offrendo ogni singolo taglio che fa una mucca .”

A novembre, Redefine Meat ha annunciato che i suoi prodotti sarebbero stati resi disponibili in selezionati ristoranti di fascia alta nel Regno Unito, in Germania e nei Paesi Bassi, compresi i ristoranti stellati Michelin.

“Abbiamo raggiunto un livello di superiorità nel gusto e nella consistenza che ha sorpreso anche alcuni degli chef più riconosciuti al mondo e le nostre capacità tecnologiche uniche ci consentono di sostituire ogni parte della mucca per la prima volta”, ha affermato Ben-Shitrit al tempo.

Secondo la società di dati Allied Market Research, il mercato globale dei sostituti della carne dovrebbe raggiungere gli 8,1 miliardi di dollari entro il 2026, poiché i consumatori cercano di ridurre l’assunzione di carne per motivi di salute, benessere degli animali e ambientali.

Di Fantasy

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi